Login
E-mail
Password
Mostra password
Ricorda
Password dimenticata?
Iscriviti gratuitamente
Registrazione
Registrazione
Parametri
Parametri
Quotazioni dinamiche 
OFFON
  1. Home
  2. Azioni
  3. Italia
  4. Borsa Italiana
  5. Pharmanutra S.p.A.
  6. Notizie
  7. Riassunto
    PHN   IT0005274094

PHARMANUTRA S.P.A.

(PHN)
RiassuntoQuotazioniGraficiNotizieRatingAgendaSocietąFinanzaConsensusRevisioniDerivati 
RiassuntoTutte le notizieAltre lingueComunicati stampaPubblicazioni ufficialiNotizie del settore

Vitamina D e calcio: differenze e benefici per la salute delle ossa

01-12-2021 | 10:11

La funzione di Vitamina D e calcio per il benessere dell'apparato scheletrico è nota da molto tempo in medicina, ma non sempre è chiara la differenza tra questi due elementi e potremmo chiederci se è utile integrare entrambi o se è sufficiente seguire una dieta ricca di calcio per prevenire l'insorgenza di problematiche come l'osteoporosi.

La salute delle ossa, infatti, è un tema che interessa una grande parte della popolazione, in particolare le donne che sono più soggette al rischio di osteoporosi in menopausa, ma non solo. Anche per bambini e giovani nella fase della crescita è importante capire quali nutrienti sono utili per sviluppare ossa e denti forti. Tra le vitamine, le più importanti nella regolazione del sistema scheletrico sono la vitamina D e la vitamina K, mentre tra i minerali quelli che intervengono direttamente sul metabolismo osseo sono il calcio e il magnesio.

Vediamo insieme come questi quattro elementi sono correlati e agiscono per mantenere in salute le nostre ossa.

In questo articolo troverete:

  1. Integrazione di vitamina D e calcio: perché sono importanti entrambi
  2. Il ruolo della Vitamina K nel metabolismo osseo
  3. Come influisce la carenza di magnesio sulla salute di ossa e denti
  4. Prevenire i disturbi da carenza di Vitamina D e calcio
L'integrazione di Vitamina D e calcio per la salute di ossa e denti: perché l'attività di questi due elementi è strettamente correlata? Come agiscono a livello biochimico?

La vitamina D nel nostro organismo svolge numerose funzioni (è infatti a tutti gli effetti considerata un ormone, più che una vitamina), ma sicuramente la prima ad essere stata scoperta e quella per cui tutti la conosciamo consiste nel suo ruolo chiave nella regolazione del sistema scheletrico.

Risale al 1919 infatti l'osservazione per cui i bambini affetti da rachitismo guarivano se esposti alla luce solare o se trattati con olio di fegato di merluzzo: da quel momento, a seguito di studi approfonditi, si arrivò ad indentificare la vitamina D come il fattore responsabile della stimolazione della crescita dell'osso.

Il calcio invece è il minerale più abbondante nel nostro organismo, dove interviene nella regolazione di varie funzioni, che vanno dalla contrazione muscolare alla trasmissione dell'impulso nervoso (scopri di più su questo articolo dedicato alle funzioni dei minerali). La quasi totalità (circa il 99%) del calcio però si trova mineralizzato a livello delle ossa e dei denti: le ossa, infatti, contrariamente a quanto potremmo pensare, non sono strutture statiche, ma altamente dinamiche e sottoposte ad un continuo processo di rimodellamento, che prevede processi simultanei di riassorbimento e deposizione di calcio.

Alla luce di quanto detto, è evidente quindi che la vitamina D e il calcio sono strettamente interconnessi e cooperano per il mantenimento di un sistema scheletrico sano. Nello specifico, la vitamina D interviene nel mantenere l'equilibrio di calcio a livello osseo, andando a favorirne l'assorbimento intestinale, il processo di riassorbimento osseo e regolando il PTH, l'ormone prodotto dalle ghiandole paratiroidi, che a sua volta regola i livelli sierici di calcio.

Non solo vitamina D e calcio: il ruolo della vitamina K nel metabolismo osseo

Il termine Vitamina K è un termine generico comprendente più isoforme, in particolare la Vitamina K1 e la Vitamina K2, simili nella loro struttura chimica, ma con ruoli diversi nel nostro organismo.
In questo caso, è principalmente la Vitamina K2 ad essere coinvolta nella salute dell'osso: essa, infatti, agisce in sinergia con la vitamina D per mantenere i giusti livelli di calcio nel nostro scheletro e studi pubblicati confermano come una carenza di tale vitamina sia associata all'aumento del rischio di fratture ossee. Non è un caso che in Giappone l'incidenza di osteoporosi sia molto bassa: la popolazione giapponese infatti consuma molto natto, alimento derivante della fermentazione dei fagioli di soia, conosciuto per essere una fonte estremamente ricca di vitamina K2.

In particolare, la vitamina K2 nel nostro organismo agisce da coenzima, ossia facilita l'azione di un enzima specifico responsabile dell'attivazione dell'osteocalcina, proteina che va a fissare il calcio nelle ossa. È chiaro quindi come una carenza di vitamina K2 possa mettere a rischio il normale processo di deposizione di calcio a livello osseo, portando ad un loro progressivo indebolimento.

Purtroppo, la carenza di vitamina K2 non è rara e, poiché l'organismo non è in grado di produrne quantitativi sufficienti, è necessario assumerla con la dieta o con un'opportuna integrazione.

Ma in tutto ciò c'entra anche il magnesio, in che modo?

Come influisce la carenza di Magnesio sulla salute di ossa e denti

A differenza del calcio, il cui ruolo nel metabolismo osseo è noto a molti, forse non tutti sanno che anche il magnesio è direttamente coinvolto nella salute delle ossa e dei denti. Esiste addirittura un claim approvato dall'EFSA (European Food Safety Authority) che dichiara che "il magnesio contribuisce al mantenimento di ossa e denti normali".

L'osso infatti rappresenta il principale organo di deposito per il magnesio nel nostro organismo: basti pensare che il 60% del magnesio di cui disponiamo viene proprio stoccato all'interno della matrice ossea. In condizioni di ipomagnesiemia, ossia di riduzione dei livelli di magnesio circolanti, l'osso è dunque il primo distretto a cui il nostro organismo attinge per ristabilire la concentrazione sierica di magnesio e questo comporta un progressivo indebolimento dello scheletro.

È quindi fondamentale evitare la carenza di magnesio, seguendo una dieta sana ed equilibrata e là dove questo non sia sufficiente, intervenendo con un'integrazione specifica, soprattutto nelle persone anziane che sono a rischio di osteoporosi.

Se vuoi approfondire il magnesio e le sue funzioni scopri di più su Ultramag.it.

Disturbi da carenza di Vitamina D e calcio: si possono prevenire con una corretta dieta e integrazione?

Sebbene i dati scientifici ci dicano che in Italia la carenza di vitamina D sia molto diffusa - circa l'80% della popolazione italiana ha una carenza di Vitamina D -, il deficit di questo importante nutriente sarebbe il più possibile da evitare poiché ha un impatto negativo sul processo di calcificazione delle ossa. Questo si può tradurre nello sviluppo di disturbi e malattie come il rachitismo nei bambini, l'osteoporosi (riduzione della densità ossea), spesso causa di fratture, soprattutto nell'anziano, o anche deformazioni ossee di varia natura. La carenza di Vitamina D inoltre indebolisce i denti rendendoli più soggetti alle carie.

Per quanto riguarda il calcio invece, un suo deficit potrebbe essere asintomatico negli stadi iniziali, ma se non adeguatamente risolto, può sfociare in manifestazioni evidenti come pizzicore e addormentamento delle dita, crampi muscolari, convulsioni, sonnolenza, scarso appetito e anomalie del battito cardiaco.

È dunque estremamente importante assicurare, con una dieta sana ed equilibrata, il corretto apporto di entrambi questi nutrienti, al fine di garantirne i quantitativi sufficienti perché possano cooperare per la salute del nostro sistema scheletrico.

Di seguito riportiamo una tabella degli alimenti più ricchi di calcio (attenzione, non solo latticini!):

Prodotti lattiero-caseari Latte, yogurt e formaggi
Pesce Pesce azzurro, polpi, calamari e gamberi
Verdure verdi Rucola, cavolo riccio, cime di rapa, broccoli, carciofi, cardi
Frutta secca Mandorle, arachidi, pistacchi, noci, nocciole
Legumi Ceci, lenticchie, fagioli cannellini, borlotti e occhio nero
Agrumi Arance (che contengono anche vitamina C, potassio e beta carotene)

Tabella 1: elenco dei cibi ricchi di calcio. Fonte Ministero della Salute.

E quando la dieta non basta, o ci si trova in una condizione in cui è richiesto un maggiore apporto di calcio, pensiamo ad esempio alle donne in menopausa o agli anziani, si può integrare con complementi nutrizionali a base di calcio, vitamina D e vitamina K2, come Bonecal.

Disclaimer

Pharmanutra S.p.A. published this content on 01 December 2021 and is solely responsible for the information contained therein. Distributed by Public, unedited and unaltered, on 01 December 2021 09:10:07 UTC.


© Publicnow 2021
Tutte le notizie su PHARMANUTRA S.P.A.
24/01PHARMANUTRA: avvio programma di acquisto azioni proprie
DJ
24/0124/01/2022 - PHARMANUTRA S.P.A.: Avvio del programma di acquisto di azioni proprie
PU
18/01ASTENIA: significato, possibili cause e rimedi
PU
17/01PHARMANUTRA: concesso nuovo brevetto negli Usa
DJ
17/0117/01/2022 - PHARMANUTRA S.P.A.: Concesso un nuovo brevetto negli u.s.a.
PU
14/01PHARMANUTRA S P A: 14/01/2022 - pubblicazione calendario eventi societari 2022
PU
13/01PHARMANUTRA: nuovo accordo distribuzione a Taiwan
DJ
13/01PHARMANUTRA S P A: 13/01/2022 - pharmanutra s.p.a. consolida la propria presenza sul merc..
PU
05/01RICERCA SCIENTIFICA E MINERALI SUCRO: gli ultimi aggiornamenti
PU
05/01SCIENTIFIC RESEARCH AND SUCROSOMIAL : the latest updates
PU
Pił notizie
Dati finanziari
Fatturato 2021 68,2 M 77,0 M -
Risultato netto 2021 12,7 M 14,4 M -
Liqui. netta 2021 19,4 M 21,9 M -
P/E ratio 2021 49,9x
Rendimento 2021 1,04%
Capitalizzazione 649 M 732 M -
VS / Fatturato 2021 9,23x
VS / Fatturato 2022 8,02x
N. di dipendenti 64
Flottante -
Grafico PHARMANUTRA S.P.A.
Durata : Periodo :
Pharmanutra S.p.A.: grafico analisi tecnica Pharmanutra S.p.A. | MarketScreener
Grafico a schermo intero
Trend analisi tecnica PHARMANUTRA S.P.A.
Breve TermineMedio TermineLungo Termine
TrendRibassistaNeutraleRialzista
Evoluzione del Conto di Risultati
Consensus
Vendita
Acquisto
Raccomandazione media Comprare
Numero di analisti 3
Ultimo prezzo di chiusura 67,00 €
Prezzo obiettivo medio 84,67 €
Differenza / Target Medio 26,4%
Revisioni EPS
Dirigenti e Amministratori
Andrea Lacorte Chairman & General Director
Germano Tarantino Scientific Director
Carlo Volpi Executive Director & Chief Operating Officer
Alessandro Calzolari Independent Director
Marida Zaffaroni Independent Director
Settore e Concorrenza
Var. 1genCapi. (M$)
PHARMANUTRA S.P.A.-13.00%718
JOHNSON & JOHNSON-4.73%429 034
ROCHE HOLDING AG-9.06%304 714
PFIZER, INC.-12.72%289 287
ABBVIE INC.-2.39%233 643
ELI LILLY AND COMPANY-12.00%217 963