Il farmaco per l'obesità Wegovy di Novo Nordisk ha ridotto gli eventi avversi correlati ai reni del 22% nelle persone in sovrappeso e obese in un ampio studio, secondo una nuova analisi che il produttore di farmaci danese ha pubblicato sabato.

L'analisi, tratta da un ampio studio i cui risultati sostanziali erano stati resi noti da Novo lo scorso anno, è stata presentata al Congresso Renale Europeo di Stoccolma.

"Intervenendo sui marcatori chiave della salute dei reni, il semaglutide... può contribuire a ridurre in modo significativo il rischio di complicanze legate ai reni, tra cui la malattia renale cronica e la malattia renale in fase terminale", ha dichiarato la Professoressa Helen M. Colhoun dell'Università di Edimburgo e autrice principale dello studio.

Un portavoce di Novo ha dichiarato a Reuters che la nuova analisi "dimostra per la prima volta i benefici di semaglutide 2,4 mg nel migliorare la funzione renale nelle persone con malattie cardiovascolari e sovrappeso o obesità, senza diabete, una popolazione ad alto rischio con una maggiore necessità di protezione renale".

Lo studio segue la pubblicazione, a marzo, di uno studio di Novo che ha dimostrato che il suo farmaco per il diabete Ozempic ha ritardato la progressione della malattia renale cronica nei pazienti diabetici. Ozempic contiene lo stesso principio attivo, il semaglutide, di Wegovy, approvato come trattamento dell'obesità.

Gli ultimi dati si aggiungono alla crescente evidenza medica che i farmaci della classe GLP-1, che sopprimono l'appetito imitando gli ormoni intestinali, hanno benefici medici per condizioni che vanno oltre il diabete di tipo 2 e la perdita di peso, i loro scopi iniziali.

Nella nuova analisi, il semaglutide ha portato a un declino più lento di una certa misura della funzione renale, nota come eGFR (velocità di filtrazione glomerulare stimata), in particolare nei soggetti con una compromissione renale preesistente.

Si è registrata anche una riduzione significativa del rapporto albumina-creatina urinaria (UACR), un altro importante indicatore della salute dei reni, secondo l'analisi.

Indipendentemente dalla funzione renale all'inizio dello studio, "non è stato riscontrato un aumento del rischio di lesioni renali acute con il semaglutide".

L'analisi ha esaminato i dati di un ampio studio condotto da Novo Nordisk, chiamato Select. I risultati iniziali sono stati pubblicati in agosto.

Lo studio su 17.604 pazienti ha testato Wegovy non per la perdita di peso o la funzione renale, ma per i suoi benefici cardioprotettivi per i pazienti sovrappeso e obesi che avevano una malattia cardiaca preesistente, ma non il diabete.

L'analisi pubblicata sabato arriva un giorno dopo che Novo ha presentato i risultati dettagliati di uno studio separato in fase avanzata, che dimostra che il suo farmaco per il diabete Ozempic rallenta il peggioramento della disfunzione renale nei pazienti con diabete di tipo 2 e riduce il rischio di insufficienza renale, problemi cardiaci, ictus e morte.