1. Home
  2. Azioni
  3. Australia
  4. Australian Stock Exchange
  5. National Australia Bank Limited
  6. Notizie
  7. Riassunto
    NAB   AU000000NAB4

NATIONAL AUSTRALIA BANK LIMITED

(NAB)
  Rapporto
Tempo differito Australian Stock Exchange  -  08:10 15/08/2022
30.81 AUD   +0.10%
05:15L'Aussie, il kiwi scendono mentre la ripresa della Cina vacilla; lo yuan si indebolisce per il taglio a sorpresa dei tassi della PBOC
MR
00:12La posizione patrimoniale di Westpac in Australia è più debole alla fine del trimestre
MR
12/08I posti di lavoro a libro paga in Australia sono diminuiti a metà luglio a causa delle vacanze scolastiche, delle assenze legate alla COVID-19
MT
RiassuntoQuotazioniGraficiNotizieRatingCalendarioSocietÓFinanzaConsensusRevisioniDerivati 
RiassuntoTutte le notizieRaccomandazione analistiAltre lingueComunicati stampaPubblicazioni ufficialiNotizie del settoreAnalisi MarketScreener

I mercati emergenti si trovano di fronte a prospettive poco rosee dopo un inizio d'anno burrascoso

30-06-2022 | 03:10
FILE PHOTO: An electronic board showing the graph of the recent fluctuations of market indices is seen as a man works on the floor of Brazil's B3 Stock Exchange in Sao Paulo

╚ stato un primo semestre torrido per gli asset dei mercati emergenti e, con la Federal Reserve che ha dato il via al suo ciclo di inasprimento in presenza di un'inflazione in aumento, le onde d'urto potrebbero essere all'orizzonte.

A ciò si aggiungono i problemi della catena di approvvigionamento dalla Cina, la guerra nel paniere dell'Europa, lo stallo della crescita globale e i timori che l'economia più grande del mondo possa entrare in recessione - tutti elementi che gettano un'ombra sugli asset più rischiosi.

I dati dell'Institute of International Finance (IIF) hanno mostrato che i piccoli afflussi nel debito dei mercati emergenti per l'anno fino a fine maggio sono stati quasi tutti compensati dai deflussi dalle azioni. L'IIF ha previsto che i flussi di portafoglio esteri verso i mercati emergenti, su base annua, potrebbero ridursi del 42%, scendendo a meno di mille miliardi di dollari nel 2022.

"Se siete un investitore globale e non siete obbligati ad essere nei mercati emergenti, ad essere onesti è difficile convincervi ad investire in questa asset class in questo momento", ha detto Luis Oganes, responsabile della Global Macro Research di JPMorgan.

Qui di seguito, cinque indicazioni su cosa c'è in serbo per i mercati emergenti.

VALUTE

Nonostante il dollaro americano abbia toccato i massimi di quasi due decenni rispetto ai Paesi sviluppati, le valute emergenti hanno resistito un po', con l'indice in calo del 3,8%.

Le valute latinoamericane hanno registrato forti guadagni nel primo trimestre, grazie all'aumento dei prezzi delle materie prime e alle banche centrali che hanno anticipato la Fed, e sono rimaste in attivo nonostante il massiccio de-risking nel secondo trimestre.

La performance dipenderà dalla sensibilità agli shock dei prezzi delle materie prime e dalla capacità delle banche centrali di concentrarsi sulla crescita piuttosto che sull'inflazione.

"L'EM FX rimarrà sotto pressione nell'immediato, poiché il fragile sentimento degli investitori mantiene l'offerta dell'USD", ha dichiarato Phoenix Kalen, direttore della strategia dei mercati emergenti di Societe Generale.


Grafico: Valute dei mercati emergenti rispetto al dollaro USA -

TITOLI

I titoli azionari emergenti sono destinati a subire il maggior calo nel primo semestre dalla crisi finanziaria asiatica del 1998, con il benchmark MSCI in calo del 17% da un anno all'altro, mentre la Cina, la componente più importante dell'indice, è in calo del 12%.

Quest'ultima potrebbe offrire un po' di tregua agli investitori azionari, dato che Pechino ha bisogno di stimolare l'economia numero due al mondo, ha dichiarato Ashish Chugh, gestore di portafoglio di Loomis Sayles.

"Sono rialzista sulla Cina, perché le valutazioni sono molto interessanti grazie al sostegno politico e alle pressioni significative da parte dei funzionari governativi per stimolare la crescita", ha affermato.


Grafico: Performance dei titoli dei mercati emergenti in USD -

TASSI

Le banche centrali dei Paesi emergenti hanno iniziato il ciclo di rialzo dei tassi ben prima della Fed statunitense, per frenare l'inflazione dopo la pandemia COVID-19.

Il Brasile guida il gruppo con il ciclo di inasprimento monetario più aggressivo, aumentando il suo tasso chiave dal 2% nel marzo 2021 al 13,25% questo mese.

Ma con l'impennata dell'inflazione che spinge le principali banche centrali a rialzare i tassi più velocemente, i paletti si stanno spostando e i responsabili politici dei Paesi in via di sviluppo potrebbero essere costretti a prolungare o adattare i loro cicli di rialzo dei tassi.

"Una volta che avremo visto la Fed aumentare di altri 75 punti base e questo sarà sotto i nostri occhi, tutto dipende dalle aspettative su dove saranno i tassi terminali", ha detto Nathalie Marshik, responsabile della ricerca sovrana EM di Stifel.

Grafico: Tassi di interesse di riferimento EM - https://fingfx.thomsonreuters.com/gfx/mkt/klvykrjyyvg/emerging%20market%20central%20banks.PNG

SPREADI IN SALITA

L'indice EMBIG di JPMorgan sulle obbligazioni sovrane in valuta forte mostra che gli spread di 17 Paesi rispetto ai Treasury statunitensi sicuri superano i 1.000 punti base, bloccandoli di fatto fuori dai mercati internazionali. Questo numero è superiore a quello registrato durante il picco della crisi COVID-19 o della crisi finanziaria globale del 2008, e mostra la tensione che stanno affrontando le economie, in particolare i mercati di frontiera.

Gli economisti della Banca Mondiale stimano che 40 Paesi poveri e circa una mezza dozzina di Paesi a medio reddito sono in difficoltà debitoria o ad alto rischio.

Sri Lanka, Zambia, Pakistan e Libano sono tra i Paesi che stanno negoziando la riduzione del debito con i creditori o i salvataggi del Fondo Monetario Internazionale - ci si aspetta che la lista cresca nel secondo semestre.

Le obbligazioni emergenti in valuta forte hanno registrato rendimenti negativi del 20% da un anno all'altro, uno dei peggiori inizi d'anno degli ultimi decenni.

"In una serie di scenari, ci si dovrebbe aspettare un rendimento totale positivo per questa classe di attività, che appare anche relativamente economica rispetto a concorrenti come l'high yield statunitense", ha detto Alejo Czerwonko, CIO per i mercati emergenti americani presso UBS Global Wealth Management.

"Si tratta ancora di un ambiente molto, molto incerto, la polvere non si è ancora posata in termini di quanto si spingerà la Fed".


Grafico: Le obbligazioni dei mercati emergenti più in difficoltà -

DEFAULT RUSSIA

La più grande storia dei mercati emergenti - o globali - della prima metà del 2022 è stata la guerra della Russia in Ucraina. Un mercato emergente con un rating di investimento a gennaio, la Russia ha rischiato il default dopo essere stata tagliata fuori dai mercati finanziari globali a causa delle sanzioni.

Il rublo, che ha toccato i minimi storici all'indomani dell'invasione, è la valuta emergente con la migliore performance di quest'anno, sebbene sia soggetta a forti controlli da parte di Mosca e non sia più liberamente scambiata.

Sebbene l'espulsione della Russia dai mercati finanziari sia in gran parte avvenuta, le conseguenze più ampie della guerra, dall'aumento dei prezzi dell'energia, delle materie prime e dei generi alimentari e dalle instabilità geopolitiche, rimarranno un fattore trainante nei mesi a venire.


Grafico: Il rublo russo sotto stress da guerra -


ę MarketScreener con Reuters 2022
Titoli citati nell'articolo
Variaz.UltimoVar. 1gen
AUSTRALIAN DOLLAR / US DOLLAR (AUD/USD) -1.12%0.70341 Prezzo in differita.-1.91%
BRITISH POUND / US DOLLAR (GBP/USD) -0.24%1.20947 Prezzo in differita.-10.34%
CANADIAN DOLLAR / US DOLLAR (CAD/USD) -1.00%0.77445 Prezzo in differita.-1.09%
EURO / BRAZILIAN REAL (EUR/BRL) 0.41%5.2189 Prezzo in differita.-17.98%
EURO / US DOLLAR (EUR/USD) -0.50%1.02026 Prezzo in differita.-9.82%
INDIAN RUPEE / US DOLLAR (INR/USD) 0.18%0.012582 Prezzo in differita.-6.47%
LOOMIS AB (PUBL) -0.42%287 Prezzo in differita.19.73%
NATIONAL AUSTRALIA BANK LIMITED 0.10%30.81 Prezzo in differita.6.73%
NEW ZEALAND DOLLAR / US DOLLAR (NZD/USD) -1.10%0.63778 Prezzo in differita.-5.60%
SOCIÉTÉ GÉNÉRALE -0.89%23.5 Prezzo in tempo reale.-21.50%
THE HONEST COMPANY, INC. 2.34%3.93 Prezzo in differita.-51.42%
TORRID HOLDINGS INC. 12.16%7.01 Prezzo in differita.-29.05%
US DOLLAR / RUSSIAN ROUBLE (USD/RUB) 0.12%61.572 Prezzo in differita.-17.87%
Tutte le notizie su NATIONAL AUSTRALIA BANK LIMITED
05:15L'Aussie, il kiwi scendono mentre la ripresa della Cina vacilla; lo yuan si indebolisce..
MR
00:12La posizione patrimoniale di Westpac in Australia è più debole alla fine del trimestre
MR
12/08I posti di lavoro a libro paga in Australia sono diminuiti a metà luglio a causa delle ..
MT
09/08Gli australiani sono diventati più pessimisti in agosto, poiché l'inflazione pesa sull'..
MT
09/08La fiducia delle imprese australiane nel mese di luglio sale al di sopra della media gr..
MT
09/08L'attività commerciale in Australia è in crescita a luglio, ma i costi aumentano
MR
09/08L'utile in contanti del terzo trimestre di NAB in Australia aumenta di quasi il 6%.
MR
04/08L'indice australiano degli immobili commerciali nel secondo trimestre cala; si citano i..
MT
04/08Tre delle "Quattro grandi" banche australiane aumentano i tassi ipotecari dopo il rialz..
MR
01/08Dal boom alla tristezza, il mercato immobiliare australiano, che si è surriscaldato, su..
MR
Altre news
Raccomandazioni degli analisti su NATIONAL AUSTRALIA BANK LIMITED
Altre raccomandazioni
Dati finanziari
Fatturato 2022 18 235 M 12 952 M 12 632 M
Risultato netto 2022 6 989 M 4 964 M 4 841 M
Indebitamento netto 2022 - - -
P/E ratio 2022 14,7x
Rendimento 2022 4,83%
Capitalizzazione 97 426 M 69 200 M 67 491 M
Capi. / Fatturato 2022 5,34x
Capi. / Fatturato 2023 4,83x
N. di dipendenti 32 932
Flottante 98,0%
Grafico NATIONAL AUSTRALIA BANK LIMITED
Durata : Periodo :
National Australia Bank Limited: grafico analisi tecnica National Australia Bank Limited | MarketScreener
Grafico a schermo intero
Trend analisi tecnica NATIONAL AUSTRALIA BANK LIMITED
Breve TermineMedio TermineLungo Termine
TrendRialzistaNeutraleNeutrale
Evoluzione del Conto dei Risultati
Consensus
Vendita
Buy
Raccomandazione media ACCUMULATE
Numero di analisti 15
Ultimo prezzo di chiusura 30,78 AUD
Prezzo obiettivo medio 31,46 AUD
Differenza / Target Medio 2,20%
Revisioni EPS
Dirigenti e Amministratori
Ross Maxwell McEwan Group CEO, Managing Director & Director
Gary A. Lennon Group Chief Financial Officer
Philip Wayne Chronican Chairman
Patrick C. Wright Group Executive-Technology & Enterprise Operations
Leslie Durno Matheson Group Chief Operating Officer
Settore e Concorrenza