(Per un blog in diretta di Reuters sui mercati azionari di Stati Uniti, Regno Unito ed Europa, cliccare o digitare LIVE/ in una finestra di notizie).

* Le vendite al dettaglio degli Stati Uniti sono aumentate meno del previsto a maggio.

* Lennar crolla a causa delle deludenti previsioni sulle consegne di case.

* Citigroup aumenta l'obiettivo di fine anno dell'S&P 500 a 5.600 punti.

* Indici: Dow in rialzo dello 0,03%, S&P in rialzo dello 0,12%, Nasdaq in ribasso dello 0,11%.

18 giugno (Reuters) -

Il Dow e l'S&P 500 sono saliti martedì, con gli investitori che si sono concentrati sui numeri delle vendite al dettaglio negli Stati Uniti, più morbidi del previsto, e sui commenti di una serie di funzionari della Federal Reserve nel corso della giornata, anche se le contrattazioni sono rimaste sottotono in vista di una festività di mercato.

I dati hanno mostrato che le vendite al dettaglio degli Stati Uniti sono aumentate dello 0,1% a maggio, contro l'aumento dello 0,3% previsto dagli economisti intervistati da Reuters, mentre un rapporto separato ha mostrato che la produzione industriale e la produzione manifatturiera di maggio hanno entrambe battuto le aspettative.

I mercati hanno leggermente aumentato le scommesse su due tagli dei tassi d'interesse da parte della Fed quest'anno a seguito dei dati, secondo FedWatch di LSEG, in contrasto con le proiezioni più recenti dei responsabili politici che mostrano di aspettarsi un solo taglio dei tassi d'interesse quest'anno.

"Il rapporto sulle vendite al dettaglio di maggio potrebbe aver fatto da filo conduttore, fornendo agli investitori una lettura morbida senza essere troppo debole... questo è un bene per la Fed e per coloro che sono alla ricerca di tagli dei tassi nel corso dell'anno", ha dichiarato Bret Kenwell, analista degli investimenti negli Stati Uniti presso eToro.

I titoli dei chip hanno continuato il loro recente rally, facendo salire l'indice Philadelphia SE Semiconductor a un livello record.

Nvidia, Qualcomm, Arm Holdings e Micron sono saliti tra il 2,7% e il 4,5%, con Micron che ha raggiunto un massimo storico.

Il Nasdaq è sceso dopo sei record consecutivi di chiusura, con le perdite di Alphabet, Amazon e Meta Platforms che hanno compensato i guadagni dei titoli dei chip.

I mercati sono chiusi mercoledì per la festività del Juneteenth.

L'energia è stato il settore dello S&P 500 che ha guadagnato di più, con un aumento dell'1,5%, mentre i servizi di comunicazione sono stati i più colpiti.

L'attenzione si concentra anche sui commenti di diversi funzionari della Fed nel corso della giornata. Il Presidente della Fed di New York, John Williams, ha detto che i tassi scenderanno gradualmente nel corso del tempo, mentre Thomas Barkin, della Fed di Richmond, ha affermato di aver bisogno di altri mesi di dati economici prima di sostenere un taglio dei tassi.

Le speranze di tagli multipli dei tassi quest'anno, l'entusiasmo per le aziende legate all'AI e i forti guadagni di altre aziende tecnologiche hanno sostenuto le azioni negli ultimi mesi, anche se i guadagni sono stati in gran parte guidati da alcuni titoli fortemente ponderati.

Tuttavia, l'indebolimento dei dati ha iniziato a sollevare preoccupazioni sulla salute di fondo dell'economia.

"Se le notizie sull'economia sono negative, otterremo un taglio dei tassi, il che è positivo per le azioni... ma in realtà potrebbe significare cattive notizie per le aziende", ha affermato Robert Pavlik, senior portfolio manager di Dakota Wealth Management.

Citigroup ha alzato il target di fine anno per lo S&P 500 a 5.600 punti da 5.100.

Alle 11:55 a.m. ET, il Dow Jones Industrial Average era in rialzo di 12,52 punti, o 0,03%, a 38.790,62, l'S&P 500 era in rialzo di 6,61 punti, o 0,12%, a 5.479,84, e il Nasdaq Composite era in calo di 20,08 punti, o 0,11%, a 17.836,94.

L'azienda Edtech Chegg è balzata del 14,5% dopo aver annunciato tagli di posti di lavoro come parte di un piano di ristrutturazione.

Il costruttore di case Lennar è sceso del 4,6% dopo aver previsto consegne di case nel terzo trimestre inferiori alle aspettative.

I titoli in rialzo hanno superato quelli in ribasso con un rapporto di 1,92 a 1 sul NYSE e di 1,07 a 1 sul Nasdaq.

L'indice S&P ha registrato 41 nuovi massimi di 52 settimane e due nuovi minimi, mentre il Nasdaq ha registrato 49 nuovi massimi e 128 nuovi minimi.