L'impresa statunitense di gasdotti per il gas naturale Mountain Valley Pipeline ha detto mercoledì che si sta preparando a mettere in funzione il tubo da 7,85 miliardi di dollari dalla Virginia Occidentale alla Virginia, dopo aver ricevuto l'approvazione da parte di un regolatore energetico statunitense.

Il progetto Mountain Valley, il più grande gasdotto attualmente in costruzione nel Nord-Est, si è scontrato con numerose battaglie normative e giudiziarie che hanno fermato i lavori più volte dall'inizio della costruzione nel 2018.

"Sono in corso i preparativi finali per l'inizio delle operazioni commerciali", ha dichiarato a Reuters in un'e-mail un portavoce della società statunitense di gasdotti Equitrans Midstream, il partner principale del progetto Mountain Valley.

Equitrans ha fatto i suoi commenti dopo che la Commissione Federale di Regolamentazione dell'Energia degli Stati Uniti ha approvato la richiesta di Mountain Valley di avviare il progetto.

Equitrans non ha potuto dire quando il gas potrebbe iniziare a fluire attraverso il tubo di Mountain Valley, che ha una capacità di 2,0 miliardi di piedi cubi al giorno (bcfd).

Un miliardo di piedi cubi è una quantità di gas sufficiente a rifornire circa 5 milioni di case statunitensi per un giorno.

Separatamente,

EQT

Toby Rice, CEO di EQT, ha dichiarato a Natural Gas Intelligence in occasione della conferenza LDC Gas Forums Northeast a Boston, che EQT ha iniziato a riportare online una parte della produzione di 1 bcfd che ha iniziato a ridurre a febbraio, quando i prezzi del gas sono scesi.

EQT, il più grande produttore di gas della nazione,

ha concordato a marzo di acquistare Equitrans in un accordo interamente azionario, che dovrebbe concludersi nel quarto trimestre. Questo riporterebbe l'attività di pipeline che EQT ha scorporato nel 2018.

Gli analisti prevedono che una parte dell'aumento della produzione di EQT passerà attraverso Mountain Valley, ma hanno notato che i vincoli delle condutture a valle impediranno probabilmente a Mountain Valley di raggiungere la piena capacità almeno per qualche altro mese.

"È probabile che gli aumenti di produzione rimangano molto al di sotto della capacità nominale di Mountain Valley (2,0 miliardi di m3) durante i mesi estivi, a causa dei vincoli delle condutture a valle", hanno dichiarato in una nota gli analisti della società di consulenza energetica EBW Analytics.

Quando Mountain Valley ha iniziato la costruzione, il partner principale Equitrans, con una partecipazione del 49% circa, ha stimato che il progetto sarebbe costato circa 3,5 miliardi di dollari e sarebbe entrato in servizio alla fine del 2018.

Il progetto di 303 miglia (488 km) è di proprietà di unità di Equitrans, NextEra Energy, Consolidated Edison, AltaGas e RGC Resources. Equitrans gestirà la conduttura. (Relazioni di Harshit Verma a Bengaluru e Scott DiSavino a New York; Redazione di Elaine Hardcastle e Rod Nickel)