LTIMindtree, società indiana di servizi e consulenza IT, ha registrato mercoledì un calo minore del previsto nell'utile del secondo trimestre, in quanto la sana crescita dei ricavi ha compensato l'aumento delle spese dei dipendenti e di altre spese.

L'utile netto consolidato della società è sceso del 2,3% a 11,62 miliardi di rupie (139,6 milioni di dollari) nel trimestre luglio-settembre, mentre gli analisti si aspettavano che l'utile sarebbe sceso a 11,27 miliardi di rupie, secondo i dati LSEG.

LTIMindtree - nata circa un anno fa dalla fusione dell'unità IT di Larsen & Toubro con Mindtree - ha dichiarato che i ricavi sono aumentati dell'8,2% a 89,05 miliardi di rupie nel trimestre, battendo le stime degli analisti di 88,70 miliardi di rupie.

Ciò ha contribuito a mitigare l'effetto di un aumento dell'11% delle spese legate ai dipendenti e del 10% delle spese totali.

La crescita dei ricavi è stata forte anche rispetto ai risultati dei colleghi più grandi di LTIMindtree.

Il leader del mercato Tata Consultancy Services ha registrato ricavi del secondo trimestre più deboli del previsto la scorsa settimana, mentre Wipro ha riportato un calo inaspettato dei ricavi all'inizio della giornata.

Wipro ha anche avvertito che si aspetta un'accelerazione del calo dei ricavi dei servizi IT in questo trimestre, mentre Infosys ha tagliato le sue previsioni di ricavi per l'intero anno, affermando che i clienti stanno ritardando il processo decisionale e tagliando le spese discrezionali.

LTIMindtree, tuttavia, ha registrato un aumento del 20% nell'afflusso di ordini a 1,3 miliardi di dollari. Ha anche approvato un dividendo di 20 rupie per azione.

Il titolo della società ha chiuso in ribasso dell'1,1% prima dei risultati, rispetto al calo dello 0,7% dell'indice di riferimento Nifty 50, a cui è stata aggiunta a luglio. (1 dollaro = 83,2230 rupie indiane) (Servizio di Kashish Tandon a Bengaluru; Redazione di Sohini Goswami)