Mercoledì Nvidia ha previsto un aumento di circa tre volte dei ricavi trimestrali, battendo le stime, grazie alla forte domanda dei suoi chip di intelligenza artificiale, leader del settore, e facendo salire le sue azioni del 10% dopo l'orario di lavoro.

La domanda già elevata di chip per data center e di unità di elaborazione grafica (GPU) dell'azienda continua a crescere, mentre le aziende si affannano per espandere le loro offerte di intelligenza artificiale. Il silicio di Nvidia domina il mercato globale dei chip AI, dove annovera tra i suoi clienti aziende del calibro di Microsoft.

"Il mercato era pronto a vendere le notizie dopo i guadagni di Nvidia, viste le aspettative alle stelle e il deterioramento delle condizioni macro", ha detto Thomas Monteiro, analista di Investing.com. "Tuttavia, ancora una volta, l'azienda non ha lasciato dubbi sul fatto che il boom dell'AI è molto più di una semplice narrazione del mercato azionario, ma piuttosto la scommessa più significativa delle aziende di tutto il mondo in questo momento".

Il balzo delle azioni avvenuto all'ultimo giorno ha fatto salire la capitalizzazione di mercato dell'azienda di Santa Clara, California, di oltre 129 miliardi di dollari, e ha spinto al rialzo le azioni di altre aziende legate all'AI, tra cui il progettista di chip Arm Holdings. Nvidia e altri fornitori di hardware legati all'informatica AI hanno aggiunto 160 miliardi di dollari di valore azionario combinato.

Mercoledì, Nvidia ha previsto una crescita dei ricavi del primo trimestre del 233%, anticipando le aspettative di Wall Street di una crescita del 208%.

Per i primi tre trimestri del 2023, Nvidia ha registrato ricavi trimestrali che hanno battuto le stime degli analisti tra il 10% e il 20%.

Alcuni analisti hanno sollevato dubbi su quanto a lungo Nvidia sarà in grado di sostenere questo ritmo di crescita.

L'azienda ha previsto un fatturato per il trimestre in corso di 24,0 miliardi di dollari, più o meno il 2%. Gli analisti in media si aspettavano un fatturato di 22,17 miliardi di dollari, secondo i dati LSEG.

Le vendite del segmento dei data center, il più grande per quota di fatturato, sono cresciute del 409% a 18,4 miliardi di dollari nel quarto trimestre fiscale, superando le stime di 16,8 miliardi di dollari, secondo i dati di LSEG. I ricavi dei data center sono cresciuti di quasi il 280% nel trimestre precedente.

Anche le catene di fornitura del leader dell'AI, che non sono state in grado di soddisfare l'impennata della domanda di chip di Nvidia, stanno migliorando. Ma l'amministratore delegato Jensen Huang ha detto agli analisti in una conference call successiva ai risultati che non c'è modo per l'azienda di tenere "ragionevolmente" il passo della domanda nel breve termine, mentre aumenta la produzione.

"La domanda più importante per la crescita è quanto l'offerta rimanga limitata e quale sia l'aspetto della domanda nel tempo", ha detto Ben Bajarin, amministratore delegato della società di consulenza Creative Strategies.

Gli analisti si aspettano che la capacità di packaging avanzato del principale fornitore Taiwan Semiconductor Manufacturing Co (TSMC) migliori nella prima metà dell'anno. Ciò consentirà a Nvidia di superare il collo di bottiglia centrale per consegnare più chip ai clienti.

Nvidia ha registrato un fatturato del quarto trimestre di 22,10 miliardi di dollari, battendo le stime di 20,62 miliardi di dollari. Rettificati per alcune voci, gli utili del quarto trimestre sono stati di 5,16 dollari per azione, rispetto alle stime di 4,64 dollari per azione, secondo i dati LSEG.

Nvidia prevede che il margine lordo rettificato del primo trimestre sarà del 77%, più o meno 50 punti base. Gli analisti avevano previsto in media un margine lordo del 75,6%.

Le azioni di Nvidia hanno guadagnato più del 30% quest'anno, mentre si contende con Amazon.com e Alphabet un posto tra le aziende di maggior valore.

Al 20 febbraio, circa 30 miliardi di dollari di azioni Nvidia sono passati di mano ogni giorno in media nelle ultime 30 sessioni, superando il produttore di veicoli elettrici Tesla, che ha registrato una media di 22 miliardi di dollari al giorno nello stesso periodo.

I ricavi dell'azienda manifesto dell'intelligenza artificiale hanno continuato a crescere nonostante l'inasprimento delle restrizioni commerciali con uno dei suoi mercati più importanti: Cina.

In un documento di mercoledì, Nvidia ha dichiarato di aver ricevuto richieste da parte dei regolatori antitrust di Francia, Unione Europea, Regno Unito e Cina in merito alla vendita di GPU e agli sforzi di allocazione dell'offerta. L'azienda ha dichiarato che si aspetta di ricevere ulteriori richieste da parte delle autorità di regolamentazione antitrust in futuro.

A dicembre, il segretario al Commercio degli Stati Uniti, Gina Raimondo, ha dichiarato a Reuters che l'amministrazione Biden sta discutendo con Nvidia sulle vendite consentite di chip di intelligenza artificiale in Cina. Ha detto di aver parlato con il CEO di Nvidia, Huang, e che lui è stato chiaro sul fatto che Nvidia lavorerà all'interno delle regole stabilite dal Dipartimento del Commercio.