Roma è pronta ad annunciare a breve un accordo per l'acquisto di ulteriori jet da combattimento Eurofighter per le sue forze aeree, ha dichiarato giovedì un dirigente del gruppo aerospaziale e di difesa Leonardo, controllato dallo Stato.

La mossa segue l'annuncio della Germania, mercoledì, che acquisterà altri 20 velivoli, in un momento in cui i membri della NATO stanno aumentando la spesa per la difesa sulla scia dell'invasione dell'Ucraina da parte della Russia.

"Sono fiducioso che l'Italia seguirà presto con una dichiarazione simile", ha detto a Reuters il Condirettore Generale di Leonardo Lorenzo Mariani, in occasione dell'airshow ILA, alle porte di Berlino.

Non ha fornito ulteriori dettagli sul numero di jet che saranno acquistati o sulla tempistica dell'accordo.

Parlando all'apertura dell'airshow ILA mercoledì, il Cancelliere tedesco Olaf Scholz ha detto di essere fortemente impegnato a mantenere ed espandere la capacità di produzione di armi.

L'accordo dell'Italia per un maggior numero di jet richiederà lo stanziamento di nuovi fondi in aggiunta al bilancio militare approvato dal Paese e avrà bisogno di un'autorizzazione formale da parte del Parlamento.

L'agenzia di stampa Janes defence ha riferito a maggio che Roma sta cercando altri 24 jet da aggiungere ai 94 in servizio, mentre l'aeronautica si prepara a mandare in pensione i velivoli più vecchi.

I jet bimotore e supersonici Eurofighter Typhoon sono costruiti da un consorzio di Germania, Gran Bretagna, Italia e Spagna, rappresentato da Airbus, BAE Systems e Leonardo. (Servizio di Sabine Siebold a Berlino, servizio aggiuntivo di Angelo Amante a Roma, scrittura di Giulia Segreti, editing di Gianluca Semeraro e Jane Merriman)