Uno sguardo alla giornata in corso sui mercati europei e globali da Ankur Banerjee

Gli investitori stanno trattenendo il fiato per i guadagni forse più influenti da molto tempo a questa parte, con il figlio manifesto del boom dell'AI, Nvidia, che si appresta a presentare un altro trimestre da blockbuster.

Tuttavia, gli investitori, che hanno visto il titolo salire alle stelle negli ultimi 18 mesi grazie alla frenesia dell'AI, potrebbero rimanere delusi se il chipmaker non riuscisse a mantenere la sua sorprendente crescita.

I riflettori, forse in modo meno brillante, saranno puntati anche sui verbali della riunione della Federal Reserve degli Stati Uniti di gennaio, in quanto i trader cercheranno di prevedere l'inizio del ciclo di allentamento monetario.

Ma con i dati della scorsa settimana che hanno mostrato che l'inflazione si rifiuta di rallentare in modo significativo, alcuni dei commenti dei banchieri centrali potrebbero essere già superati. Gli operatori di mercato hanno ridimensionato le aspettative di un taglio dei tassi di interesse precoce e deciso e ora prevedono che giugno sarà il punto di partenza del ciclo di allentamento.

Il calendario economico in Europa durante la giornata è scarno, con il flash sulla fiducia dei consumatori della zona euro per febbraio, l'unico report importante atteso, mentre gli utili di Glencore saranno l'evento aziendale principale.

È probabile che gli investitori rimangano sulle spine, dato che l'indice azionario di riferimento in Europa rimane sulla cresta di un picco record. Lo STOXX 600, a livello continentale, è in rialzo del 3% per l'anno in corso e sta inseguendo il massimo storico toccato nel gennaio 2022.

Gli osservatori del mercato asiatico sono abituati ad aspettare, mentre il Nikkei continua la sua corsa incerta verso il picco record stabilito nel 1989. Le azioni giapponesi sono scese mercoledì in parte a causa del nervosismo in vista dei guadagni di Nvidia.

Nvidia, che sta sostituendo Tesla come titolo più scambiato di Wall Street in termini di valore, dovrebbe più che triplicare i ricavi trimestrali, raggiungendo circa 20 miliardi di dollari, con un'attenzione particolare alle sue previsioni e a ciò che dice sulla Cina. Tuttavia, gli investitori sono preoccupati che il suo rally da capogiro abbia fatto il suo corso.

La terza azienda statunitense per valore, dietro a Microsoft e Apple, ha visto le sue azioni salire del 40% quest'anno, dopo aver registrato un incredibile aumento del 239% nel 2023.

Le opzioni di Nvidia prevedono un'oscillazione di circa l'11% in entrambe le direzioni dopo i guadagni e questo potrebbe determinare il comportamento dei mercati globali nel breve termine e se vedremo i picchi record dell'Europa e del Giappone infranti questa settimana o meno.

Sviluppi chiave che potrebbero influenzare i mercati mercoledì:

Eventi: flash sulla fiducia dei consumatori della zona euro a febbraio, guadagni di Glencore