Login
E-mail
Password
Mostra password
Ricorda
Password dimenticata?
Iscriviti gratuitamente
Registrazione
Registrazione
Parametri
Parametri
Quotazioni dinamiche 
OFFON
  1. Home
  2. Azioni
  3. Giappone
  4. Japan Exchange
  5. Fast Retailing Co., Ltd.
  6. Notizie
  7. Riassunto
    9983   JP3802300008

FAST RETAILING CO., LTD.

(9983)
RiassuntoGraficiNotizieRatingAgendaSocietàFinanzaConsensusRevisioni 
RiassuntoTutte le notizieAltre lingueComunicati stampaPubblicazioni ufficialiNotizie del settore

Non così in fretta! I colli di bottiglia dell'offerta mettono a dura prova le catene della moda

13-10-2021 | 08:13
FILE PHOTO: A model walks on an in-house catwalk at the ASOS headquarters in London, Britain

Colli di bottiglia, consegne di prodotti più lente e costi di trasporto e di lavoro più elevati rischiano di spostare l'industria del fast fashion nella corsia lenta, come dimostrato questa settimana dal rivenditore di moda online britannico ASOS.

Un modello di business che mira a portare nuovi stili nei negozi ogni tre settimane circa e dove gli acquirenti si aspettano di vedere merce fresca e a prezzi ragionevoli ad ogni visita sta scoprendo i suoi limiti.

"Quando si tratta di fast fashion, l'importante è essere i primi sul mercato", ha detto Gus Bartholomew, CEO e co-fondatore di SupplyCompass, una società con sede a Londra specializzata nello sviluppo di prodotti e software di consegna per i marchi di moda.

"Quello che stiamo vedendo con la maggior parte dei marchi è che stanno ancora lottando massicciamente con la visibilità e il controllo intorno alla certezza della consegna - sapendo quando le cose saranno consegnate e quando le cose potrebbero andare male e come questo avrà effettivamente un impatto su di loro".

Le azioni di ASOS sono scese del 16% https://www.reuters.com/world/uk/asos-says-ceo-nick-beighton-step-down-2021-10-11 lunedì dopo aver avvertito che l'utile annuale potrebbe diminuire di oltre il 40% quest'anno, in parte perché si aspetta che i ritardi nell'ottenere le scorte dai marchi partner persistano nel prossimo anno.

Meno di due settimane prima che il rivale Boohoo https://www.reuters.com/article/boohoo-results-idCNL8N2QW1AG avvertisse che il suo profitto annuale sarebbe stato intaccato da maggiori costi di trasporto.

L'attenzione si concentrerà giovedì su Fast Retailing, il genitore giapponese di Uniqlo, quando riporterà i risultati finanziari trimestrali.

L'azienda ha detto alla fine di settembre https://www.reuters.com/business/retail-consumer/uniqlo-owner-fast-retailing-sees-impact-vietnam-lockdowns-2021-09-16 che le sue uscite di abbigliamento saranno ritardate a causa dei blocchi COVID-19 nelle fabbriche partner in Vietnam.

Le aziende, da Abercrombie & Fitch a Nike, hanno visto i loro margini ridursi negli ultimi mesi, poiché sono alle prese con costi più alti delle materie prime e spendono di più per le spedizioni.

Gap, American Eagle, Kohl's, Macy's dovrebbero registrare la loro più lenta crescita dei margini finora quest'anno quando riferiranno i risultati del terzo trimestre il mese prossimo, secondo i dati di Refinitiv.

TRANSITO LENTO

Le forniture economiche dall'Asia sono state centrali per molti modelli di business del fast fashion.

Il rovescio della medaglia della dipendenza dalla forza lavoro remota è stato evidenziato dall'aumento dei tempi di transito - Matt Friend, Chief Financial Officer di Nike, ha detto il mese scorso che i tempi di transito per gli Stati Uniti dall'Asia sono raddoppiati a 80 giorni.

Inoltre, le fabbriche di abbigliamento in Vietnam, un hub per i produttori di fast fashion, affrontano una carenza di lavoratori, in particolare nelle strutture situate in aree chiuse.

"Un grande punto dolente è la produzione in paesi come il Vietnam, il Bangladesh e anche in Cina", ha detto Neil Saunders, amministratore delegato e analista al dettaglio di GlobalData Retail.

Il fast-fashion è "un segmento molto sensibile al tempo, che porta a problemi" perché è difficile vendere le scorte fuori stagione.

Nelle circostanze attuali, questo potrebbe significare che quando le spedizioni arrivano, nessuno le vuole più, mentre il rischio è che i negozi abbiano poco da offrire durante la grande stagione di vendita che inizia con il Black Friday a novembre.

In media, negli Stati Uniti, circa un terzo dei blazer neri da uomo di Zara erano esauriti nel terzo trimestre, così come più di un quinto di tutte le magliette bianche da donna di H&M, secondo la società di dati StyleSage.

StyleSage gestisce una piattaforma online che monitora i prezzi per fornire informazioni sulla concorrenza ai rivenditori.

H&M, seconda dietro il proprietario di Zara, Inditex, nel mercato globale dell'abbigliamento, si basa sull'Asia per circa il 70% della sua produzione, secondo gli analisti.

Le interruzioni di fornitura hanno ostacolato le vendite di H&M a settembre e l'amministratore delegato Helena Helmersson ha detto agli analisti e ai media http://www.reuters.com/business/retail-consumer/hms-june-august-profit-rises-more-than-expected-2021-09-30 il 30 settembre che H&M si stava preparando a ulteriori ritardi nelle consegne.

VICINO AL MOMENTO

Una soluzione è quella di ridurre l'esposizione globale, che può anche aiutare ad affrontare la pressione degli investitori concentrati sui fattori ambientali, sociali e di governance (ESG), tra cui le impronte di carbonio e i diritti dei lavoratori.

La spagnola Inditex è molto meno esposta all'Asia rispetto ai suoi rivali, e si rifornisce di più dei suoi prodotti vicino a casa.

Anche l'italiana Benetton https://www.reuters.com/article/benetton-reshoring-idCNL8N2QQ3N0 si sta allontanando dalle catene di fornitura a livello mondiale e dai centri di produzione a basso costo in Asia, in un cambiamento, noto come near-shoring, che potrebbe rivelarsi un'eredità duratura della pandemia di COVID-19.

Per altri, il tempo e il costo di ingegnerizzare un cambiamento è troppo grande e in ogni caso, i profitti non sono stati spazzati via.

Nonostante la pressione, il margine rettificato di ASOS prima degli interessi e delle tasse (EBIT) è aumentato di 70 punti base al 5,3% nell'anno al 31 agosto. Il suo obiettivo a medio termine (3-4 anni) è "almeno" il 4,3%.

ASOS, che si è rapidamente espansa fino a diventare una forza nella vendita al dettaglio nel Regno Unito, si rifornisce per la maggior parte delle sue merci dalla Cina e dall'India.

Deve anche affrontare maggiori costi di trasporto in entrata e di consegna in uscita, i costi dei dazi legati all'uscita della Gran Bretagna dall'Unione Europea e l'inflazione dei salari della manodopera.

Lunedì, ha detto che le pressioni della catena di approvvigionamento dovrebbero continuare fino alla fine di febbraio, con conseguenti tempi di consegna più lunghi per le merci importate e un'offerta limitata dai marchi partner.

"Penso che (la disponibilità) sarà irregolare in termini di marchi di terze parti, ma stavano certamente costruendo ora e stavano ancora cercando di avere una crescita decente in questo primo periodo (metà)", ha detto a Reuters il presidente Adam Crozier. (Rapporti aggiuntivi di Aishwarya Venugopal, Richa Naidu, Anna Ringstrom, Rocky Swift e Corina Pons; editing di Keith Weir e Barbara Lewis)


© MarketScreener con Reuters 2021
Titoli citati nell'articolo
Variaz.UltimoVar. 1gen
ASOS PLC 0.20%2530 Prezzo in differita.-47.21%
BOOHOO GROUP PLC -1.68%164.25 Prezzo in differita.-51.30%
FAST RETAILING CO., LTD. 1.31%68750 Prezzo di chiusura.-25.65%
Tutte le notizie su FAST RETAILING CO., LTD.
03/12Nikkei inverte la rotta per finire più in alto su acquisti d'occasione, mentre le azion..
MR
03/12NIKKEI: i bordi del Nikkei si abbassano sui guai di Omicron; SoftBank cade dopo i crolli ..
MR
23/11UNIQLO: obiettivo Italia (MFF)
DJ
02/11Fast Retailing Co. Approva il pagamento del dividendo finale per l'esercizio conclusosi..
CI
01/11Le vendite degli inquilini dei centri commerciali IKEA crescono del 16%
MR
28/10La riapertura dell'Asia aumenta i viaggi, i marchi di moda; i vincitori della pandemia ..
MR
26/10Nikkei sale sui guadagni di Wall Street, ottimismo sui guadagni
MR
26/10Nikkei segue Wall Street più in alto tra l'ottimismo dei guadagni
MR
25/10Nikkei 225 scivola dello 0,7% su guadagni e prospettive elettorali
MT
25/10Nikkei scivola su guadagni morbidi, preoccupazioni tecnologiche americane
MR
Più notizie
Dati finanziari
Fatturato 2022 2 266 Mld 19 915 M 17 558 M
Risultato netto 2022 189 Mld 1 661 M 1 464 M
Liqui. netta 2022 612 Mld 5 379 M 4 743 M
P/E ratio 2022 37,3x
Rendimento 2022 0,77%
Capitalizzazione 7 023 Mld 61 697 M 54 428 M
VS / Fatturato 2022 2,83x
VS / Fatturato 2023 2,49x
N. di dipendenti 55 589
Flottante 51,4%
Grafico FAST RETAILING CO., LTD.
Durata : Periodo :
Fast Retailing Co., Ltd.: grafico analisi tecnica Fast Retailing Co., Ltd. | MarketScreener
Grafico a schermo intero
Trend analisi tecnica FAST RETAILING CO., LTD.
Breve TermineMedio TermineLungo Termine
TrendRibassistaRibassistaRibassista
Evoluzione del Conto di Risultati
Consensus
Vendita
Acquisto
Raccomandazione media ACCUMULARE
Numero di analisti 13
Ultimo prezzo di chiusura 68 750,00 JPY
Prezzo obiettivo medio 80 567,23 JPY
Differenza / Target Medio 17,2%
Revisioni EPS
Dirigenti e Amministratori
Tadashi Yanai Chairman, President & Group CEO
Takeshi Okazaki CFO, Director & Group Senior Executive Officer
Masaaki Shintaku Independent Outside Director
Toru Hambayashi Independent Outside Director
Nobumichi Hattori Independent Outside Director
Settore e Concorrenza
Var. 1genCapi. (M$)
FAST RETAILING CO., LTD.-25.65%61 030
INDITEX13.90%103 854
KERING23.69%102 535
ROSS STORES, INC.-8.25%40 192
HENNES & MAURITZ AB-0.60%31 009
ZALANDO SE-19.13%22 032