(Per un blog in diretta di Reuters sui mercati azionari di Stati Uniti, Regno Unito ed Europa, cliccare o digitare LIVE/ in una finestra di notizie).

* PMI non manifatturiero ISM più forte del previsto

* Nvidia, TSMC toccano i massimi storici

* CrowdStrike guadagna dopo una forte previsione per il Q2

* HPE sale dopo le previsioni di guadagno ottimistiche

* Indici: Dow in calo dello 0,01%, S&P in rialzo dello 0,67%, Nasdaq in rialzo dell'1,35%.

5 giugno (Reuters) -

I titoli tecnologici hanno guidato gli indici statunitensi al rialzo mercoledì, mentre gli investitori hanno rafforzato le scommesse su un inizio anticipato del ciclo di allentamento della politica della Federal Reserve, dopo che diversi rapporti hanno segnalato un rallentamento della crescita nella maggiore economia mondiale.

Il Nasdaq ha toccato un massimo intraday, grazie ai titoli megacap sensibili ai tassi, come Microsoft e Amazon.com, che hanno guadagnato tra lo 0,3% e il 2,5%. I titoli tecnologici sono saliti dell'1,8%, guidando i progressi settoriali.

Nel frattempo, il Philadelphia SE Semiconductor Index è balzato del 3,5%. Le azioni del leader dell'AI Nvidia e di Taiwan Semiconductor Manufacturing sono salite rispettivamente del 2,9% e del 7,0%, toccando entrambe i massimi storici.

I beni di consumo hanno guidato i ribassi settoriali, scivolando di quasi lo 0,7%.

I rendimenti dei Treasury statunitensi sono scivolati ai minimi di due mesi dopo che il rapporto ADP sull'occupazione nazionale ha mostrato che i datori di lavoro privati hanno aumentato i loro organici di 152.000 unità ad aprile, un dato significativamente inferiore alle previsioni.

I trader vedono ora quasi il 69% di possibilità di una riduzione dei tassi a settembre, secondo lo strumento FedWatch del CME. La settimana scorsa le aspettative si aggiravano intorno al 50%.

Separatamente, un sondaggio dell'Institute of Supply Management ha mostrato che

l'attività del settore dei servizi

si è attestata a 53,8 a maggio, meglio delle aspettative di 50,8.

Con gli indici principali vicini ai massimi storici, gli investitori si stanno destreggiando tra le preoccupazioni di un indebolimento dell'economia e le speranze che questo porti ad un inizio anticipato dei tagli dei tassi della Fed rispetto a quanto previsto in precedenza.

"È un momento di confusione, ma ora tutti hanno messo insieme (la probabilità di tagli della Fed). Il rendimento del Tesoro a 10 anni è sceso, e c'è una grande correlazione tra questo calo e il rialzo delle azioni", ha detto Kim Forrest, chief investment officer di Bokeh Capital Partners.

Gli investitori attendono ora il rapporto sui salari non agricoli, previsto per venerdì, per avere una visione completa del mercato del lavoro.

"Se otteniamo un numero di posti di lavoro morbido, questo potrebbe dimostrare che l'atterraggio morbido (per l'economia statunitense) sta avvenendo", ha detto Forrest.

Alle 12.20 ET, il Dow Jones Industrial Average era in calo di 4,89 punti, o 0,01%, a 38.706,40, lo S&P 500 era in rialzo di 35,69 punti, o 0,67%, a 5.327,03, e il Nasdaq Composite era in rialzo di 228,20 punti, o 1,35%, a 17.085,25.

Hewlett Packard Enterprise si è piazzata in cima all'indice di riferimento con un

11.8

% dopo aver previsto un fatturato del terzo trimestre

al di sopra delle aspettative della Borsa

grazie alla domanda ottimistica dei suoi server AI.

Dollar Tree ha invertito i guadagni precedenti, scivolando del 4,5% dopo una previsione di profitto trimestrale deludente. Il rivenditore economico ha dichiarato che esplorerà le opzioni che includono una potenziale vendita o uno spin-off di Family Dollar.

Intel ha guadagnato il 2,0% dopo che la società di buyout Apollo Global Management ha accettato di acquistare una partecipazione del 49% per 11 miliardi di dollari in una joint venture legata all'unità di produzione irlandese del chipmaker.

CrowdStrike Holdings è balzata del 9,9% dopo aver previsto ricavi del secondo trimestre superiori alle stime alla chiusura dei mercati di martedì, grazie alla forte domanda delle sue offerte di cybersicurezza.

I titoli in rialzo hanno superato quelli in ribasso con un rapporto di 1,92 a 1 sul NYSE e di 1,66 a 1 sul Nasdaq.

L'indice S&P ha registrato

17

nuovi massimi di 52 settimane e otto nuovi minimi, mentre il Nasdaq ha registrato

48

nuovi massimi e

95

nuovi minimi.