Ovviamente, menzionare Microsoft in una rubrica sull'innovazione digitale può sembrare nel migliore dei casi un po' audace, nel peggiore dei casi fuori luogo. Con la sua immagine di pioniere del settore, il gruppo di Redmond sembra vivere da decenni nell'indifferente opulenza dei profitti ereditati dal suo dominio sull'informatica e l'automazione d'ufficio a livello mondiale. Tuttavia, sarebbe un errore dimenticare che è necessaria una notevole capacità di adattamento per tenere a bada una concorrenza feroce. Se Microsoft ci interessa oggi, è perché l'azienda è al centro della svolta verso l'intelligenza artificiale che l'Umanità sembra destinata a compiere.

Garantire l'accesso a una tecnologia rivoluzionaria

Microsoft vanta una capitalizzazione di mercato di oltre 2.000 miliardi di dollari e un utile netto annuo equivalente al PIL della Slovenia. Una vera e propria macchina da soldi, il cui modello economico è ben noto, ma che cerca di diversificarsi.

Periodo fiscale: Juni 2019 2020 2021 2022 2023 2024 2025 2026
Fatturato 1 125.843 143.015 168.088 198.270 211.915 244.338 279.257 320.046
EBITDA 1 54.641 65.755 81.602 97.843 103.555 125.623 145.400 169.496
Risultato ante oneri finanziari (EBIT) 1 42.959 52.959 69.916 83.383 89.694 106.816 122.211 141.787
Margine operativo 34,14% 37,03% 41,59% 42,06% 42,33% 43,72% 43,76% 44,3%
Risultato ante Imposte (EBT) 1 43.688 53.036 71.102 83.716 89.311 105.746 120.894 141.079
Risultato netto 1 39.240 44.281 61.271 72.738 72.361 86.728 99.139 115.815
Margine netto 31,18% 30,96% 36,45% 36,69% 34,15% 35,49% 35,5% 36,19%
EPS 2 5,060 5,760 8,050 9,650 9,680 11,66 13,36 15,66
Free Cash Flow 1 38.260 45.234 56.118 65.149 59.475 66.958 82.066 98.950
Margine FCF 30,4% 31,63% 33,39% 32,86% 28,07% 27,4% 29,39% 30,92%
FCF Conversion (EBITDA) 70,02% 68,79% 68,77% 66,59% 57,43% 53,3% 56,44% 58,38%
FCF Conversion (Risultato netto) 97,5% 102,15% 91,59% 89,57% 82,19% 77,21% 82,78% 85,44%
Dividendo/Azione 2 1,840 2,040 2,240 2,480 - 2,947 3,209 3,552
Data di pubblicazione 18/07/19 22/07/20 27/07/21 26/07/22 25/07/23 - - -
1USD in Milioni2USD
Dati Stimati

Il più grande investimento recente, se si esclude la saga di Activision Blizzard dalla conclusione incerta, è stato fatto in OpenAI, la casa madre del famoso chatbot ChatGPT. Microsoft, che aveva già investito 1 miliardo di dollari in anticipo, ha aggiunto altri 10 miliardi di dollari per "garantire che questi vantaggi siano ampiamente condivisi con il mondo", come i portavoce del gruppo hanno cercato di esprimere in un grande slancio di marketing universalista. In realtà, si tratta principalmente di garantire un accesso privilegiato a una tecnologia rivoluzionaria. Microsoft mette le sue liquidità e le sue enormi capacità di calcolo al servizio di OpenAI attraverso un partenariato esclusivo, in cambio del quale beneficia degli sviluppi commerciali generati dall'IA.

Un cinquantenne con grinta

Per ora, il settore sta affilando le armi, offrendo al pubblico comune piccole finestre sulle possibilità offerte: ChatGPT, Bard, Midjourney, DALL-E e altri permettono di avvicinarsi a questo nuovo universo... Sullo sfondo, migliaia di ingegneri lavorano al prossimo passo. Decine di migliaia di sviluppatori cercano strategie vincenti. E centinaia di migliaia di utenti si entusiasmano o si disperano per ciò che scoprono. Microsoft, dal canto suo, lancia test pilota. Utilizzando la sua combinazione di browser/motore di ricerca Edge/Bing, che torna alla ribalta dopo aver vissuto a lungo nell'ombra di Chrome e Google. O integrando nuove funzionalità nella sua suite di produttività Office. Test concreti che non passano inosservati, tanto da aver provocato un'agitazione tra i giganti della Silicon Valley, che si sono improvvisamente resi conto del vantaggio accumulato dal quasi cinquantenne.

Question

Risposta deludente e poco machiavellica

Il nuovo Far West

È troppo presto per valutare le potenziali ricadute finanziarie, ma sembrano considerevoli. Per gli investitori interessati all'avventura dell'intelligenza artificiale, Microsoft offre tre vantaggi essenziali. In primis, è un'azienda estremamente solida che può investire ingenti somme. In secundis, è un passo avanti alle altre trovandosi nel posto giusto al momento giusto, grazie al suo intuito o alla sua fortuna, o più probabilmente a una combinazione dei due. In tertiis, dispone degli strumenti e della rete di distribuzione in grado di garantire un'implementazione efficace e rapida delle soluzioni basate su questa tecnologia.

Questi vantaggi sembrano fondamentali per muoversi con serenità in un universo che assomiglia a un nuovo Far West. Le sfide poste dall'intelligenza artificiale sono state discusse a lungo, ma non sono mai state così concrete come in questo 2023, poiché il grande pubblico ha potuto assaggiarle. Vi sono così tante aree grigie che sarebbe noioso elencarle tutte. I tentativi di regolamentazione e le questioni di proprietà intellettuale emergeranno molto presto. Avranno voce in capitolo di fronte al rullo compressore? Stiamo parlando di intelligenza artificiale, non di Microsoft. O forse sì.