1. Home
  2. Azioni
  3. Stati Uniti
  4. Nyse
  5. Ferrari N.V.
  6. Notizie
  7. Riassunto
    RACE   NL0011585146

FERRARI N.V.

(RACE)
  Rapporto
Tempo differito Nyse  -  22:00 01/07/2022
187.94 USD   +2.43%
01/07TOP STORIES ITALIA: Exor acquisisce 10% Institut Merieux, investimento da 833 mln
DJ
01/07Lamborghini investirà più di 1,8 mld per elettrificazione - AD a Sole
RE
01/07BORSA: commento di preapertura
DJ
RiassuntoQuotazioniGraficiNotizieRatingCalendarioSocietÓFinanzaConsensusRevisioniDerivati 
RiassuntoTutte le notizieRaccomandazione analistiAltre lingueComunicati stampaPubblicazioni ufficialiNotizie del settoreAnalisi MarketScreener

Economia: i 30 maggiori brand italiani valgono 128,7 mld usd

20-05-2022 | 19:24

MILANO (MF-DJ)--Il valore complessivo dei brand della classifica "Kantar's BrandZ Top 30 Italian brands" è cresciuto del 12% nell'ultimo anno raggiungendo i 128,7 miliardi di dollari, una crescita doppia rispetto a quella del Pil italiano nel 2021 (6,5%). Negli ultimi quattro anni i marchi italiani sono cresciuti in valore del 51%.

Il made in Italy, spiega una nota, è sinonimo di qualità e continua a trainare la crescita internazionale dei brand del lusso e non solo, come dimostrato da Ferrari, Ferrero Rocher, Nutella e Pirelli. I brand italiani spesso raccontano la loro storia di origine e promuovono le qualità e le caratteristiche che hanno reso i loro prodotti rinomati e desiderati in tutto il mondo.

Contrariamente a gran parte del mondo, l'Italia ha vissuto lo scorso anno un brillante momento internazionale. Recentemente contrassegnata da The Economist come 'Paese dell'anno', ha avuto una ripresa economica più rapida della maggior parte dei paesi limitrofi, sostenuta in parte da un rapido ritorno della domanda dei suoi prodotti oltreoceano, dove i consumatori apprezzano particolarmente il made in Italy.

I brand di lusso italiani continuano a contribuire alla crescita di valore della classifica Top 30, con otto brand che rappresentano il 44% (pari a 57,2 miliardi di dollari) del valore totale del brand. Le marche del lusso generano la crescita maggiore in valore assoluto anno dopo anno (più di 9 miliardi di dollari), con Bulgari, Fendi e Prada che hanno registrato una crescita significativa del valore del brand durante l'ultimo anno.

Il valore di Fendi è cresciuto maggiormente, del 47% (pari a 4,7 miliardi di dollari), sostenuto dal revival di articoli iconici e vintage e dalla collezione Fendace, un mash-up senza precedenti frutto della collaborazione tra Fendi e Versace, nata dalla volontà del nuovo direttore creativo Kim Jones di celebrare la rinnovata partnership.

Gucci ha mantenuto, per il quarto anno consecutivo, la sua prima posizione in classifica come brand italiano di maggior valore, 37,9 miliardi di dollari. Dopo 100 anni di attività, Gucci definisce la sua unicità grazie alle nuove collezioni altamente creative e alla premium brand experience su tutti i canali, con un focus particolare sul digitale. Il valore del brand è quasi pari a un terzo del valore totale (128,7 miliardi di dollari) di tutti i brand italiani in classifica, e vale oltre tre volte il valore del brand Enel che mantiene il secondo posto in classifica (pari a 12,6 miliardi di dollari), grazie al suo modello di business sostenibile e integrato.

Versace è l'unico newcomer di quest'anno. Il suo posizionamento glamour, sostenuto da alcune delle più grandi celebrità del mondo che sfoggiano abiti della griffe, e la visione del design audace e coraggiosa di Donatella Versace hanno contribuito a guidare la crescita del fatturato globale dell'81% nel primo semestre 2021.

Nonostante la crescita dei brand, Federico Capeci, managing director di Kantar Italia, Grecia ed Israele, invita i brand italiani a non dimenticare il ruolo che la comunicazione gioca nel mantenerle forti e prestigiose: "Eccellere con prodotti innovativi e una superba brand experience non sono più elementi sufficienti per garantirsi il successo. Occorre aprirsi ai nuovi valori dei consumatori, più propensi ad acquistare da marche in linea con le proprie idee e convinzioni. Questi ultimi, infatti, non pensano più solo a come i prodotti sono stati realizzati, ma da chi, in quali condizioni, e se le materie prime sono sostenibili. Gucci, per esempio, ha affrontato questa sfida a testa alta: non promuove solo tessuti, pelletteria e pietre preziose, ma dimostra anche impegno e autenticità. La nostra analisi mostra che l'exposure è una delle maggiori leve di crescita; ma le marche stanno facendo abbastanza per dimostrare chiaramente che i loro prodotti e servizi soddisfino le esigenze di un consumatore più coscienzioso con contenuti convincenti?", ha continuato. "Poiché il prestigio che i brand italiani acquisiscono attraverso le esportazioni all'estero rischia di essere impattato dall'instabilità, dall'inflazione e dall'aumento dei costi delle materie prime, vi è una maggiore necessità da parte dei brand che i consumatori comprendano correttamente il loro vero valore".

com/lab

MF-DJ NEWS

2019:21 mag 2022


(END) Dow Jones Newswires

May 20, 2022 13:23 ET (17:23 GMT)

Titoli citati nell'articolo
Variaz.UltimoVar. 1gen
ENEL S.P.A. 1.78%5.313 Prezzo in differita.-24.60%
FERRARI N.V. 2.43%187.94 Prezzo in differita.-27.39%
PIRELLI & C. S.P.A. 1.57%3.937 Prezzo in differita.-35.54%
PRADA S.P.A. -3.41%43.95 Prezzo in differita.-11.92%
Tutte le notizie su FERRARI N.V.
01/07TOP STORIES ITALIA: Exor acquisisce 10% Institut Merieux, investimento da 833 mln
DJ
01/07Lamborghini investirà più di 1,8 mld per elettrificazione - AD a Sole
RE
01/07BORSA: commento di preapertura
DJ
30/06Ferrari ha in programma un programma di riacquisto di azioni da 150 milioni di euro
MT
30/06FERRARI: avvia buyback da 2 mld, prima tranche da 150 mln
DJ
30/06FERRARI: prima tranche buyback è di 150 mln
DJ
30/06FERRARI: avvia nuovo buyback da 2 mld
DJ
30/06E-WORK: acquisisce svizzera Lwp Ledermann Wieting & Partners
DJ
30/06De Nora debutta a Piazza Affari, a segno terzo tentativo Ipo
RE
30/06Ferrari, la strada dell'elettrico è lastricata di motori a scoppio
RE
Altre news
Raccomandazioni degli analisti su FERRARI N.V.
Altre raccomandazioni
Dati finanziari
Fatturato 2022 4 801 M 4 994 M -
Risultato netto 2022 888 M 924 M -
Indebitamento netto 2022 1 218 M 1 267 M -
P/E ratio 2022 37,0x
Rendimento 2022 0,76%
Capitalizzazione 33 040 M 34 366 M -
VS / Fatturato 2022 7,14x
VS / Fatturato 2023 6,30x
N. di dipendenti 4 632
Flottante 48,4%
Grafico FERRARI N.V.
Durata : Periodo :
Ferrari N.V.: grafico analisi tecnica Ferrari N.V. | MarketScreener
Grafico a schermo intero
Trend analisi tecnica FERRARI N.V.
Breve TermineMedio TermineLungo Termine
TrendNeutraleRibassistaRibassista
Evoluzione del Conto dei Risultati
Consensus
Vendita
Buy
Raccomandazione media ACCUMULATE
Numero di analisti 10
Ultimo prezzo di chiusura 180,69 €
Prezzo obiettivo medio 220,64 €
Differenza / Target Medio 22,1%
Revisioni EPS
Dirigenti e Amministratori
Benedetto Vigna Chief Executive Officer & Executive Director
Antonio Picca Piccon Chief Financial Officer
John Jacob Philip Elkann Executive Chairman
Davide Abate Chief Technology & Infrastructures Officer
Ernesto Lasalandra Chief Research & Development Officer
Settore e Concorrenza
Var. 1genCapi. (M$)
FERRARI N.V.-27.39%34 366
BYD COMPANY LIMITED17.78%132 742
STELLANTIS N.V.-29.76%38 193
MARUTI SUZUKI INDIA LTD13.14%32 164
SAIC MOTOR CORPORATION LIMITED-15.37%29 979
CHONGQING CHANGAN AUTOMOBILE COMPANY LIMITED18.37%23 245