Login
E-mail
Password
Mostra password
Ricorda
Password dimenticata?
Iscriviti gratuitamente
Registrazione
Registrazione
Parametri
Parametri
Quotazioni dinamiche 
OFFON

RADICI PIETRO INDUSTRIES & BRANDS S.P.A.

(RAD)
Prezzo in differita. Tempo differito Borsa Italiana - 15/10 17:35:12
1.62 EUR   --.--%
14/10CONFINDUSTRIA: nuovo protocollo intesa con Protezione Civile
DJ
14/10PIAGGIO: stilista Feng Chen Wang personalizzerà primo scooter elettrico
DJ
12/10COMMENTO AIM: in evidenza Sebino
DJ
RiassuntoQuotazioniGraficiNotizieRatingAgendaSocietÓFinanzaConsensusRevisioniDerivati 
RiassuntoTutte le notizieAltre lingueComunicati stampaPubblicazioni ufficialiNotizie del settore

Covid : Bulgaria spicca in Ue per basso tasso vaccinazione

20-09-2021 | 15:11

MILANO (MF-DJ)--In quanto Stato membro dell'Unione europea, la Bulgaria ha accesso ai vaccini contro il Covid-19 approvati dall'Ema e a un numero di dosi sufficienti per la sua popolazione. Un mix di disinformazione, scarsa fiducia nelle autorità e messaggi contrastanti fa però sì che meno di un quinto dei bulgari sia completamente vaccinato.

Con poca offerta in casa e alcune dosi in scadenza, il Governo di Sofia ha recentemente donato 172.500 dosi al Regno del Bhutan e alcuni vaccini scaduti vengono buttati via.

La Bulgaria, un Paese di circa sette milioni di persone, ha vaccinato completamente molto meno persone rispetto alla media Ue del 61% e al tasso degli Stati Uniti, pari al 54%, secondo Our World in Data, un progetto con sede presso l'Università di Oxford. Il Paese è diventato un caso studio per dimostrare la sfida che devono affrontare le autorità per convincere le persone contrarie a vaccinarsi. Inoltre, questo illustra anche i rischi che si corrono se tali sforzi falliscono mentre la variante più infettiva del Covid-19, la Delta, si diffonde. La Bulgaria ha attualmente i più alti tassi di mortalità e ospedalizzazione dell'Ue in percentuale alla popolazione, secondo Our World in Data.

"Qui abbiamo una tempesta perfetta di sfiducia e notizie false", ha affermato il prof. Nikolay Vitanov, matematico dell'Accademia delle scienze bulgara che ha consigliato le autorità nella loro strategia contro il Covid-19, sottolineando che "la mortalità è molto alta, ma le persone non si fidano di nulla".

La Bulgaria sta attualmente registrando circa oltre 1.500 nuovi casi giornalieri di virus e più di 50 decessi al giorno. Quasi 20.000 bulgari sono morti di Covid-19 durante la pandemia e secondo gli esperti questo dato è sottostimato in quanto non tutti i decessi vengono registrati. Tuttavia, solo il 39% dei bulgari pensa che tutti dovrebbero vaccinarsi contro il Covid-19, il livello più basso nell'Ue, secondo un sondaggio di agosto di Eurobarometro.

Gli incentivi ai vaccini non sono serviti. Una grande catena di ipermercati ha recentemente iniziato a regalare buoni del valore di circa 12 dollari, a coloro che si vaccinano nei suoi centri ma nel pomeriggio recentemente, un centro era vuoto, con solo un paio di turisti britannici che chiedevano se gli stranieri potevano farsi vaccinare. Non possono.

Anche altre Nazioni dell'Europa orientale hanno bassi tassi di vaccinazione contro il Covid-19, con la Romania che ha vaccinato completamente meno di un terzo della popolazione. Lo scetticismo sui vaccini, anche nei confronti dell'immunizzazione dei bambini, è storicamente alto nella regione, alimentato da un attivo movimento no-Vax, dalla povertà e dalla sfiducia. La metà degli intervistati nelle Nazioni dell'Europa orientale considerava i vaccini sicuri, secondo un sondaggio di Gallup del 2018, rispetto al 59% in Europa occidentale e al 72% in Nord America.

In Bulgaria, la profonda sfiducia nelle autorità sta alimentando lo scetticismo sui vaccini, affermano gli osservatori. Secondo un sondaggio di Eurobarometro di luglio, solo il 33% dei bulgari si fida della propria amministrazione pubblica, rispetto a una media Ue del 52%.

Questo ha radici storiche. Molti bulgari affermano di essersi abituati a essere ingannati e fuorviati dalle autorità durante il Governo comunista nel secolo scorso. Alcuni indicano il disastro nucleare di Chernobyl in Unione Sovietica nell'aprile 1986, quando il Governo bulgaro ha evitato di diffondere la notizia per giorni e ha permesso che si svolgessero le parate del primo maggio anche se le nuvole radioattive avevano già raggiunto il Paese.

La campagna vaccinale della Bulgaria è stata ostacolata da una crisi politica che ha portato il Paese a indire un voto parlamentare a novembre, la terza elezione quest'anno.

Il ministero della Salute bulgaro ha riconosciuto il lento tasso di vaccinazione contro il Covid-19, dando la colpa per il fallimento ai passi falsi relativi alla campagna vaccinale compiuti dal Governo precedente. Tale amministrazione, a sua volta, accusa quella attuale di aver gestito male il processo.

Il basso livello di vaccinazioni potrebbe colpire la fragile economia dipendente dal turismo della Bulgaria, lo Stato membro più povero dell'Ue, affermano i funzionari. La Bulgaria è aperta ai turisti della maggior parte dei Paesi, a condizione che abbiano un certificato di vaccinazione o un test negativo.

"Se continuiamo a comportarci come gli idioti d'Europa, questo colpirà la nostra economia e il turismo", ha detto mercoledì alla televisione di Stato Angel Kunchev, ispettore capo della salute bulgara, spiegando che "nessuno vorrà venire in Bulgaria se manterremo le vaccinazioni al di sotto del 20%. Le persone sceglieranno semplicemente posti sicuri e noi non saremo tra quelli".

I vaccini disponibili in Bulgaria includono quelli di Pfizer/BioNTech, Moderna e Johnson&Johnson, nonché il vaccino più utilizzato al mondo sviluppato da AstraZeneca. Il ministero della Salute ha affermato di aver istituito centri di vaccinazione in centri commerciali, spiagge e parchi e di aver avviato una campagna di informazione. "La Bulgaria ha abbastanza vaccini e chiunque può farsi vaccinare se lo desidera", si legge in una nota.

Fin dall'inizio della pandemia in Bulgaria, notizie false si sono diffuse rapidamente sui social media e su alcuni siti web. Allo stesso tempo, i media mainstream hanno dedicato un tempo di trasmissione significativo agli scettici sui vaccini, compresi i medici che diffondono teorie non dimostrate e promuovono trattamenti a base di erbe, affermano esperti di media e funzionari.

"Le notizie false sono ovunque e i media hanno dedicato molto tempo alle opinioni senza alcun supporto scientifico", ha affermato il dottor Alexander Simidchiev, membro del Parlamento e pneumologo che ha curato i pazienti affetti dal Covid-19 durante la pandemia. "Questo ha portato la società a essere fortemente polarizzata" intorno ai vaccini, ha spiegato.

Alcuni funzionari sanitari bulgari hanno chiesto di imporre la vaccinazione obbligatoria per settori come l'assistenza sanitaria e l'istruzione, anche se non è stata presa alcuna decisione. Solo il 30% circa degli insegnanti e il 2% degli studenti sono stati vaccinati, hanno detto i funzionari prima dell'inizio dell'anno scolastico la scorsa settimana.

Un altro motivo per cui i bulgari sono scettici è che da quando la Bulgaria ha abbandonato il comunismo nel 1989, il Paese è stato afflitto da una corruzione pervasiva, anche nel settore sanitario. Secondo Eurobarometro, ciò ha contribuito alla fiducia di poco più del 50% dei bulgari nel personale medico, rispetto all'80% nell'Ue.

Alcuni esperti hanno affermato che la nuova ondata crescente di casi di Covid-19 potrebbe persuadere alcune delle persone contrarie al vaccino. "Dovremo semplicemente seguire come si sviluppa questo esperimento sociale naturale e vedere se la paura porterà a un'ondata di vaccinazioni", ha affermato Tihomir Bezlov, analista presso il Centro per gli studi sulla democrazia a Sofia.

cos

(END) Dow Jones Newswires

September 20, 2021 09:10 ET (13:10 GMT)

Tutte le notizie su RADICI PIETRO INDUSTRIES & BRANDS S.P.A.
14/10CONFINDUSTRIA: nuovo protocollo intesa con Protezione Civile
DJ
14/10PIAGGIO: stilista Feng Chen Wang personalizzerà primo scooter elettrico
DJ
12/10COMMENTO AIM: in evidenza Sebino
DJ
11/10COMMENTO AIM: in evidenza Crowdfundme
DJ
04/10MEDIOBANCA: alleanze in Piazzetta (Mi.Fi.)
DJ
30/09RADICI PIETRO INDUSTRIES & BRANDS S : & Brands DATI SEMESTRALI 30-06-2021
PU
30/09CRT..SOSTENIBILITÀ: concluso progetto Ulisse di RadiciGroup
DJ
30/09SOSTENIBILITÀ: al via progetto Ulisse di RadiciGroup
DJ
30/09EURIZON: Perissinotto, portiamo avanti percorso crescita importante
DJ
30/09GOVERNO: Draghi, agire su radici profonde razzismo e antisemitismo
DJ
Pi¨ notizie
Dati finanziari
Fatturato 2021 46,9 M 54,4 M -
Risultato netto 2021 -1,38 M -1,60 M -
Indebitamento netto 2021 18,9 M 21,9 M -
P/E ratio 2021 -9,53x
Rendimento 2021 -
Capitalizzazione 14,1 M 16,4 M -
VS / Fatturato 2021 0,70x
VS / Fatturato 2022 0,55x
N. di dipendenti 225
Flottante 24,1%
Grafico RADICI PIETRO INDUSTRIES & BRANDS S.P.A.
Durata : Periodo :
Radici Pietro Industries & Brands S.p.A.: grafico analisi tecnica Radici Pietro Industries & Brands S.p.A. | MarketScreener
Grafico a schermo intero
Trend analisi tecnica RADICI PIETRO INDUSTRIES & BRANDS S.P.A.
Breve TermineMedio TermineLungo Termine
TrendNeutraleRibassistaNeutrale
Evoluzione del Conto di Risultati
Consensus
Vendita
Acquisto
Raccomandazione media Comprare
Numero di analisti 2
Ultimo prezzo di chiusura 1,62 €
Prezzo obiettivo medio 3,23 €
Differenza / Target Medio 99,4%
Revisioni EPS
Dirigenti e Amministratori
Ivan Palazzi Chief Executive Officer & Director
Marco Antonio Radici Chairman
Sergio Patriarca Independent Director
Giovanni Battista Natali Non-Executive Director
Aineta Mery Stephens Sifontes Non-Executive Director