BERLINO/FRANCOFORTE (dpa-AFX) - Sono sempre più numerose le cause contro le compagnie aeree presentate ai tribunali dei 20 maggiori aeroporti tedeschi. Secondo l'Associazione tedesca dei giudici, l'anno scorso ne sono state intentate più di 125.000, un numero mai raggiunto prima. Rispetto all'anno precedente, il numero di cause a livello nazionale è aumentato di circa l'80%. I clienti chiedono soprattutto un risarcimento per voli cancellati o in ritardo.

Con poco meno di 37.300 cause, il tribunale distrettuale di Koln ha registrato il volume più alto, secondo un sondaggio della "Deutsche Richterzeitung", a cui l'associazione fa riferimento. Si tratta di un numero quasi doppio rispetto all'anno precedente. Lufthansa ha la sua sede legale nella città cattedrale. Seguono Francoforte con ben 15.000 cause (2022: circa 11.300) e il Tribunale locale di Konigs Wusterhausen, responsabile dell'aeroporto BER della capitale, con poco meno di 14.000 (2022: più di 7.000).

Secondo l'associazione, i procedimenti intentati dai passeggeri del BER rappresentano oggi il 93% di tutte le cause civili presso il tribunale del Brandeburgo. Presso il tribunale distrettuale di Erdingen, competente per l'aeroporto di Monaco, la percentuale raggiunge il 94%.

Anche il numero di cause presso il Collegio arbitrale per il trasporto pubblico di passeggeri (SÖP) è aumentato di nuovo in modo significativo, anche se il record del 2020 è stato mancato per poco con poco meno di 39.800 reclami. Ancora una volta, le controversie relative ai viaggi aerei hanno rappresentato la quota di gran lunga maggiore dei reclami dei consumatori, pari all'84%. Le oltre 33.000 richieste di arbitrato hanno riguardato soprattutto voli cancellati, ritardi e problemi con i bagagli. In media, l'85% dei procedimenti si è concluso con un accordo, riferisce il SÖP.

I tribunali testano l'intelligenza artificiale

L'Associazione dei giudici ritiene che i portali che consentono ai passeggeri di far valere i propri diritti in modo rapido e semplice siano la ragione principale dello sviluppo dei tribunali. "Molti tribunali locali stanno soffrendo per la nuova ondata di procedimenti a carico dei passeggeri", ha dichiarato il direttore generale federale Sven Rebehn all'Agenzia di stampa tedesca.

La magistratura ha reagito e sta cercando di utilizzare le moderne tecnologie per gestire meglio le "catene di montaggio" con cui gli studi legali e i fornitori di servizi di recupero crediti stanno inondando molti tribunali. A Francoforte, ad esempio, è stato sperimentato un programma di assistenza AI. Secondo il Ministero della Giustizia dell'Assia, questo programma è in grado di analizzare le memorie, leggere i metadati e suggerire ai giudici moduli di testo per le sentenze. Il successo dello sviluppo del prototipo "Frauke" ha suscitato interesse anche nel Brandeburgo: Lo scorso novembre, i due Stati hanno deciso di collaborare.

"Finora, tuttavia, non è stato sviluppato alcun software standard che possa aiutare i tribunali a gestire la marea di cause che si presentano regolarmente", afferma Rebehn. Ha ribadito la sua critica alla mancanza di spesa per il sistema giudiziario: "Tuttavia, non sarà possibile accelerare sensibilmente la digitalizzazione del sistema giudiziario in Germania con un mini-budget di 50 milioni di euro all'anno da parte del governo federale".

Meno passeggeri rispetto a prima della pandemia

Secondo i dati delle associazioni di settore, il traffico aereo in Germania ha continuato a riprendersi dopo lo shock del coronavirus nel 2023, ma è ancora indietro nel confronto europeo. L'Associazione tedesca degli aeroporti (ADV) ha registrato 183,62 milioni di passeggeri atterrati e decollati negli aeroporti tedeschi da gennaio a novembre. Si tratta del 20% in più rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente, ma del 21,3% in meno rispetto agli undici mesi del 2019, anno pre-coronavirus.

In particolare, le persone che viaggiano sui voli nazionali sono molto meno numerose rispetto a prima della pandemia. Anche quest'anno la situazione non cambierà di molto: Secondo l'analisi degli orari dei voli dell'associazione di settore BDL, il 53% dei posti del 2019 sarà disponibile sui voli nazionali nella prima metà dell'anno. Secondo le previsioni, questa percentuale è del 95% per i voli a lungo raggio e dell'89% per i voli a breve e medio raggio verso destinazioni al di fuori della Germania. Il numero di voli offerti a Dresda, Stoccarda e Berlino rimarrà particolarmente basso./mvk/DP/zb