Login
E-mail
Password
Mostra password
Ricorda
Password dimenticata?
Iscriviti gratuitamente
Registrazione
Registrazione
Parametri
Parametri
Quotazioni dinamiche 
OFFON
  1. Home
  2. Azioni
  3. Italia
  4. Borsa Italiana
  5. Telecom Italia S.p.A.
  6. Notizie
  7. Riassunto
    TIT   IT0003497168

TELECOM ITALIA S.P.A.

(TIT)
RiassuntoQuotazioniGraficiNotizieRatingAgendaSocietÓFinanzaConsensusRevisioniDerivati 
RiassuntoTutte le notizieRaccomandazione analistiAltre lingueComunicati stampaPubblicazioni ufficialiNotizie del settoreAnalisi MarketScreener

Usa : Dem divisi, a rischio piano infrastrutture

22-09-2021 | 09:43

MILANO (MF-DJ)--Le persistenti divisioni tra i democratici statunitensi sulla dimensione del loro piano sul clima e l'assistenza sociale minacciano di far deragliare gran parte dell'agenda del presidente Usa, Joe Biden, con i progressisti che minacciano di bloccare l'approvazione del pacchetto infrastrutturale da circa 1.000 miliardi di dollari la prossima settimana.

Mentre il partito lotta per trovare la strada giusta da seguire, Biden ha in programma di incontrare oggi alla Casa Bianca il leader della maggioranza al Senato, Chuck Schumer, e la speaker della Camera, Nancy Pelosi, per discutere delle due proposte, ha riferito una fonte. Biden dovrebbe anche convocare un gruppo di democratici della Camera e del Senato per discutere delle proposte, mentre assume un ruolo più importante nell'indirizzare la sua agenda legislativa verso l'approvazione del Congresso.

I democratici hanno impiegato settimane per elaborare un disegno di legge da 3.500 miliardi di dollari che amplierebbe l'accesso all'assistenza sanitaria, offrirebbe l'asilo nido universale e ridurrebbe le emissioni di carbonio, tra le altre misure, approvando segmenti della legislazione nelle Commissioni della Camera. I democratici centristi hanno però ripetutamente sollevato preoccupazioni sul costo del disegno di legge e sugli aumenti delle tasse proposti per coprire la spesa, sostenendo un pacchetto più contenuto.

Il dibattito su quanto spendere per il disegno di legge sta arrivando al culmine mentre la Camera si avvicina alla scadenza di un atto legislativo separato: il piano infrastrutturale da circa 1.000 miliardi che il Senato ha approvato con il sostegno bipartisan all'inizio di quest'anno. In una precedente trattativa con i democratici moderati, Pelosi si era impegnata a presentare il disegno di legge sulle infrastrutture entro il 27 settembre.

"Siamo al momento della verità, il tempo stringe e dobbiamo trovare un modo per mettere tutti sulla stessa pagina", ha detto il senatore Dem, Chris Van Hollen.

I democratici progressisti, restii a rinunciare all'influenza politica, hanno sostenuto che non voteranno per il disegno di legge sulle infrastrutture fino a quando il più ampio disegno di legge da 3.500 miliardi di dollari non sarà stato approvato dal Congresso. Dati i continui disaccordi sul suo costo, probabilmente passeranno ancora settimane prima che i negoziati sul disegno di legge più ampio siano completati, aumentando la possibilità che i democratici votino contro una delle priorità legislative di Biden la prossima settimana.

I principali esponenti democratici stanno ora correndo per fare progressi con i moderati sulla legislazione da 3.500 miliardi di dollari e, a loro volta, accontentare i progressisti della Camera per garantire l'approvazione della legislazione sulle infrastrutture. Ieri Schumer ha incontrato i senatori democratici moderati e ha detto che sperava di elaborare una nuova proposta sul disegno di legge sul welfare sociale entro la prossima settimana.

I progressisti vedono il mantenimento del disegno di legge sulle infrastrutture come un modo per fare pressione sui moderati affinchè sostengano il piano da 3.500 miliardi di dollari. "Saremo entusiasti di votare per il disegno di legge sulle infrastrutture non appena il disegno di legge di riconciliazione passerà; i due devono andare insieme, questo era l'accordo che era stato fatto", ha detto la deputata Dem, Pramila Jayapal, presidente del Congressional Progressive Caucus, riferendosi al processo di riconciliazione di bilancio con cui i democratici stanno cercando di approvare il pacchetto da 3.500 miliardi lungo le linee del partito al Senato. Tale processo consente ai senatori di dare il via libera a un disegno di legge solo con la maggioranza semplice, anziché con i 60 richiesti per la maggior parte delle legislazioni.

Tuttavia, la leadership democratica della Camera sta portando avanti il suo piano per presentare il disegno di legge sulle infrastrutture la prossima settimana. Il leader della maggioranza alla Camera, Steny Hoyer, ha avvertito che questo potrebbe ritorcersi loro contro se i liberali voteranno contro il disegno di legge sulle infrastrutture nel tentativo di mantenere la loro influenza e mantenere l'ala centrista coinvolta nel passaggio di entrambi i disegni di legge.

L'opposizione al costo del pacchetto da 3.500 miliardi di dollari è così grande tra alcuni democratici moderati da portarli a dire che preferirebbero che sia il pacchetto che il disegno di legge sulle infrastrutture venissero bocciati, piuttosto che approvare un pacchetto di quelle dimensioni, secondo quanto ha riferito un assistente democratico. I moderati sono aperti all'approvazione di un disegno di legge più ridotto sul benessere sociale e sul clima, ha aggiunto.

Tuttavia, quale dimensione sia accettabile per i moderati rimane poco chiaro e i progressisti stanno spingendo per l'accordo originale da 3.500 miliardi di dollari. Gli assistenti coinvolti nella stesura della legislazione affermano che i progressi nelle discussioni politiche si sono bloccati in attesa di una decisione sulla dimensione complessiva del pacchetto e su quali disposizioni politiche potrebbero dover essere tagliate per soddisfare la nuova linea.

Il senatore Dem, Joe Manchin, un centrista critico nel Senato diviso 50 a 50, ha fissato un costo massimo per il pacchetto che va tra i 1.000 e i 1.500 miliardi di dollari, mentre la senatrice democratico, Kyrsten Sinema, ha detto che si sarebbe opposta al disegno di legge da 3.500 miliardi di dollari. "L'obiettivo principale è quello di unirci tutti e 50, il che significa che abbiamo davvero bisogno di capire quali sono le cose che consentiranno a Joe e Kyrsten di dire di sì", ha detto la senatrice Dem, Mazie Hirono.

I repubblicani sono uniti nella loro opposizione al pacchetto da 3.500 miliardi di dollari, criticano gli aumenti fiscali proposti e dicono che la spesa potrebbe alimentare l'inflazione, mentre 19 repubblicani si sono uniti ai democratici a sostegno della legge sulle infrastrutture al Senato. Non è chiaro quanti legislatori repubblicani sosterrebbero il disegno di legge sulle infrastrutture alla Camera.

Alcuni democratici hanno chiesto alla Casa Bianca di svolgere un ruolo maggiore nel sostenere il disegno di legge da 3.500 miliardi di dollari. Il direttore del Consiglio economico nazionale, Brian Deese, e il direttore degli Affari legislativi della Casa Bianca, Louisa Terrell, hanno incontrato i membri dei Nuovi Democratici ieri pomeriggio, con Deese che ha sostenuto che l'agenda di Biden avrebbe combattuto l'inflazione, piuttosto che contribuire ad essa, secondo un legislatore che ha partecipato all'incontro.

Mentre le due ali del partito democratico rimangono in disaccordo sul pacchetto, alcuni democratici hanno affermato di essere fiduciosi che le differenze non si intensificheranno e porteranno alla sconfitta dell'intera agenda del partito al Congresso. "Non tutto ciò che viene detto su entrambi i progetti mi rende felice in questo momento, ma il mio istinto mi dice ancora che la posta in gioco è alta e troveremo un modo per approvarli entrambi", ha detto il senatore Dem, Tim Kaine.

cos

(END) Dow Jones Newswires

September 22, 2021 03:43 ET (07:43 GMT)

Tutte le notizie su TELECOM ITALIA S.P.A.
18:05TOP STORIES ITALIA: Dazn; con Lega clima collaborazione, +10% audience
DJ
15:35DIRITTI TV: Lega A, riscontri positivi su raccolta pubblicitaria
DJ
18/10TIM: entra nell'indice Mib Esg di Euronext e Borsa Italiana
DJ
18/10L'agenda della settimana -3-
DJ
18/10L'agenda della settimana -2-
DJ
18/10L'agenda della settimana
DJ
15/10L'agenda della prossima settimana -3-
DJ
15/10L'agenda della prossima settimana -2-
DJ
15/10L'agenda della prossima settimana
DJ
15/10TIM: dal 22/10 oltre 200 aziende a 2* edizione 4 Weeks 4 Inclusion
DJ
Pi¨ notizie
Raccomandazione degli analisti su TELECOM ITALIA S.P.A.
Pi¨ raccomandazioni
Dati finanziari
Fatturato 2021 15 704 M 18 271 M -
Risultato netto 2021 582 M 677 M -
Indebitamento netto 2021 20 966 M 24 394 M -
P/E ratio 2021 13,6x
Rendimento 2021 3,11%
Capitalizzazione 7 146 M 8 315 M -
VS / Fatturato 2021 1,79x
VS / Fatturato 2022 1,79x
N. di dipendenti 52 392
Flottante 72,3%
Grafico TELECOM ITALIA S.P.A.
Durata : Periodo :
Telecom Italia S.p.A.: grafico analisi tecnica Telecom Italia S.p.A. | MarketScreener
Grafico a schermo intero
Trend analisi tecnica TELECOM ITALIA S.P.A.
Breve TermineMedio TermineLungo Termine
TrendRibassistaRibassistaRibassista
Evoluzione del Conto di Risultati
Consensus
Vendita
Acquisto
Raccomandazione media ACCUMULARE
Numero di analisti 23
Ultimo prezzo di chiusura 0,33 €
Prezzo obiettivo medio 0,55 €
Differenza / Target Medio 63,4%
Revisioni EPS
Dirigenti e Amministratori
Luigi Gubitosi Chief Executive Officer & Executive Director
Giovanni Ronca Chief Financial Officer
Salvatore Rossi Chairman
Michele Gamberini Chief Technology & Information Officer
Herculano AnÝbal Alves Chief Technology Officer
Settore e Concorrenza