La causa intentata da X Social Media sostiene che X Corp, che il proprietario Elon Musk ha iniziato a ribattezzare in X da Twitter a luglio, potrebbe causare confusione nei consumatori.

Il caso sembra essere il primo di quelle che potrebbero essere numerose controversie sui marchi con l'azienda di Musk per quanto riguarda la lettera "X", che è comunemente usata nei marchi tecnologici.

La "X" è inclusa in centinaia di marchi federali di proprietà di aziende come Microsoft e Meta Platforms. X Corp ha richiesto i propri marchi statunitensi che coprono la lettera il mese scorso.

X Corp non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento sulla denuncia. X Social Media ha rifiutato di commentare.

X Social Media, con sede a Windermere, in Florida, è un'agenzia pubblicitaria che si occupa di cause legali di massa. Sul suo sito web si legge che Jacob e Roseanna Malherbe hanno fondato l'agenzia nel 2015 per mettere in contatto i residenti del panhandle della Florida con gli avvocati sulla scia della fuoriuscita di petrolio della Deepwater Horizon nel Golfo del Messico.

La causa dice che l'agenzia ha utilizzato il nome "X Social Media" dal 2016 e possiede un marchio federale che lo copre. Ha detto di aver investito più di 400 milioni di dollari in pubblicità su Facebook per raggiungere i potenziali clienti.

L'azienda ha affermato che il rebrand di Twitter ha già confuso i clienti e le ha fatto perdere entrate.

"In breve tempo, X Corp ha esercitato il suo potere sui social media, le sue risorse di marketing e la sua notorietà generale a livello nazionale per dominare la percezione del marchio 'X' da parte dei consumatori", si legge nella causa.

X Social Media ha chiesto al tribunale di costringere l'azienda di Musk a smettere di usare il nome "X" e ha chiesto un risarcimento in denaro non specificato.