(Alliance News) - Si sono interrotte le trattative tra Leonardo Spa e il gruppo franco-tedesco KNDS, che da sei mesi cercavano di finalizzare un'alleanza per la produzione di carri armati e veicoli blindati per la fanteria, come previsto dalla lettera d'intenti firmata il 13 dicembre scorso.

Martedì pomeriggio, KNDS, tramite una dichiarazione del CEO, Frank Haun, ha comunicato lo stop alle trattative, poi confermato da Leonardo.

L'obiettivo dell'alleanza era principalmente la partecipazione di Leonardo alla realizzazione dei futuri carri armati Leopard 2A8, attualmente prodotti dalle aziende controllate da KNDS - soprattutto la tedesca Krauss-Maffei Wegmann e la francese Nexter, che produce i carri Leclerc -, da offrire nella gara indetta dall'Esercito italiano per sostituire i vecchi Ariete di Oto Melara. Una commessa potenzialmente del valore di 8 miliardi di euro.

Leonardo aveva chiesto di poter produrre la torretta con Oto Melara e alcune componenti elettroniche e sistemi di puntamento, per "italianizzare" il Leopard. Era stata ipotizzata una divisione 50-50 del valore della commessa tra Germania e Italia.

Tuttavia, KNDS non ha voluto modificare la configurazione del Leopard, mantenendo la produzione della torretta presso Kmw e limitandosi a offrire componenti più marginali. Questo è stato il principale motivo della rottura.

Il secondo capitolo della mancata collaborazione con KNDS avrebbe riguardato il nuovo blindato per fanteria (Aifv), per un'altra gara dell'Esercito volta a sostituire i vecchi Dardo. In totale, le due commesse avrebbero un valore compreso tra EUR15 miliardi ed EUR20 miliardi, distribuiti su almeno una decina di anni.

Il terzo capitolo dell'ipotizzata alleanza avrebbe previsto la partecipazione di Leonardo alla costruzione del futuro carro armato pesante europeo, il "Main battle tank" o "Main ground combat system". Leonardo avrebbe avuto un ruolo di minoranza in un progetto promosso da Francia e Germania.

Secondo Il Sole 24 Ore, Leonardo starebbe già valutando opzioni alternative, con la più concreta rappresentata da una collaborazione con il gigante tedesco Rheinmetall, interessato da tempo alle ricche commesse dell'esercito. Rheinmetall produce il carro armato Panther e il blindato leggero Lynx.

Il titolo di Leonardo è in calo del 2,4% a EUR22,75 per azione.

https://www.ilsole24ore.com/art/difesa-rottura-negoziato-leonardo-e-knds-l-alleanza-carri-armati-AG67tNW

Di Giuseppe Fabio Ciccomascolo, Alliance News senior reporter

Commenti e domande a redazione@alliancenews.com

Copyright 2024 Alliance News IS Italian Service Ltd. Tutti i diritti riservati.