I tagli di posti di lavoro di Tesla a livello globale stanno colpendo la Cina, il più grande mercato della casa automobilistica dopo gli Stati Uniti, colpendo il personale dei team, tra cui quello delle vendite, hanno detto due fonti informate sulla questione.

L'amministratore delegato Elon Musk ha comunicato lunedì al personale, in una nota interna visionata da Reuters, che l'azienda sta licenziando più del 10% della sua forza lavoro globale, mentre è alle prese con il calo delle vendite e l'intensificarsi della guerra dei prezzi per i veicoli elettrici.

Le due fonti hanno detto che alcuni dipendenti del team vendite di Tesla in Cina sono stati informati, e una di loro ha detto che più del 10% stava perdendo il lavoro. La seconda fonte ha detto che anche altri team sono stati colpiti.

Tesla China non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento. Entrambe le fonti hanno rifiutato di essere nominate perché non erano autorizzate a parlare con i media.

I governi locali di Shanghai e Pechino non hanno risposto immediatamente alle richieste di commento. Il più grande impianto di Tesla a livello globale si trova a Shanghai, mentre la sede centrale in Cina è a Pechino.

I tagli arrivano mentre Tesla sta affrontando una crescente concorrenza in Cina, il più grande mercato automobilistico del mondo, dove è stata bloccata in una feroce guerra dei prezzi con i rivali guidati da BYD, che hanno lanciato nuovi modelli a grande velocità.

I tagli globali sono un segno di pressione sui costi mentre Tesla investe in nuovi modelli e nell'intelligenza artificiale, hanno detto lunedì gli analisti di Gartner e Hargreaves Lansdown.

Tesla ha riferito questo mese che le sue consegne globali di veicoli nel primo trimestre sono diminuite per la prima volta in quasi quattro anni. (Relazioni di Zhang Yan e Brenda Goh; Redazione di Jamie Freed)