(Alliance News) - Le principali piazze europee hanno chiuso la seduta di venerdì in calo, al termine di una settimana importante per il rilascio dei dati macroeconomici nell'Eurozona - dove la Banca Centrale ha effettuato il primo taglio dei tassi - e negli USA.

''I dati sui non-farm payrolls statunitensi, molto più forti del previsto, l'aumento della retribuzione oraria e del tasso di disoccupazione hanno ridimensionato le aspettative di taglio dei tassi e inizialmente hanno spinto gli indici azionari al ribasso, prima di recuperare il terreno perduto in vista del fine settimana'', commenta Axel Rudolph, Senior Market Analyst della piattaforma di trading online IG.

Le aspettative di un taglio dei tassi da parte della Fed a settembre, quindi, "sono scese dal 65% al 55% circa, con un forte apprezzamento del dollaro USA in mezzo al rally dei rendimenti statunitensi", conclude l'analista.

Il Mib, quindi, ha chiuso in calo dello 0,5% a 34.660,38, il Mid-Cap ha terminato in rosso dello 0,1% a 48.056,50, lo Small-Cap ha terminato in rosso dello 0,3% a 29.394,28 mentre l'Italia Growth ha chiuso in rosso frazionale a 8.201,53.

In Europa, il FTSE 100 di Londra ha terminato in rosso dello 0,5% così come il CAC 40 di Parigi e il DAX 40 di Francoforte.

Sul Mib, Leonardo ha conquistato la vetta con un rialzo dell'1,8%.

Banco BPM ha terminato su dello 0,3%. La società comunicato giovedì di aver perfezionato un'operazione di finanziamento per un ammontare di EUR10 milioni, assistito dalla Garanzia Green di SACE, a favore del Pastificio Liguori, storica azienda di produzione di pasta secca, fondata nel 1795 a Gragnano, Napoli.

Azimut Holding ha chiuso in rosso dell'1,4%. La società ha comunicato giovedì di aver registrato una raccolta di EUR6,9 miliardi nel mese di maggio. Il dato di maggio porta il progressivo da inizio anno a EUR9,0 miliardi, superando l'obiettivo di EUR7 miliardi dell'intero 2024. Il dato di maggio comprende EUR6,1 miliardi derivanti dalla già annunciata acquisizione di tru Independence, un fornitore di servizi di consulenza con sede a Portland, Oregon, con un patrimonio totale di USD12,5 miliardi da parte di Sanctuary Wealth, in cui il gruppo Azimut detiene una partecipazione del 53,4%.

Sul segmento cadetto, spinta su Intercos Group, che porta il prezzo al rialzo del 3,0% a EUR15,88 per azione.

Saras - in verde dello 0,7% - giovedì sera ha comunicato che Vitol ha ricevuto l'autorizzazione da parte della Commissione Europea a procedere alla concentrazione per l'acquisizione di una partecipazione di controllo nel capitale sociale di Saras. L'operazione è stata comunicata al mercato lo scorso febbraio.

Anima Holding - in rosso dello 0,3% - ha fatto sapere giovedì di aver realizzato una raccolta di risparmio gestito negativa per EUR206 milioni nel mese di maggio. Escluse le deleghe assicurative ramo I, la raccolta è positiva per EUR215 milioni mentre year to end è negativa per EUR384 milioni. Le masse in gestione totali a fine maggio superano gli EUR196,9 miliardi.

Sullo Small-Cap, Tessellis ha terminato in vetta con un rialzo di oltre il 13%, seguito da Compagnia Immobiliare Azionaria, in rialzo dell'8,5%.

Edison ha chiuso su dell'1,0%. La società ha comunicato che l'agenzia S&P Global Ratings ha cambiato l'outlook da Stabile a Positivo e confermato il rating 'BBB/A-2'.

L'azione sul rating riflette il corrispondente cambiamento nell'outlook di EDF SA a 'BBB/Positivo/A-2' da 'BBB/Stabile/A-2' e la forte performance operativa e finanziaria in essere di Edison.

doValue si porta avanti del 2,7%. La società giovedì sera ha comunicato di avare siglato un accordo vincolante per l'acquisizione del 100% del capitale sociale di Gardant per un valore di EUR230 milioni per cassa, comprensivo di EUR50 milioni relativi al rifinanziamento del debito finanziario netto, più l'emissione di nuove azioni, a premio rispetto al valore corrente di mercato, corrispondenti ad una partecipazione del 20% in doValue agli azionisti di Gardant.

Fra le PMI, Compagnia dei Caraibi ha ceduto l'1,3%. La società ha comunicato che il board ha proposto l'emissione di un prestito obbligazionario convertibile riservato a diversi soggetti.

Vecchio Magazzino Doganale, titolare, tra gli altri, dei marchi Jefferson, Roger, Bergamotto, Fantastico e dalla società di diritto spagnolo Destillers United Group SL, titolare, tra gli altri, dei marchi Canaïma Gin e Saroche Cocuy si sono impegnati per la sottoscrizione del POC, ciascuno per un importo pari a EUR1,5 milioni.

Il prestito obbligazionario convertibile sarà sottoposto all'approvazione dall'assemblea straordinaria degli azionisti della società, prevista per il 28 giugno, per un importo complessivo di EUR3,0 milioni.

AATech ha chiuso in rialzo del 15%, seguita da Siav con il 13% e Comal con il 6,8%.

A New York, il Dow è in verde dello 0,2%, il Nasdaq cede lo 0,1% e l'S&P 500 è in verde frazionale.

Tra le valute, l'euro passa di mano a USD1,0806 da USD1,0882 di giovedì in chiusura azionaria europea mentre la sterlina vale USD1,2723 da USD1,2781 di ieri sera.

Tra le commodity, il Brent si quota a USD79,98 al barile da USD79,70 al barile di giovedì in chiusura. L'oro scambia invece a USD2.313,00 l'oncia da USD2.373,98 di ieri sera.

Nel calendario macroeconomico di lunedì, le borse cinesi e di Hong Kong saranno chiuse per festività.

Dal Giappone, alle 0150 CEST usciranno il PIL e il conto corrente destagionalizzato.

Alle 1000 CEST è attesa la produzione industriale italiana e alle 1600 CEST avrà luogo un'asta dei buoni del Tesoro USA.

A Piazza Affari, sono previsti i risultati di Illa e Piquadro.

Di Chiara Bruschi, Alliance News reporter

Commenti e domande a redazione@alliancenews.com

Copyright 2024 Alliance News IS Italian Service Ltd. Tutti i diritti riservati.