È improbabile che i regolatori antitrust dell'UE chiedano un riscontro sui rimedi offerti dalla Borsa Europea dell'Energia la scorsa settimana per risolvere le preoccupazioni sull'accordo Nasdaq, un segno che questi sono insufficienti, hanno detto lunedì fonti con conoscenza diretta della questione.

EEX, che fa parte di Deutsche Boerse, sta cercando di acquisire l'attività di trading e compensazione di energia elettrica in Europa di Nasdaq Power, le cui piattaforme sono di importanza fondamentale per gli utenti e le aziende dei Paesi nordici.

Il 27 maggio ha presentato dei rimedi all'UE.

Si prevede che la Commissione Europea, che agisce come garante della concorrenza dell'UE, aprirà un'indagine su larga scala sull'accordo al termine della sua revisione preliminare il 26 giugno, a meno che EEX non rafforzi i suoi rimedi nei prossimi giorni, hanno detto le persone. (Relazione di Foo Yun Chee; Redazione di Jan Harvey)