Accedi
Accedi
Oppure accedi con
GoogleGoogle
Twitter Twitter
Facebook Facebook
Apple Apple     
Registrati
Oppure accedi con
GoogleGoogle
Twitter Twitter
Facebook Facebook
Apple Apple     
  1. Home
  2. Azioni
  3. Italia
  4. Borsa Italiana
  5. Eni SpA
  6. Notizie
  7. Riassunto
    ENI   IT0003132476

ENI SPA

(ENI)
  Rapporto
Tempo differito Borsa Italiana  -  17:35:33 27/01/2023
14.29 EUR   +0.66%
28/01Libia: Eni avvia progetto gas, investimento 8 mld dollari
AW
28/01Eni: avvia un importante progetto di sviluppo del gas in Libia
PU
27/01L'agenda della prossima settimana -2-
DJ
RiassuntoQuotazioniGraficiNotizieRatingCalendarioSocietÓFinanzaConsensusRevisioniDerivatiFondi 
RiassuntoTutte le notizieRaccomandazione analistiAltre lingueComunicati stampaPubblicazioni ufficialiNotizie del settoreAnalisi MarketScreener

MILAN MARKET PRE-OPEN: Mib su; sauditi smentiscono aumento output oil

22-11-2022 | 08:38

(Alliance News) - Martedì le piazze europee seguono un andamento positivo, con il prezzo del petrolio Brent in ripresa e scrollandosi di dosso gli sviluppi negativi legati al Covid-19 in Cina.

Lunedì l'Arabia Saudita ha smentito la notizia secondo cui i produttori di petrolio avrebbero discusso di un aumento della produzione per il loro prossimo incontro, affermando che un taglio approvato il mese scorso sarebbe rimasto in vigore fino alla fine del 2023.

Il Wall Street Journal ha riferito lunedì che l'Arabia Saudita - che guida il cartello OPEC+ insieme alla Russia - e altri membri starebbero valutando "un aumento fino a 500.000 barili al giorno".

Ma l'agenzia di stampa ufficiale saudita lunedì sera ha affermato che il ministro dell'Energia, il principe Abdulaziz bin Salman, "nega categoricamente" il rapporto.

"È risaputo, e non è un segreto, che l'OPEC+ non discute alcuna decisione prima delle sue riunioni", ha affermato SPA citando il principe Abdulaziz.

L'analista di CMC Markets Michael Hewson ha commentato: "Mentre guardiamo avanti all'apertura europea di oggi, il forte recupero dei prezzi del petrolio dai minimi di ieri sembra destinato a tradursi in un'apertura leggermente più solida, con l'attenzione principale fissata sull'ultima serie dati economici britannici, mentre l'OCSE pubblicherà la sua ultima serie di prospettive economiche".

Così, il FTSE Mib, mostra un attivo di 60,00 punti, dopo avere ceduto 1,3% a 24.356,05 alla vigilia.

In Europa, il CAC 40 di Parigi avanza di 10,20 punti, il FTSE 100 di Londra è su di 16,00 punti, mentre il DAX 40 di Francoforte è l'unico in passivo con 11,50 punti.

Fra i listini minori, lunedì sera, il Mid-Cap ha ceduto lo 0,9% a 39.356,81, lo Small-Cap è in rosso dello 0,4% a 27.699,87, mentre l'Italia Growth è su dello 0,1% a 9.280,19.

Sul principale listino di Piazza Affari, lunedì sera, i titoli energetici hanno chiuso in rosso, con A2A che ha marcato una flessione dello 0,4%, Enel che ha ceduto l'1,4%, Terna che ha lasciato sul parterre l'1,0% ed Eni che ha perso il 5,2%.

"L'asse tra Giorgia Meloni e Giancarlo Giorgetti sta imponendo ai partiti di maggioranza una Finanziaria all'insegna della prudenza. La manovra di bilancio 2023, che dovrebbe essere varata questa sera dal Consiglio dei ministri, vale EUR32 miliardi, dei quali EUR21 in deficit, tutti dedicati alle misure contro il caro bollette. Intanto i mercati continuano a concedere fiducia al governo di centrodestra, uscito dalle elezioni del 25 settembre. I tassi dei titoli di Stato sono sotto controllo e lo spread con la Germania è a quota 192 punti base.", ha scritto Francesco Bonazzi, columnist di Alliance News.

"Sul fronte del caro-energia è certa una rimodulazione degli extraprofitti, anche se manca ancora la soluzione definitiva. L'idea è quella di basare il calcolo sugli utili effettivi e di alzare la tassa dal 25% al 30%, o anche al 33%. La scelta finale dipenderà anche dalla decisione che verrà presa sul taglio o meno dell'IVA.

Anche Saipem e Tenaris hanno sofferto dell'andamento del mercato, rispettivamente con un rosso del 5,7% e il 5,4%.

Mediobanca ha proseguito il trend ribassista con cui ha aperto la seduta e cede 7,4%, Banca Mediolanum si è deprezzato del 2,9%, mentre Intesa Sanpaolo ha ceduto il 3,4%.

Buzzi Unicem ha scambiato in rosso dell'1,1%. Sul titolo Barclays ha innalzato il target price, portandolo a EUR20,00 da EUR18,50.

Prysmian ha ceduto lo 0,2%. La società ha comunicato venerdì di essersi aggiudicata una commessa del valore di circa EUR150 milioni assegnata dal gestore greco dei sistemi di trasmissione IPTO – Independent Power Transmission Operator - per collegare le isole di Milos, Folegandros e Santorini.

Tra i rialzisti si sono visti UniCredit, in verde dell'1,2%, BPER Banca, su dello 0,3%, e Banco BPM, in rialzo dello 0,9%.

Fa bene anche una parte della Galassia Agnelli: Ferrari e Stellantis su entrambe dello 0,9%, mentre Iveco ha seguito il colore del listino, andando giù dello 0,9%. Tra le midcap, anche Juventus si è posizionata tra i ribassisti e cede l'1,4%.

Sul Mid-Cap, Webuild - su dell'1,0% - nella serata di domenica ha comunicato che il nuovo progetto di mobilità sostenibile in Canada con i partner del consorzio Connect 6ix ha raggiunto il financial closure del contratto per la realizzazione del lotto "Rolling Stock, Systems, Operations and Maintenance" della Ontario Line, la nuova linea di trasporto veloce che attraverserà il centro di Toronto.

Iren ha chiuso in verde dello 0,1%, dopo aver fatto sapere che, attraverso Iren Green Generation - la società dedicata allo sviluppo delle rinnovabili - ha concluso contratti di acquisizione delle autorizzazioni e dei diritti sui terreni per lo sviluppo di due impianti fotovoltaici di potenza complessiva pari a 30 MWp siti nei comuni di Ferrandina e Garaguso, in provincia di Matera, in Basilicata.

In seguito al completamento dell'operazione Iren realizzerà in proprio gli impianti, sostenendo un investimento stimato in EUR26 milioni per la costruzione degli impianti e per l'acquisizione dei diritti di superficie.

Enav ha chiuso in rosso dell'1,8% con Barclays che ha alzato il prezzo obiettivo a EUR5,20 da EUR5,10 con titolo 'overweoght'.

Fra le smallcap, algoWatt - su del 3,2% - lunedì ha comunicato di aver stipulato un importante accordo quadro con una multinazionale europea, leader nei settori strategici dell'elettrificazione, automazione e digitalizzazione, per la fornitura di servizi professionali per la progettazione e sviluppo software per i sistemi di telecontrollo della distribuzione elettrica.

Pininfarina che, insieme a Globics Technology, filiale della National Electronics Holding Limited, ha annunciato venerdì un accordo di licenza globale per distribuire orologi all'avanguardia hybrid e smart sotto il marchio Pininfarina, è flat in chiusura. L'accordo è stato negoziato da IMG, l'agenzia di licensing globale di Pininfarina.

Prima Industrie - in rialzo dello 0,4% - ha reso noto venerdì che Femto Technologies ha ricevuto l'autorizzazione dal Segretario di Stato britannico per le imprese, l'energia e la strategia industriale per l'acquisizione di una partecipazione di controllo nel suo capitale sociale.

Per effetto del closing, Femto Technologies sarà tenuta a promuovere un'offerta pubblica di acquisto totalitaria sulle restanti azioni di Prima Industrie al prezzo di EUR25,00 l'una, corrispondente al prezzo per azione previsto nei contratti di compravendita.

Fra le PMI, è stato Casasold a guidare il ristretto gruppo dei rialzisti con un verde del 5,5% dopo quattro sedute di fila sul lato dei ribassisti.

Clabo si è apprezzato invece dell'1,5%. Il titolo - che manca allo stacco del dividendo dal 2017 - ha terminato la seduta di venerdì in rosso dello 0,6%.

DHH - flat a EUR14,90 per azione - ha annunciato lunedì i risultati del terzo trimestre durante il quale ha registrato ricavi per EUR7,9 milioni in aumento del 69% rispetto a EUR3,9 milioni dello stesso periodo del 2021.

Dopo l'annuncio dell'apertura di un nuovo negozio a Bari, Portobello ha chiuso in attivo del 3,6%.

A New York, nella notte europea, il Dow Jones ha chiuso in rosso dello 0,1%, l'S&P ha ceduto lo 0,4%, mentre il Nasdaq ha lasciato sul parterre l'1,1%.

Tra le valute, l'euro passa di mano a USD1,0252 contro USD1,0241 di lunedì in chiusura azionaria europea. La sterlina scambia a USD1,1830 da USD1,1789 di lunedì sera.

Tra le commodity, il Brent vale USD87,61 al barile da USD83,11 al barile di lunedì sera. L'oro, invece, scambia a USD1.741,17 l'oncia da USD1,735.15 l'oncia di lunedì in chiusura.

Nel calendario economico di martedì, dall'Eurozona, alle 1000 CET, in arrivo le partite correnti e del conto corrente destagionalizzato.

Nel pomeriggio, Oltreoceano, alle 1430 CET verranno rese note le vendite generali al dettaglio del Canada, le vendite del settore manifatturiero, l'indice dei prezzi delle abitazioni e le vendite all'ingrosso.

Alle 1600 CET, negli Stati Uniti, è la volta dell'indice manifatturiero della Fed di Richmond, dell'indice dei servizi.

Di nuovo in Europa, sempre alle 1600 CET, viene pubblicata la fiducia dei consumatori dell'Eurozona.

Tra le società quotate a Piazza Affari sono attesi i risultati di Solutions Capital Management SIM e Zucchi.

Di Maurizio Carta; mauriziocarta@alliancenews.com

Copyright 2022 Alliance News IS Italian Service Limited. Tutti i diritti riservati.

Titoli citati nell'articolo
Variaz.UltimoVar. 1gen
ALGOWATT S.P.A. -2.36%0.662 Prezzo in differita.31.87%
AUSTRALIAN DOLLAR / EURO (AUD/EUR) 0.00%0.6535 Prezzo in differita.2.57%
AUSTRALIAN DOLLAR / US DOLLAR (AUD/USD) 0.00%0.7103 Prezzo in differita.4.40%
BANCA MEDIOLANUM S.P.A. 0.23%8.696 Prezzo in differita.11.52%
BANCO BPM S.P.A. 0.67%4.035 Prezzo in differita.21.03%
BRENT OIL -1.57%86.05 Prezzo in differita.1.71%
BRITISH POUND / EURO (GBP/EUR) 0.00%1.1404 Prezzo in differita.0.87%
CAC 40 0.02%7097.21 Prezzo in tempo reale.9.63%
CANADIAN DOLLAR / EURO (CAD/EUR) -0.02%0.691443 Prezzo in differita.-0.04%
CANADIAN DOLLAR / US DOLLAR (CAD/USD) -0.01%0.7507 Prezzo in differita.1.73%
CASASOLD S.P.A. 1.36%0.894 Prezzo in differita.3.95%
CLABO S.P.A. 0.00%2.1 Prezzo in differita.17.98%
DOMINION HOSTING HOLDING S.P.A. 0.00%15.3 Prezzo in differita.-0.33%
ENAV S.P.A. 0.14%4.256 Prezzo in differita.7.47%
ENI SPA 0.66%14.292 Prezzo in differita.7.57%
EURO / US DOLLAR (EUR/USD) 0.01%1.0866 Prezzo in differita.1.78%
FERRARI N.V. 2.40%253.72 Prezzo in differita.18.44%
FTSE MIB INDEX 0.83%26435.75 Prezzo in differita.11.51%
GENERALI 0.20%17.945 Prezzo in differita.8.00%
INDIAN RUPEE / EURO (INR/EUR) 0.08%0.011289 Prezzo in differita.-0.13%
INDIAN RUPEE / US DOLLAR (INR/USD) -0.11%0.012271 Prezzo in differita.1.60%
IVECO GROUP N.V. -0.03%7.575 Prezzo in differita.36.29%
MSCI ITALY (STRD) 0.65%290.377 Prezzo in tempo reale.10.76%
NASDAQ COMPOSITE 0.95%11621.71 Prezzo in tempo reale.11.04%
NATIONAL ELECTRONICS HOLDINGS LIMITED -1.04%0.95 Prezzo in differita.-1.04%
NEW ZEALAND DOLLAR / US DOLLAR (NZD/USD) 0.00%0.6492 Prezzo in differita.2.23%
PRYSMIAN S.P.A. 0.48%37.5 Prezzo in differita.8.19%
S&P GSCI GOLD INDEX -0.06%1132.74 Prezzo in tempo reale.6.60%
S&P GSCI PETROLEUM INDEX -1.61%312.2301 Prezzo in tempo reale.1.82%
SAIPEM SPA 1.22%1.332 Prezzo di chiusura.18.14%
STELLANTIS N.V. 1.02%14.206 Prezzo in tempo reale.7.05%
STELLANTIS N.V. 1.01%14.196 Prezzo in differita.7.03%
STOXX ITALY 20 (EUR) 0.95%1197.05 Prezzo in differita.11.91%
STOXX ITALY 45 (EUR) 0.85%119.3 Prezzo in differita.11.47%
STOXX ITALY TMI (EUR) 0.80%120.92 Prezzo in differita.11.39%
TENARIS S.A. 2.27%16.465 Prezzo in differita.1.11%
TERNA S.P.A. -0.27%7.286 Prezzo in differita.5.59%
UNICREDIT S.P.A. 0.97%15.888 Prezzo in differita.19.71%
US DOLLAR / RUSSIAN ROUBLE (USD/RUB) 1.23%70.627 Prezzo in differita.-3.48%
WEBUILD S.P.A. 2.57%1.716 Prezzo in differita.24.80%
WTI 0.00%79.45 Prezzo in differita.0.75%
Tutte le notizie su ENI SPA
28/01Libia: Eni avvia progetto gas, investimento 8 mld dollari
AW
28/01Eni: avvia un importante progetto di sviluppo del gas in Libia
PU
27/01L'agenda della prossima settimana -2-
DJ
27/01L'agenda della prossima settimana
DJ
27/01COMMENTO ENERGY BORSA: A2A in marginale progresso
DJ
27/01Difesa: disgelo Italia-Francia, vertice per accordi (CorSera)
DJ
27/01COMMENTO ENERGY BORSA: Eni/Enel, analisti confermano buy
DJ
27/01Banca mondiale: green bond anche per idrogeno e litio (MF)
DJ
27/01Ue: allo studio piano per approvvigionamento materie prime (MF)
DJ
26/01Energia: Adoc, accordo con Eni Plenitude per rateizzazione bollette
DJ
Altre news
Raccomandazioni degli analisti su ENI SPA
Altre raccomandazioni
Dati finanziari
Fatturato 2022 123 Mld 134 Mld -
Risultato netto 2022 13 328 M 14 468 M -
Indebitamento netto 2022 12 658 M 13 740 M -
P/E ratio 2022 3,71x
Rendimento 2022 6,15%
Capitalizzazione 48 091 M 52 204 M -
VS / Fatturato 2022 0,49x
VS / Fatturato 2023 0,51x
N. di dipendenti 32 689
Flottante 68,1%
Grafico ENI SPA
Durata : Periodo :
Eni SpA: grafico analisi tecnica Eni SpA | MarketScreener
Grafico a schermo intero
Trend analisi tecnica ENI SPA
Breve TermineMedio TermineLungo Termine
TrendRialzistaRialzistaRialzista
Evoluzione del Conto dei Risultati
Consensus
Vendita
Buy
Raccomandazione media Buy
Numero di analisti 27
Ultimo prezzo di chiusura 14,29 €
Prezzo obiettivo medio 17,04 €
Differenza / Target Medio 19,2%
Revisioni EPS
Dirigenti e Amministratori
Claudio Descalzi COO-Exploration & Production Division
Francesco Gattei Chief Financial Officer
Lucia Calvosa Chairman
Francesca Zarri Director-Technology, Research & Development
Giuseppe Ricci Deputy Chief Operating Officer
Settore e Concorrenza
Var. 1genCapi. (M$)
ENI SPA7.57%52 204
SAUDI ARABIAN OIL COMPANY2.49%1 927 277
SHELL PLC1.91%204 712
TOTALENERGIES SE-0.05%157 227
PETROCHINA COMPANY LIMITED17.65%135 205
EQUINOR ASA-13.72%97 142