Login
E-mail
Password
Mostra password
Ricorda
Password dimenticata?
Iscriviti gratuitamente
Registrazione
Registrazione
Parametri
Parametri
Quotazioni dinamiche 
OFFON
  1. Home
  2. Azioni
  3. Italia
  4. Borsa Italiana
  5. Exor N.V.
  6. Notizie
  7. Riassunto
    EXO   NL0012059018

EXOR N.V.

(EXO)
RiassuntoQuotazioniGraficiNotizieRatingAgendaSocietÓFinanzaConsensusRevisioniDerivati 
RiassuntoTutte le notizieAltre lingueComunicati stampaPubblicazioni ufficialiNotizie del settoreAnalisi MarketScreener

Finanza: startup formato Exor (Mi.Fi.)

27-09-2021 | 09:05

MILANO (MF-DJ)--John Elkann ha affidato a Diego Piacentini il compito di trovare le grandi aziende del XXI secolo. Dopo aver contribuito a rendere colossali Apple e Amazon, il manager milanese (ma residente a Seattle) aiuterà Exor nella ricerca della next big thing e nel diventare un punto di riferimento per le startup globali. Il neo-presidente e advisor di Exor Seeds - spiega Piacentini a Milano Finanza - si è dato la missione di trasformare il braccio di venture capital della holding da «boutique» a «fondo strutturato e riconosciuto a livello mondiale». Anche per Exor Seeds, insomma, è giunto il momento di crescere e superare la fase di startup.

Domanda. Qual è il suo piano per Exor Seeds?

Risposta. È un'iniziativa giovane, nata da circa quattro anni, ma cresce in fretta sospinta dall'entusiasmo di John Elkann. I manager sono bravissimi a cercare investimenti, il mio ruolo sarà creare metodi, processi, organizzazione e cultura del rischio che permettono di scalare: di passare da boutique del venture capital a fondo internazionalmente riconosciuto al pari di Sequoia o Greylock. L'investimento di Exor Seeds deve diventare un sigillo di qualità della startup prescelta.

D. La logica d'investimento sarà finanziaria o anche industriale?

R. Entrambe. La complementarietà con le imprese controllate da Exor è uno dei criteri ma non l'unico e non sarà sufficiente a creare un grande fondo di venture capital. D'altra parte, la creazione di sinergie non è automatica, passare dalle buone intenzioni alle concrete collaborazioni.

D. Exor Seeds avrà un'attenzione speciale all'Italia?

R. Assolutamente sì, ci sarà un focus d'investimento particolare perché qui Exor ha le radici, perché conosciamo meglio il mercato e vogliamo aiutarlo a crescere.

D. In che modo?

R. Nel mondo delle startup gli unicorni sono soltanto lo 0,07%. All'interno di questa schiera ci sono quattro-cinque società spagnole, svizzere e francesi, nessuna italiana. Il divario c'è, quindi, ma non è incolmabile e anzi potrebbe accorciarsi in fretta perché i capitali stanno arrivando. In Italia ci sono gemme, ma bisogna scavare per trovarle.

D. Come attrarre capitali internazionali?

R. Al contrario di altri Paesi come Spagna e Regno Unito dove le startup nascono per natura e lingua già con vocazione internazionale, in Italia il mercato di partenza è limitato e forse sufficiente soltanto per iniziative fintech e retail di successo. Le startup di ogni altro settore devono quindi sforzarsi di diventare velocemente internazionali se vogliono attrarre investimenti da venture capital globali. La misura del successo è quando il fatturato in Italia è meno del 5% del totale. Se sei oltre il 10% vuol dire che sei ancora troppo attaccato al mercato domestico.

D. Pur in presenza di questi requisiti, però, le startup italiane faticano a emergere. Come mai?

R. Non esiste una sola causa, ma una serie di fattori concomitanti e noti da tempo: burocrazia, mancanza di capitali, pregiudizi sull'ecosistema, incapacità di trattenere i talenti. Tutti questi difetti ci sono, ma bisogna evitare di esaltarli perché altrimenti diventa una profezia che si autoavvera.

D. Qual è allora l'ostacolo principale?

R. C'è un problema di cultura. In Italia per ottenere le risorse per crescere devi far vedere i risultati, ma una startup senza risorse non può ottenere risultati. Amazon non sarebbe diventata Amazon se gli investitori gli avessero chiesto di mostrare i profitti prima di avere le risorse finanziarie. È una mentalità sbagliata che sta cambiando.

D. Vede il rischio di una bolla sul mercato del venture capital?

R. In generale no, in qualche ambito è possibile. Anche per il venture capital vale il principio di Benjamin Graham: nel breve periodo il mercato è una macchina che vota, ma nel lungo è una macchina che pesa. Le scelte vengono spesso fatte per emulazione e non dopo attenta valutazione e quindi bisogna stare attenti a non sopravvalutare le startup di alcuni settori. Le bolle sono statisticamente inevitabili e difficilmente correggibili.

D. Come schivarle?

R. Nel boom del '99 e 2000 c'erano startup che aprivano filiali ovunque senza strategia e senza alcun prodotto distintivo. Sta a chi investe riuscire distinguere il grano dal loglio. Per fortuna, nella maggior parte dei casi non mancano strumenti e dati per riuscirci. In genere, però, il successo è più elevato nei settori più nuovi e dove quindi ci sono meno informazioni disponibili. Lì bisogna correre rischi, calcolati ma rischi. D'altra parte, spesso gli investimenti peggiori sono quelli che non fai.

D. Quindi?

R. Occorre studiare, lavorare sull'intuizione e guardare sempre con curiosità e attenzione alle nuove tendenze che stanno nascendo, anche se talvolta sono insondabili. Qualche anno fa un conoscente mi disse che stava lasciando Microsoft per entrare in una startup che permetteva di mandare messaggi al mondo per documentare quello che si stava mangiando. All'epoca mi parve una scelta assurda: quella startup era Twitter.

D. Quali tendenze vede oggi?

R. Qualsiasi attività utile a misurare l'impronta di carbonio di un'azienda, a catturare la Co2 e a ridurre le emissioni di gas serra. Ho investito in una startup attiva nella cattura di carbonio e ne conosco le difficoltà di sviluppo. Ci vorrà tempo per industrializzare queste tecnologie, ma cambieranno tutto.

D. Presidente di Exor Seeds, advisor di Kkr e membro di diversi board di imprese e associazioni. Ha altri progetti in mente?

R. Intendo impegnarmi in prima persona sui temi della lotta al cambiamento climatico e dell'educazione, sia in qualità di consulente sia come investitore.

fch

(END) Dow Jones Newswires

September 27, 2021 03:04 ET (07:04 GMT)

Valori citati nell'articolo
Variaz.UltimoVar. 1gen
AMAZON.COM, INC. 3.31%3409.02 Prezzo in differita.1.32%
APPLE INC. 0.75%144.84 Prezzo in differita.9.16%
EXOR N.V. 1.00%74.46 Prezzo in differita.12.44%
RADICI PIETRO INDUSTRIES & BRANDS S.P.A. 0.00%1.62 Prezzo in differita.-22.86%
Tutte le notizie su EXOR N.V.
12/10BORSA DI MILANO: Borsa Milano, seduta fiacca, bene Diasorin, strappa nel finale Aeffe
RE
12/10TOP MANAGER REPUTATION: Messina 1*, Colaninno scala 15 posizioni
DJ
08/10B20: Elkann; accordo su 10 priorita', raccomandazioni a Draghi
DJ
08/10JUVENTUS: pubblicata lista per Cda
DJ
08/10L'agenda di oggi
DJ
06/10L'agenda della settimana
DJ
05/10JUVENTUS: depositata solo lista Exor, termine prorogato a 7/10
DJ
05/10EXOR: John Elkann, ora il mondo apre alla moda (MFF)
DJ
29/09BORSA: equity positivo, bene titoli del lusso
DJ
29/09BORSA: azionario prosegue sopra la parità
DJ
Pi¨ notizie
Dati finanziari
Fatturato 2021 1 972 M 2 288 M -
Risultato netto 2021 1 761 M 2 043 M -
Indebitamento netto 2021 1 886 M 2 188 M -
P/E ratio 2021 10,0x
Rendimento 2021 0,61%
Capitalizzazione 17 537 M 20 344 M -
VS / Fatturato 2021 9,85x
Capi. / Fatturato 2022 10,1x
N. di dipendenti 263 284
Flottante 42,9%
Grafico EXOR N.V.
Durata : Periodo :
Exor N.V.: grafico analisi tecnica Exor N.V. | MarketScreener
Grafico a schermo intero
Trend analisi tecnica EXOR N.V.
Breve TermineMedio TermineLungo Termine
TrendRialzistaNeutraleRialzista
Evoluzione del Conto di Risultati
Consensus
Vendita
Acquisto
Raccomandazione media Comprare
Numero di analisti 7
Ultimo prezzo di chiusura 74,46 €
Prezzo obiettivo medio 90,38 €
Differenza / Target Medio 21,4%
Revisioni EPS
Dirigenti e Amministratori
John Jacob Philip Elkann Chairman & Chief Executive Officer
Enrico Vellano Chief Financial Officer
Laurence Debroux Independent Non-Executive Director
Marc Jan Bolland Senior Independent Non-Executive Director
Joseph Yong Bum Bae Independent Non-Executive Director
Settore e Concorrenza
Var. 1genCapi. (M$)
EXOR N.V.12.44%20 344
BYD COMPANY LIMITED34.35%116 616
STELLANTIS N.V.17.37%62 532
FERRARI N.V.-2.22%41 319
SAIC MOTOR CORPORATION LIMITED-14.81%37 452
MARUTI SUZUKI INDIA LTD-2.00%30 195