Nell'ottobre del 2022, gli azionisti di Euroapi avevano tutte le ragioni per rallegrarsi quando le azioni della società avevano raggiunto un picco di 19 euro. Meno di sei mesi prima, con l’introduzione in Borsa, le avevano acquistate a 12 euro l'una. Il problema è che nelle settimane successive le azioni hanno perso metà del loro valore. Sorprendente per un'azienda del settore sanitario, da sempre considerato stabile e difensivo. La spiegazione è da ricercare in una serie di eventi negativi che hanno compromesso in larga misura quella che si preannunciava come una promettente storia borsistica.

Un CDMO francese

Facciamo un passo indietro. Nell'ambito di una riorganizzazione di vasta portata, nel 2020 il colosso francese Sanofi aveva deciso di rendere autonoma la sua divisione di ingredienti farmaceutici attivi, i famosi “API” (Active Pharmaceutical Ingredient), la cui sigla ha dato il nome alla filiale. A proposito di acronimi, Euroapi appartiene alla famiglia dei CDMO (Contract Development Manufacturing Organisations), i subappaltatori dell'industria farmaceutica, come Lonza, Siegfried e Bachem.

All'epoca, il gruppo si trovava nel mezzo di due grandi correnti opposte. Da un lato, la necessità di sovranità industriale, dolorosamente evidenziata per l'industria farmaceutica durante la pandemia di coronavirus. Dall'altro, la tendenza delle grandi aziende farmaceutiche a vendere le attività meno redditizie.

Margini molto bassi rispetto a Sanofi

Se Sanofi ha proceduto alla scissione di Euroapi, è perché questa attività non era al livello di rendimento delle altre divisioni del laboratorio. Il margine operativo del 2022 era inferiore al 5%, mentre quello della sua ex casa madre era del 30%. Ciononostante, Euroapi ha un potenziale di crescita considerevole per raggiungere il livello dei migliori attori del settore. È su questo miglioramento - a prima vista una scommessa ragionevole - che si basava lo scorso anno l'appeal del titolo.

Fino alla prima battuta d'arresto del 7 dicembre 2022, giorno in cui il prezzo delle azioni è crollato del 16% dopo una severa revisione al ribasso degli obiettivi annuali. Un annuncio fuori luogo a pochi mesi dalla quotazione in Borsa dell'azienda. La spiegazione di Euroapi - un grave problema di qualità della produzione nel sito ungherese - non era servita a rassicurare la comunità finanziaria. In questo tipo di intoppi industriali, gli investitori vedono automaticamente una mancanza di controllo interno. Ed è successo di nuovo l'8 marzo di quest'anno, con un crollo del 22%. Questa volta sono stati una svalutazione contabile e un cambiamento degli obiettivi a medio termine a far esplodere la polveriera e a minare ulteriormente la credibilità del management.

Un nuovo inizio?

Da allora la situazione è migliorata. Il management sembra aver ripreso il controllo delle operazioni e da diversi mesi non si registrano più delusioni. Il prezzo dell'azione è persino salito gradualmente al di sopra del prezzo dell'IPO. L'ultima pubblicazione dei risultati ha rassicurato notevolmente la comunità finanziaria. Di conseguenza, Euroapi è nuovamente appetibile, con un ritorno allo scenario iniziale: un notevole potenziale di ottimizzazione del business, in un contesto in cui la produzione di principi attivi farmaceutici sul territorio europeo è tornata ad essere strategica.

Periodo fiscale: Dicembre 2021 2022 2023 2024 2025 2026
Fatturato 1 - 976,6 1.013 917 969,2 1.005
EBITDA 1 - 120 93,1 49,85 95,65 127,9
Risultato ante oneri finanziari (EBIT) 1 - 47,3 16,7 -18,51 34,76 57,25
Margine operativo - 4,84% 1,65% -2,02% 3,59% 5,7%
Risultato ante Imposte (EBT) 1 - 3,1 -242,8 -73,66 -40,31 28,56
Risultato netto 1 -15,8 -15 -189,7 -81,94 -11,84 33,53
Margine netto - -1,54% -18,72% -8,94% -1,22% 3,34%
EPS 2 -0,1800 -0,1600 -2,020 -0,8655 -0,1239 0,3569
Free Cash Flow 1 - -122,6 - 71,95 2,733 45,5
Margine FCF - -12,55% - 7,85% 0,28% 4,53%
FCF Conversion (EBITDA) - - - 144,34% 2,86% 35,59%
FCF Conversion (Risultato netto) - - - - - 135,72%
Dividendo/Azione 2 - - - - 0,007500 0,2858
Data di pubblicazione 29/04/22 08/03/23 28/02/24 - - -
1EUR in Milioni2EUR
Dati Stimati

Dal punto di vista finanziario, ciò significherà un margine operativo che dovrebbe raddoppiare entro il 2025 e l'arrivo di un free cash-flow più elevato e ricorrente. Gli analisti sono abbastanza fiduciosi nei due punti di forza del modello economico della società. In primo luogo, un'elevata quota di mercato nel settore degli API di piccole molecole e, in secondo luogo, un visibile rafforzamento della divisione CDMO, che ha generato nove decimi della crescita del primo semestre. Ciò dovrebbe permettere al fatturato di crescere del 7-8% tra il 2023 e il 2026, un tasso leggermente superiore alla media del settore farmaceutico. Considerando che il titolo soffre di uno sconto significativo rispetto alle concorrenti, abbastanza giustificato alla luce degli eventi sopra citati, è probabile che ci sia un ritardo da sfruttare se, questa volta, le promesse saranno mantenute.