Login
E-mail
Password
Mostra password
Ricorda
Password dimenticata?
Iscriviti gratuitamente
Registrazione
Registrazione
Parametri
Parametri
Quotazioni dinamiche 
OFFON
  1. Home
  2. Azioni
  3. Italia
  4. Borsa Italiana
  5. Terna S.p.A.
  6. Notizie
  7. Riassunto
    TRN   IT0003242622

TERNA S.P.A.

(TRN)
Prezzo in differita. Tempo differito Borsa Italiana - 22/10 17:36:50
6.446 EUR   +0.66%
22/10L'agenda della prossima settimana -2-
DJ
22/10L'agenda della prossima settimana
DJ
22/10TERNA S P A: autorizzati due nuovi elettrodotti in cavo a Carini, in provincia di Palermo
PU
RiassuntoQuotazioniGraficiNotizieRatingAgendaSocietÓFinanzaConsensusRevisioniDerivati 
RiassuntoTutte le notizieAltre lingueComunicati stampaPubblicazioni ufficialiNotizie del settoreAnalisi MarketScreener

TOP STORIES ITALIA: Donnarumma, piu' reti e rinnovabili contro caro bollette

15-09-2021 | 11:02

ROMA (MF-DJ)--"Gli attuali incrementi della bolletta sono dovuti alla forte crescita dei prezzi delle materie prime a livello internazionale, a partire da gas e CO2, a seguito, paradossalmente, della forte ripresa post Covid. Questi aumenti e queste tensioni sui prezzi sono in parte congiunturali e potrebbero ridursi nel 2022", ma "l'unica soluzione per uscirne in modo strutturale è investire nelle fonti rinnovabili e nelle reti".

Lo afferma in un'intervista al Messaggero Stefano Donnarumma, da poco piú di un anno a.d. di Terna, il gestore della rete elettrica nazionale, ed ha titolo, anche per le precedenti esperienze in Acea e A2a, per spiegare come affrontare il caro bollette del 40% per l'elettricità e del 31% per il gas, annunciato dal Ministro della Transizione ecologica, Roberto Cingolani.

Intanto, il Governo studia la sterilizzazione dell'Iva per frenare i rincari delle bollette o in alternativa il taglio degli oneri sulle rinnovabili poi, in manovra o nel Ddl concorrenza, la riforma strutturale. Lo scrive Il Sole 24 Ore spiegando che in ogni caso si sta accelerando per una misura urgente da approvare prima dei rincari che scatteranno il 1* ottobre e un veicolo utile potrebbe essere l'eventuale decreto fiscale di cui si parla da alcune settimane. In queste ore, sono in corso varie riunioni.

Il governo - a quanto risulta a Repubblica - ha già aperto un tavolo di lavoro per capire nel concreto come "mitigare" gli aumenti da record. Lunedì sera si sono visti il ministro dell'Economia Daniele Franco con il presidente dell'Arera, Stefano Besseghini.

In caso di incrementi delle tariffe del 40% a partire da ottobre, la maggiore spesa per le famiglie sará di circa 500 euro all'anno: +100 euro per la luce, +400 euro per il gas. Lo prevede il Codacons, che corregge alcune stime errate circolate nelle ultime ore sulla stampa e che vorrebbero una "mini-stangata" da appena 240 euro a famiglia. Purtroppo per i consumatori, i numeri del Ministero sono corrette, spiega l'associazione. Se scatteranno i maxi-aumenti delle tariffe la stangata sará di circa 500 euro annui a famiglia, solo per i maggiori costi delle bollette di luce e gas, ma le brutte notizie per gli italiani non finiscono qui: gli aumenti dei costi dell'energia graveranno su industria e imprese, determinando un effetto a cascata sui prezzi al dettaglio di una moltitudine di prodotti che subiranno rincari anche pesanti, con effetti sull'inflazione e conseguenze negative sui consumi delle famiglie, che reagiranno riducendo gli acquisti, conclude il Codacons.

"Le piccole imprese italiane pagano giá il prezzo dell'energia piú alto d'Europa, superiore del 18,1% rispetto alla media Ue. Ulteriori rincari, come annunciato dal Ministro per la Transizione ecologica Roberto Cingolani, metterebbero ko i nostri imprenditori penalizzati anche dai continui aumenti delle materie prime", afferma il Presidente di Confartigianato, Marco Granelli, chiedendo al Governo di intervenire urgentemente per bloccare gli aumenti che colpirebbero le micro imprese e le famiglie che, non avendo scelto il mercato libero dell'energia, sono tuttora forniti alle condizioni amministrate. "Va anche ridotto il peso della componente fiscale sulla bolletta elettrica delle piccole imprese. Il prezzo finale dell'elettricitá per le piccole imprese - sottolinea - è infatti gonfiato soprattutto dagli oneri fiscali e parafiscali che, per la fascia di consumi fino a 20MWh, sono maggiori del 36,2% rispetto a quelli applicati nella media dei Paesi dell'Eurozona". Quindi "il meccanismo degli oneri generali di sistema va completamente ripensato, da un lato ripartendo in modo piú equo il peso degli oneri tra le diverse dimensioni d'azienda, dall'altro spostando parte del peso dalla bolletta alla fiscalitá generale", conclude.

pev

eva.palumbo@mfdowjones.it

(END) Dow Jones Newswires

September 15, 2021 05:01 ET (09:01 GMT)

Valori citati nell'articolo
Variaz.UltimoVar. 1gen
A2A S.P.A. 2.44%1.9335 Prezzo in differita.48.22%
ACEA S.P.A. 0.80%18.98 Prezzo in differita.10.67%
TERNA S.P.A. 0.66%6.446 Prezzo in differita.3.14%
Tutte le notizie su TERNA S.P.A.
22/10L'agenda della prossima settimana -2-
DJ
22/10L'agenda della prossima settimana
DJ
22/10TERNA S P A: autorizzati due nuovi elettrodotti in cavo a Carini, in provincia di Palermo
PU
21/10BORSA: Milano +0,04%, WS debole
DJ
21/10TERNA S P A: al via i lavori di ammodernamento del collegamento Napoli Centro - Astroni
PU
21/10FS: Ferraris, in prossimi 10 anni investimenti per 10-12 mld/anno
DJ
21/10BORSA: equity debole, bene le utility
DJ
20/10BORSA: commento di chiusura
DJ
20/10INTESA SANPAOLO: domani a Roma convegno Imi su infrastrutture sostenibili
DJ
20/10BORSA: Milano cauta, WS vista piatta
DJ
Pi¨ notizie
Dati finanziari
Fatturato 2021 2 566 M 2 987 M -
Risultato netto 2021 784 M 913 M -
Indebitamento netto 2021 9 917 M 11 546 M -
P/E ratio 2021 16,5x
Rendimento 2021 4,51%
Capitalizzazione 12 936 M 15 048 M -
VS / Fatturato 2021 8,91x
VS / Fatturato 2022 9,18x
N. di dipendenti 4 923
Flottante 69,8%
Grafico TERNA S.P.A.
Durata : Periodo :
Terna S.p.A.: grafico analisi tecnica Terna S.p.A. | MarketScreener
Grafico a schermo intero
Trend analisi tecnica TERNA S.P.A.
Breve TermineMedio TermineLungo Termine
TrendNeutraleNeutraleNeutrale
Evoluzione del Conto di Risultati
Consensus
Vendita
Acquisto
Raccomandazione media ACCUMULARE
Numero di analisti 19
Ultimo prezzo di chiusura 6,45 €
Prezzo obiettivo medio 6,78 €
Differenza / Target Medio 5,22%
Revisioni EPS
Dirigenti e Amministratori
Stefano Antonio Donnarumma Chief Executive Officer, Director & GM
Agostino Scornajenchi Chief Financial Officer
Valentina Bosetti Chairman
Giovanni Cerchiarini Head-International Operations
Fabio Corsico Independent Non-Executive Director
Settore e Concorrenza
Var. 1genCapi. (M$)
TERNA S.P.A.3.14%15 048
NEXTERA ENERGY9.42%165 612
ENEL S.P.A.-13.88%84 242
DUKE ENERGY CORPORATION13.35%79 842
IBERDROLA, S.A.-16.96%69 791
SOUTHERN COMPANY4.44%66 653