(Alliance News) - Telecom Italia Spa ha comunicato mercoledì che il consiglio di amministrazione ha approvato l'informazione periodica finanziaria aggiuntiva al 31 marzo, riportando nel primo trimestre ricavi di gruppo per EUR3,93 miliardi, in aumento da EUR3,84 miliardi dello stesso periodo del 2023.

Il risultato netto del primo trimestre attribuibile ai soci della controllante registra una perdita di EUR400 milioni, in miglioramento da una perdita di EUR689,0 milioni del primo trimestre 2023 e sconta l'effetto negativo di oneri netti non ricorrenti per EUR93 milioni da EUR427 milioni nel primo trimestre 2023.

L'Ebitda di gruppo è invece pari a EUR1,4 miliardi, in aumento da EUR1,0 miliardi del primo trimestre del 2023.

L'Ebit del gruppo del primo trimestre 2024 ammonta a EUR207 milioni dal dato negativo di EUR162 milioni al 31 marzo 2023.

L'indebitamento finanziario netto rettificato ammonta a EUR26,64 miliardi al 31 marzo 2024, in aumento da EUR25,65 miliardi al 31 dicembre 2023, quale effetto netto dei fabbisogni operativi e finanziari, connessi anche alla gestione dei debiti per leasing e al pagamento dei dividendi in Brasile, cui si è sommato l'impatto di EUR249 milioni relativo al sequestro preventivo di disponibilità in capo a TIM, come da decreto del GIP presso il Tribunale di Milano emesso in data 8 febbraio, nell'ambito di una presunta truffa nei servizi extra a pagamento. La restituzione integrale delle disponibilità sequestrate, fa sapere la società in una nota, è stata disposta a fine aprile 2024.

"TIM, sulla base di questi risultati, conferma tutte le guidance fornite al mercato per l’anno in corso", si legge ancora nel comunicato.

Telecom Italia ha chiuso mercoledì in rosso del 2,1% a EUR0,25 per azione.

Di Chiara Bruschi, Alliance News reporter

Commenti e domande a redazione@alliancenews.com

Copyright 2024 Alliance News IS Italian Service Ltd. Tutti i diritti riservati.