I giganti europei dell'auto non avranno molto tempo per ristrutturare le loro operazioni e le loro linee di prodotti per competere con le case automobilistiche cinesi in ascesa, e le tariffe più rigide faranno poco per proteggere lo status quo, hanno detto i dirigenti del settore durante un evento Reuters.

I regolatori commerciali europei a Bruxelles hanno detto che potrebbero imporre nuove tariffe sui veicoli elettrici cinesi in base ai risultati di un'indagine sui sussidi governativi cinesi.

La Presidente della Commissione Europea, Ursula von der Leyen, ha dichiarato martedì che l'Europa adotterà un "approccio su misura" alla sua indagine e che i potenziali dazi imposti saranno "corrispondenti al livello di danno". Informerà i produttori cinesi di EV che subiscono tariffe provvisorie entro il 5 giugno.

Ma i dirigenti dell'industria hanno affermato che Bruxelles non può impedire la resa dei conti che i veicoli elettrici cinesi a basso costo imporranno alle case automobilistiche europee e ai loro fornitori tradizionali.

Le case automobilistiche cinesi, che hanno un vantaggio del 30% o più sui costi rispetto ai rivali europei, hanno conquistato il 19% del mercato europeo degli EV lo scorso anno, rispetto al 16% del 2022, secondo Rhodium Group.

"E la finestra si sta chiudendo. Dal mio punto di vista, abbiamo due o tre anni. Se non saremo veloci... sarà davvero difficile sopravvivere", ha dichiarato Thomas Schmall, membro del Consiglio di Amministrazione della principale casa automobilistica europea, Volkswagen, in occasione della conferenza Reuters Events Automotive a Monaco.

"Oggi non sono più le dimensioni a garantire la sopravvivenza, ma la velocità", ha detto a Reuters.

Il CEO di Stellantis, Carlos Tavares, ha detto che le case automobilistiche "non hanno molto tempo" per adattare le loro attività e dipendono dalla rimozione del "caos normativo e delle burocrazie che abbiamo nel nostro cortile".

L'aumento delle esportazioni cinesi e la prospettiva di fabbriche cinesi in Europa stanno costringendo le case automobilistiche storiche del continente a esplorare partnership con rivali di lunga data, ad aumentare la pressione sui fornitori per ridurre i costi e a intensificare le discussioni con i sindacati europei sul futuro degli impianti e dei posti di lavoro, hanno detto i dirigenti.

Alcune di queste tattiche stanno inciampando.

Renault e VW la scorsa settimana hanno interrotto i colloqui per lo sviluppo di veicoli elettrici a basso costo, a causa di disaccordi su dove produrre le auto.

Le case automobilistiche europee stanno affrontando "una forma di asimmetria competitiva" non solo con la Cina, ma anche con le sovvenzioni statunitensi per i veicoli puliti, ha dichiarato a Reuters il CEO di Renault Luca de Meo a margine del summit VivaTech a Parigi. "Alla fine, la cosa migliore da fare è essere competitivi".

Sottolineando la portata delle ambizioni della Cina all'estero, il fondatore del produttore cinese di auto elettriche NIO William Li ha detto giovedì che intende continuare ad espandersi in Europa anche con l'incertezza delle tariffe.

Si trovava ad Amsterdam per inaugurare un nuovo showroom nella zona più trafficata della città.

COSTI DEL LAVORO

Tagliare i costi del lavoro non è mai stato facile in Europa, dove i sindacati hanno leve politiche e legali per bloccare i licenziamenti.

"La qualità del dialogo che abbiamo con i sindacati europei è piuttosto alta", ha detto Tavares. "Vedono la trappola e vedono come stiamo cercando di gestire e di navigare in questa situazione".

La minaccia di una riduzione dei posti di lavoro nel settore automobilistico ha mobilitato i politici europei, come il Primo Ministro italiano Giorgia Meloni, che vuole che Stellantis aumenti la sua produzione annuale in Italia a un milione di veicoli da circa 750.000 nel 2023, piuttosto che spostare la produzione in Paesi a basso costo.

Fiat Chrysler, che si è fusa con la francese PSA nel 2021 per creare Stellantis, ha prodotto per l'ultima volta più di un milione di veicoli nel Paese - tra cui autovetture e veicoli commerciali leggeri - nel 2017.

Dopo la fusione, Stellantis ha tagliato la sua forza lavoro europea del 13%, arrivando a circa 125.000 unità, per lo più attraverso licenziamenti volontari concordati con i sindacati e più della metà in Italia.

Volkswagen ha l'obiettivo di tagliare 10 miliardi di euro (10,8 miliardi di dollari) di costi entro il 2026, e alcuni di questi risparmi potrebbero arrivare attraverso il pensionamento anticipato dei lavoratori, ha detto il Direttore Finanziario Arno Antlitz alla conferenza Reuters Events di giovedì.

"In particolare, i nostri stabilimenti tedeschi devono prepararsi a una concorrenza più dura", ha detto Antlitz.

PREZZI COMPETITIVI

Stellantis sta lanciando una piccola Citroen elettrica a 20.000 euro, che Tavares ha detto essere "al prezzo giusto" per competere con le case automobilistiche cinesi, il cui vantaggio in termini di costi è fin troppo chiaro ai loro rivali europei grazie alle partnership tra le aziende.

Il responsabile degli acquisti globali di Stellantis, Maxime Picat, ha dichiarato in un'intervista a Monaco di Baviera che la casa automobilistica sta spingendo i suoi fornitori ad allinearsi ai costi dei fornitori cinesi, in parte utilizzando i dati raccolti dalla sua partnership con la cinese Leapmotor.

Le tariffe possono temporaneamente ridurre o eliminare il vantaggio di costo che le case automobilistiche cinesi ottengono dalle loro catene di fornitura.

Ma le case automobilistiche tedesche avvertono che questo potrebbe avere un prezzo elevato se la Cina va oltre la minaccia di imporre dazi sul cognac francese e si vendica con tariffe sui veicoli Mercedes-Benz, VW o BMW prodotti in Europa. Mercedes genera circa il 16% del suo fatturato globale in Cina.

Per saperne di più sulla battaglia con le case automobilistiche cinesi per il mercato dei veicoli elettrici, ascolti il podcast di Reuters Econ World. (1 dollaro = 0,9225 euro)