Login
E-mail
Password
Mostra password
Ricorda
Password dimenticata?
Iscriviti gratuitamente
Registrazione
Registrazione
Parametri
Parametri
Quotazioni dinamiche 
OFFON
  1. Home
  2. Azioni
  3. Italia
  4. Borsa Italiana
  5. MARR S.p.A.
  6. Notizie
  7. Riassunto
    MARR   IT0003428445

MARR S.P.A.

(MARR)
Prezzo in differita. Tempo differito Borsa Italiana - 29/11 17:35:33
18.4 EUR   +0.71%
12:11MARR: Corn Fed e Nebraska, "ingredienti" unici della nostra carne Americana!
PU
17/11BORSA: commento di chiusura
DJ
17/11BORSA: equity piatto, bene settore lusso
DJ
RiassuntoQuotazioniGraficiNotizieRatingAgendaSocietàFinanzaConsensusRevisioniDerivati 
RiassuntoTutte le notizieAltre lingueComunicati stampaPubblicazioni ufficialiNotizie del settore

Uk : Johnson promette cambio di direzione in economia

06-10-2021 | 13:55

MILANO (MF-DJ)--Il primo ministro britannico, Boris Johnson, ha promesso cambiamenti nella direzione dell'economia del Regno Unito, delineando i piani affinché il Paese diventi un'economia "ad alto salario, alta capacità e alta produttività".

In un discorso alla Conferenza annuale del partito conservatore, Johnson ha detto che il Governo sta "affrontando i più grandi problemi di fondo della nostra economia e società" ed è pronto ad affrontare "problemi che nessun Governo ha avuto il coraggio di affrontare prima".

Il discorso è arrivato in un momento difficile per Johnson, con il Regno Unito che ha visto carenze nelle consegne di carburante nelle ultime settimane e in mezzo agli avvertimenti circa il fatto che le scorte di cibo potrebbero registrare problemi nel periodo che precederà il Natale.

Le carenze sono dovute principalmente alla mancanza di conducenti di veicoli pesanti e lavoratori stranieri, in gran parte a causa della pandemia di Covid e della Brexit, ma anche di altri fattori come la bassa retribuzione e le condizioni di lavoro.

La Gran Bretagna ha riscontrato carenza di carburante nelle stazioni di servizio a causa della carenza di autotrasportatori, mentre gli agricoltori avvertono che tonnellate di prodotti alimentari potrebbero andare sprecati e migliaia di animali potrebbero dover essere distrutti in quanto non ci sono abbastanza lavoratori agricoli o macelli per lavorare la carne. La carenza di manodopera ha evidenziato quanto la Gran Bretagna sia stata dipendente dai lavoratori stagionali provenienti dall'estero finora.

Johnson è stato accusato di non riconoscere la gravità della situazione. Quando gli è stata fatta una domanda domenica dal giornalista della Bbc, Andrew Marr, sui problemi che devono affrontare gli allevatori di suini, che dicono che oltre 100.000 maiali potrebbero dover essere abbattuti a breve con la carne che dovrà essere buttata a causa della carenza di lavoratori, Johnson ha risposto: "odio dirtelo ma temo che la nostra industria della trasformazione alimentare comporti l'uccisione di molti animali", aggiungendo che "la grande ecatombe di maiali che descrivi non è ancora avvenuta, vediamo cosa succederà".

Il primo ministro e i funzionari del Governo hanno cercato di minimizzare la carenza di manodopera nel Regno Unito, insistendo sul fatto che le catene di approvvigionamento sono sotto pressione in tutto il mondo dopo il Covid. Hanno anche insistito sulla possibilità di rimediare alle carenze di manodopera, ad esempio offrendo visti a breve termine agli autisti di camion.

Tuttavia, il Governo ha resistito alle richieste di maggiore immigrazione per ridurre la carenza di manodopera, dicendo piuttosto alle imprese di investire nei lavoratori britannici. Da parte loro, molte imprese britanniche hanno affermato di avere difficoltà ad attrarre lavoratori britannici, in particolare in alcuni settori in cui non hanno le giuste competenze, richiedono salari più elevati e non sono disposti ad accettare condizioni di lavoro dure, ad esempio nelle fattorie o nei macelli.

Johnson, il cui mandato è stato in gran parte dominato dalla pandemia, è desideroso di spostare l'attenzione del Governo sull'economia del Paese, in particolare ora che i cambiamenti causati dalla Brexit e le relazioni del Regno Unito con l'Ue iniziano a venire alla ribalta, come la scarsità di lavoratori stranieri.

Il Governo sembra determinato a portare avanti i piani per riqualificare i lavoratori britannici e Johnson ha detto che "non torneremo allo stesso vecchio modello che prevede bassi salari, bassa crescita, basse competenze e bassa produttività, tutto ciò assistito dall'immigrazione incontrollata".

"La risposta è controllare l'immigrazione, consentire alle persone di talento di venire in questo Paese, ma non usare l'immigrazione come scusa per non investire nelle persone, nelle competenze e nelle attrezzature o nei macchinari di cui hanno bisogno per svolgere il proprio lavoro", ha affermato il premier.

Una delle ironie emergenti della Brexit (i cui sostenitori hanno affermato che lasciare l'Ue avrebbe ridotto la dipendenza economica della Gran Bretagna dalla forza lavoro e dai prodotti dell'Ue) è che la carenza di manodopera potrebbe portare a maggiori importazioni di cibo dall'Unione europea, affermano i leader del settore. Alcuni ora avvertono che le interruzioni della catena di approvvigionamento e i problemi di manodopera potrebbero portare a carenze alimentari a Natale.

Nick Allen, amministratore delegato della British Meat Processors Association, ha dichiarato a Sky News che i tacchini probabilmente dovranno venire dall'Europa durante il periodo festivo e che alcuni cibi molto amati potrebbero non essere disponibili. "Sospetto che il cibo possa essere importato e probabilmente i tacchini potrebbero non essere britannici, ma potrebbero finire per essere francesi, o addirittura tacchini provenienti da più lontano. Non stiamo dicendo che ci saranno carenze disperate ma di certo non ci saranno scelte disponibili per il cibo britannico, questo è certo", ha detto lunedì.

cos

(END) Dow Jones Newswires

October 06, 2021 07:54 ET (11:54 GMT)

Tutte le notizie su MARR S.P.A.
12:11MARR: Corn Fed e Nebraska, "ingredienti" unici della nostra carne Americana!
PU
17/11BORSA: commento di chiusura
DJ
17/11BORSA: equity piatto, bene settore lusso
DJ
17/11MARR: Intesa Sanpaolo alza rating a buy
DJ
12/11MARR chiude il terzo trimestre 2021 con ricavi totali e margine operativo lordo miglior..
PU
12/11MARR: utile netto 9 mesi a 28,3 milioni (1 mln 9 mesi 20)
DJ
12/11L'agenda di oggi
DJ
10/11L'agenda della settimana
DJ
08/11L'agenda della settimana -2-
DJ
08/11L'agenda della settimana
DJ
Più notizie
Dati finanziari
Fatturato 2021 1 435 M 1 617 M -
Risultato netto 2021 35,2 M 39,7 M -
Indebitamento netto 2021 183 M 206 M -
P/E ratio 2021 37,4x
Rendimento 2021 3,02%
Capitalizzazione 1 224 M 1 380 M -
VS / Fatturato 2021 0,98x
VS / Fatturato 2022 0,82x
N. di dipendenti 744
Flottante 49,6%
Grafico MARR S.P.A.
Durata : Periodo :
MARR S.p.A.: grafico analisi tecnica MARR S.p.A. | MarketScreener
Grafico a schermo intero
Trend analisi tecnica MARR S.P.A.
Breve TermineMedio TermineLungo Termine
TrendRibassistaRibassistaNeutrale
Evoluzione del Conto di Risultati
Consensus
Vendita
Acquisto
Raccomandazione media ACCUMULARE
Numero di analisti 5
Ultimo prezzo di chiusura 18,27 €
Prezzo obiettivo medio 21,62 €
Differenza / Target Medio 18,3%
Revisioni EPS
Dirigenti e Amministratori
Francesco Ospitali Chief Executive Officer & Director
Pierpaolo Rossi Director-Finance, Administration & Control
Ugo Ravanelli Chairman
Marinella Monterumisi Independent Director
Alessandro Nova Independent Director
Settore e Concorrenza
Var. 1genCapi. (M$)
MARR S.P.A.8.36%1 375
BID CORPORATION LIMITED9.49%5 919
METCASH LIMITED21.30%2 818
GRUPO MATEUS S.A.-27.51%2 390
THE CHEFS' WAREHOUSE, INC.22.73%1 194
SLIGRO FOOD GROUP N.V.14.52%969