JPMorgan Chase prevede di aumentare l'organico in India del 5%-7% all'anno nei prossimi anni, ha dichiarato un dirigente a Reuters, mentre la banca di Wall Street raddoppia in uno dei mercati più caldi a livello globale per i talenti a supporto delle operazioni internazionali.

L'istituto di credito con sede a New York impiega già circa 55.000 persone, circa un quinto della sua forza lavoro globale, in cinque città indiane per funzioni che vanno dalla tecnologia alle risorse umane, dalle operazioni alla conformità.

Molte aziende straniere, tra cui i colleghi di JPMorgan come Bank of America e Goldman Sachs, si stanno espandendo in India attraverso i Centri di Capacità Globale (CCG), che si prevede raddoppieranno in dimensioni di mercato fino a 110 miliardi di dollari entro il 2030, secondo la società di consulenza ANSR.

Inoltre, poiché l'India rappresenta circa il 50% del mercato globale dei GCC, il Paese è diventato un focolaio di talenti.

"Il modo in cui la metterei è che c'è una domanda. Per i livelli senior e per le competenze profonde, c'è concorrenza, il che è salutare", ha dichiarato mercoledì in un'intervista Deepak Mangla, CEO dei centri aziendali di JPMorgan in India e nelle Filippine.

Anche se il tasso di assunzione previsto del 5%-7% è inferiore all'8%-10% degli ultimi anni, ciò è dovuto ad un effetto base piuttosto che ad un rallentamento della banca, ha spiegato Mangla.

"La nostra traiettoria di crescita si allinea con l'espansione generale dell'attività della banca, in quanto rappresentiamo tutte le linee di attività della banca in India, comprese le funzioni aziendali".

JPMorgan prevede di costruire due nuovi uffici nell'hub tecnologico indiano di Bengaluru e nella capitale finanziaria del Paese, Mumbai, come parte dei suoi piani di espansione, ha detto Mangla.

Nei prossimi quattro anni ristrutturerà anche gli uffici di Noida e Pune, oltre a "consolidare la nostra impronta" negli uffici esistenti a Bengaluru, Mumbai e Hyderabad. (Relazioni di Haripriya Suresh e Ashwin Manikandan; Redazione di Savio D'Souza)