I futures che seguono il Nasdaq, il settore tecnologico più pesante, sono balzati di circa il 2% giovedì dopo che i risultati e le previsioni di Nvidia hanno dato un nuovo impulso all'euforia per l'intelligenza artificiale che ha spinto Wall Street a livelli record quest'anno.

Le azioni di Nvidia hanno registrato un'impennata del 12,9% negli scambi pre-mercato, dopo che il progettista di chip ha previsto un aumento di circa tre volte dei ricavi del primo trimestre, grazie alla forte domanda dei suoi chip AI.

L'azienda, che ha anche battuto le aspettative per i ricavi del quarto trimestre, è stata destinata ad aggiungere più di 200 miliardi di dollari di capitale di mercato.

Alle 4:29 a.m. ET, gli e-minis del Dow erano in rialzo di 69 punti, pari allo 0,18%, gli e-minis dello S&P 500 erano in rialzo di 52 punti, pari all'1,04%, e gli e-minis del Nasdaq 100 erano in rialzo di 331,5 punti, pari all'1,89%.

Anche le azioni di altre aziende, viste come beneficiarie della spinta dell'AI, hanno avuto un'iniezione di energia. La rivale di Nvidia, Advanced Micro Devices, il fornitore di componenti per server Super Micro Computer e Arm Holdings sono balzati tra il 5,5% e il 14,1%.

I titoli Big Tech e growth come Alphabet, Microsoft, Tesla e Meta Platforms sono saliti tra l'1,0% e il 2,4%.

I guadagni di Nvidia erano stati un test importante per il rally alimentato dall'AI a Wall Street e alcuni analisti avevano messo in guardia sul fatto che risultati deludenti avrebbero potuto innescare un forte selloff tra i titoli tecnologici. Wall Street potrebbe segnare nuovi record a breve termine se lo slancio dovesse aumentare.

"Poche cose sono più certe della morte, delle tasse e di Nvidia che batte gli utili. L'asticella è stata fissata piuttosto in alto e, incredibilmente, hanno ancora una volta fatto un passo avanti e hanno fatto un fuoricampo", ha detto Ryan Detrick, capo stratega di mercato di Carson Group.

"L'attività AI di Nvidia è semplicemente in piena espansione, più di quanto anche l'analista più ottimista si aspettasse".

Nel frattempo, gli investitori hanno continuato a scommettere che la Federal Reserve degli Stati Uniti inizierà a tagliare i tassi di interesse a giugno, dopo che i verbali dell'ultima riunione della banca centrale hanno mostrato che la maggioranza dei responsabili politici era preoccupata per i rischi di un allentamento della politica troppo presto. (Servizio di Amruta Khandekar a Bengaluru; Editing di Shounak Dasgupta)