1. Home
  2. Azioni
  3. Italia
  4. Borsa Italiana
  5. SOL S.p.A.
  6. Notizie
  7. Riassunto
    SOL   IT0001206769

SOL S.P.A.

(SOL)
  Rapporto
Tempo differito Borsa Italiana  -  17:35 08/08/2022
17.62 EUR   -1.34%
04/08ATLANTIA: salgono ricavi (18%) ed Ebitda (+22%), vola utile con cessione Aspi
DJ
28/07COREA DEL NORD: Kim, annienteremo esercito Seul in caso di attacco preventivo
DJ
14/07GRUPPO SOL: si rafforza nel settore dell'assistenza domiciliare in Spagna
DJ
RiassuntoQuotazioniGraficiNotizieSocietÓFinanzaDerivati 
RiassuntoTutte le notizieAltre lingueComunicati stampaPubblicazioni ufficialiNotizie del settore

Valute: non Ŕ l'ora dell'euro (Mi.Fi.)

20-06-2022 | 08:10

MILANO (MF-DJ)--Le banche centrali, riunite allo stesso tavolo settimana scorsa, hanno accelerato il ritmo della stretta. Se la Bank of Australia ha aumentato i tassi di 75 punti base nelle ultime due riunioni, la Fed in un sol colpo ha calato +75bp, la Banca d'Inghilterra +25bp, ma è pronta ad agire di nuovo per allontanare i pericoli di un'inflazione che si dirige oltre l'11%. Mentre ha voltato pagina, dopo oltre 7 anni, la Banca nazionale Svizzera, innalzando i tassi di mezzo punto, ancora per poco negativi (-0,25%). La Bce, ultima a cambiare idea, ora pare disposta ad alzarli di 50bp alla riunione del 21 luglio. Fa eccezione la Banca del Giappone, che ha mantenuto un atteggiamento di allentamento. Di conseguenza, lo yen non è mai stato così debole negli ultimi 24 anni e il dollaro è tornato a essere il bene rifugio per eccellenza con i mercati azionari sempre più preoccupati (Wall Street è entrata nella tana dell'Orso) per il rischio di un mix di recessione e inflazione. Milano Finanza ha chiesto ad Athanasios Vamvakidis, Managing Director & Global Head G10 FX Strategy di Bank of America, come muoversi in campo valutario tra un rialzo dei tassi e l'altro.

Domanda. La riunione straordinaria della Bce, focalizzata sul rischio di frammentazione economica e finanziaria dell'Eurozona, ha deluso i mercati e l'euro ha perso terreno. Resterà debole?

Risposta. Rispetto alle altre banche centrali, esclusa la Banca del Giappone, riteniamo che la Bce sia stata più colomba. Ha deciso di attivare la massima flessibilità nel reinvestimento dei rimborsi in scadenza del Pepp, il che però non risolve in modo sufficientemente efficace il problema della frammentazione, e di accelerare i progressi su uno strumento anti-frammentazione, senza però fornire ulteriori dettagli. Una decisione formale, ma light. Si tratterà di un tipo di intervento che richiederà poche e non rigide condizioni. È per questo che non si è fatto ricorso all'Outright Monetary Transactions di Mario Draghi. Tuttavia, dovrà anche soddisfare quei governi che temono un supporto fiscale troppo ampio. Qualsiasi provvedimento che non rispetterà queste linee guida potrebbe essere impugnato in un tribunale europeo. Quanto deciso non è abbastanza e sarà temporaneo. Quindi è probabile che tale decisione non impedirà ai mercati di continuare a spingere per un aumento degli spread europei, mettendo sotto pressione i paesi più fragili dell'Eurozona, come l'Italia. Così una Bce molto colomba (tassi all'1,5% entro fine anno, ndr), il rischio periferico, un'economia cinese debole a causa della politica zero-Covid, l'Europa che più degli Usa dipende dalla Cina per le esportazioni e soprattutto un dollaro forte frenano l'euro.

D. L'euro è quindi destinato a rimanere debole fino a fine anno?

R. Il cambio euro/dollaro è molto vicino alle nostre stime per fine anno a 1,05. I rischi per il dollaro sono al rialzo fino a quando i mercati azionari restano deboli e la Fed continua ad alzare i tassi. Per un euro più forte ci vuole una Bce più aggressiva, la gestione dei rischi di frammentazione, stabilità sia per i prezzi dell'energia sia in Cina, la fine della guerra in Ucraina, chiarezza sulla politica fiscale dell'area euro. I vincoli fiscali sono sospesi dall'inizio della pandemia e non sappiamo quando riprenderanno e in che modo. Tutte questioni aperte che rendono l'euro debole.

D. Il dollaro rimarrà un porto sicuro, anche rispetto allo yen?

R. Il dollaro si è mosso bene in scia alla Fed falco e alla pressione dell'inflazione americana elevata. Inoltre, gli Usa sono indipendenti per quanto riguarda l'energia. La debolezza dello yen è dovuta alla Banca del Giappone ancora colomba: è l'unica banca centrale che non alzerà i tassi. Inoltre, il forte calo dell'azionario globale non ha innescato il rimpatrio degli investimenti in Giappone. Avevamo un target per il cross dollaro-yen a 127, quando l'attuale stima del consenso era a 115. Ora potrebbe andare a 140, ma siamo convinti che a questo livello la BoJ interverrà.

D. Quali valute acquistare e quali vendere?

R. I dati sul mercato del lavoro americano restano forti. Per cui, nonostante il rialzo dei tassi (al 3,5% la stima di BofA, ndr), non mi aspetto una recessione negli Usa, è un rischio più reale in Europa. Consigliamo di acquistare dollari e le valute legate alle materie prime come il dollaro australiano, la corona norvegese, il dollaro canadese grazie ai prezzi elevati delle materie prime e alle azioni da falco delle banche centrali di questi paesi. Viceversa, non ci aspettiamo un recupero nel breve dello yen e dell'euro e siamo negativi sulla sterlina per i rischi macro con la stagflazione e le negoziazioni sulle relazioni tra il Regno Unito e l'Ue con la Brexit. Siamo inoltre bearish sullo yuan vista la debolezza dell'economia cinese.

red

MF-DJ NEWS

2008:09 giu 2022


(END) Dow Jones Newswires

June 20, 2022 02:09 ET (06:09 GMT)

Titoli citati nell'articolo
Variaz.UltimoVar. 1gen
AUSTRALIAN DOLLAR / CANADIAN DOLLAR (AUD/CAD) -0.03%0.89819 Prezzo in differita.-2.51%
AUSTRALIAN DOLLAR / EURO (AUD/EUR) -0.01%0.68504 Prezzo in differita.6.26%
AUSTRALIAN DOLLAR / JAPANESE YEN (AUD/JPY) -0.10%94.13 Prezzo in differita.11.55%
AUSTRALIAN DOLLAR / US DOLLAR (AUD/USD) -0.07%0.69834 Prezzo in differita.-4.92%
BANK OF AMERICA CORPORATION -1.38%33.49 Prezzo in differita.-23.67%
BRITISH POUND / AUSTRALIAN DOLLAR (GBP/AUD) 0.01%1.72933 Prezzo in differita.-6.25%
BRITISH POUND / CANADIAN DOLLAR (GBP/CAD) -0.02%1.55337 Prezzo in differita.-8.69%
BRITISH POUND / EURO (GBP/EUR) 0.03%1.18497 Prezzo in differita.-0.38%
BRITISH POUND / JAPANESE YEN (GBP/JPY) -0.12%162.785 Prezzo in differita.4.59%
BRITISH POUND / NORWEGIAN KRONER (GBP/NOK) 0.04%11.76175 Prezzo in differita.-0.75%
BRITISH POUND / US DOLLAR (GBP/USD) -0.07%1.20774 Prezzo in differita.-10.85%
CANADIAN DOLLAR / AUSTRALIAN DOLLAR (CAD/AUD) 0.00%1.113387 Prezzo in differita.2.60%
CANADIAN DOLLAR / EURO (CAD/EUR) 0.01%0.762957 Prezzo in differita.9.08%
CANADIAN DOLLAR / JAPANESE YEN (CAD/JPY) -0.09%104.789 Prezzo in differita.14.57%
CANADIAN DOLLAR / US DOLLAR (CAD/USD) -0.04%0.777 Prezzo in differita.-2.39%
EURO / AUSTRALIAN DOLLAR (EUR/AUD) 0.00%1.45929 Prezzo in differita.-5.87%
EURO / BRITISH POUND (EUR/GBP) 0.00%0.8437 Prezzo in differita.0.38%
EURO / CANADIAN DOLLAR (EUR/CAD) -0.02%1.31081 Prezzo in differita.-8.32%
EURO / JAPANESE YEN (EUR/JPY) -0.11%137.374 Prezzo in differita.4.99%
EURO / NORWEGIAN KRONER (EUR/NOK) 0.01%9.927 Prezzo in differita.-0.27%
EURO / US DOLLAR (EUR/USD) -0.06%1.019 Prezzo in differita.-10.53%
FALCO HOLDINGS CO., LTD. -0.11%1829 Prezzo in differita.-6.85%
INDIAN RUPEE / AUSTRALIAN DOLLAR (INR/AUD) 0.09%0.018007 Prezzo in differita.-1.34%
INDIAN RUPEE / EURO (INR/EUR) 0.02%0.012323 Prezzo in differita.4.92%
INDIAN RUPEE / JAPANESE YEN (INR/JPY) -0.19%1.693509 Prezzo in differita.10.10%
INDIAN RUPEE / US DOLLAR (INR/USD) -0.29%0.012565 Prezzo in differita.-6.16%
NEW ZEALAND DOLLAR / CANADIAN DOLLAR (NZD/CAD) -0.08%0.80778 Prezzo in differita.-6.55%
NEW ZEALAND DOLLAR / JAPANESE YEN (NZD/JPY) -0.18%84.655 Prezzo in differita.7.04%
NEW ZEALAND DOLLAR / US DOLLAR (NZD/USD) -0.12%0.62803 Prezzo in differita.-8.74%
NORWEGIAN KRONER / SWISS FRANC (NOK/CHF) 0.21%9.774 Prezzo in differita.-5.61%
SOL S.P.A. -1.34%17.62 Prezzo in differita.-15.56%
UNITED STATES DOLLAR (B) / CHINESE YUAN IN HONG KONG (USD/CNH) 0.09%6.76437 Prezzo in differita.6.40%
US DOLLAR / AUSTRALIAN DOLLAR (USD/AUD) 0.05%1.432049 Prezzo in differita.5.20%
US DOLLAR / CANADIAN DOLLAR (USD/CAD) 0.04%1.2862 Prezzo in differita.2.45%
US DOLLAR / EURO (USD/EUR) 0.06%0.981354 Prezzo in differita.11.77%
US DOLLAR / JAPANESE YEN (USD/JPY) -0.04%134.79 Prezzo in differita.17.37%
US DOLLAR / NORWEGIAN KRONER (USD/NOK) 0.05%9.73769 Prezzo in differita.11.40%
Tutte le notizie su SOL S.P.A.
04/08ATLANTIA: salgono ricavi (18%) ed Ebitda (+22%), vola utile con cessione Aspi
DJ
28/07COREA DEL NORD: Kim, annienteremo esercito Seul in caso di attacco preventivo
DJ
14/07GRUPPO SOL: si rafforza nel settore dell'assistenza domiciliare in Spagna
DJ
12/07SOL: nuova acquisizione in Germania
DJ
12/07SOL S P A: Il Gruppo SOL prosegue nella strategia di espansione internazionale nel settor..
PU
01/07ALTEA G.P.: stringe alleanza con l'irlandese Aer Soleir
DJ
20/06VALUTE: non è l'ora dell'euro (Mi.Fi.)
DJ
07/06SOL S P A: Il Gruppo SOL tra gli Europe's Climate Leaders 2022
PU
02/06TOP STORIES ITALIA: occhi puntati su Opec+, petrolio chiave per inflazione
DJ
27/05SOL S P A: Comunicato Stampa di deposito del verbale dell'Assemblea dell'11 maggio 2022
PU
Altre news
Dati finanziari ()
Fatturato 2021 1 132 M - -
Risultato netto 2021 89,5 M - -
Indebitamento netto 2021 305 M - -
P/E ratio 2021 21,4x
Rendimento 2021 1,13%
Capitalizzazione 1 598 M 1 633 M -
VS / Fatturato 2020 1,54x
VS / Fatturato 2021 1,96x
N. di dipendenti 5 101
Flottante 37,0%
Grafico SOL S.P.A.
Durata : Periodo :
SOL S.p.A.: grafico analisi tecnica SOL S.p.A. | MarketScreener
Grafico a schermo intero
Trend analisi tecnica SOL S.P.A.
Breve TermineMedio TermineLungo Termine
TrendRialzistaNeutraleRibassista
Evoluzione del Conto dei Risultati
Dirigenti e Amministratori
Aldo Fumagalli Romario Chairman & Co-Managing Director
Marco Annoni Vice Chairman & Co-Managing Director
Marco Filippi Investor Relations Contact
Anna Gervasoni Independent Director
Maria Antonella Boccardo Independent Director
Settore e Concorrenza