L'amministratore delegato del Sistema Pensionistico dei Dipendenti Pubblici della California (CalPERS), Marcie Frost, ha intenzione di opporsi al pacchetto retributivo da 56 miliardi di dollari dell'amministratore delegato di Tesla Elon Musk, come ha riferito mercoledi la CNBC.

"Non crediamo che il compenso sia commisurato alla performance dell'azienda", ha dichiarato Frost in un'intervista alla CNBC.

Alla domanda se il fondo pensione sia stato "ingannato" quando ha sostenuto la proposta nel 2018, Frost ha risposto che non e cosi. "Abbiamo utilizzato le informazioni che avevamo a disposizione e abbiamo fatto la scelta migliore".

CalPERS e tra i primi 30 investitori di Tesla e possiede 9,5 milioni di azioni, secondo i dati di LSEG. Il fondo pensione statunitense non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento da parte di Reuters.

In un post su X, Musk ha risposto dicendo che il fondo pensione statunitense "ha rotto l'accordo". "Quello che sta dicendo non ha senso, perche tutte le tappe contrattuali sono state rispettate. CalPERS sta venendo meno alla sua parola", ha scritto nel post.

Sabato la societa di consulenza Glass Lewis aveva esortato gli azionisti di Tesla a rifiutare il pacchetto retributivo.

Il pacchetto retributivo di Musk, il piu grande in America, non prevede stipendio o bonus in contanti e stabilisce i premi in base all'aumento del valore di mercato di Tesla fino a 650 miliardi di dollari nei prossimi 10 anni a partire dal 2018.

Un giudice del Delaware ha respinto il pacchetto a gennaio, dopo aver definito il compenso come "una somma insondabile" e ingiusta per gli azionisti.

Il mese scorso, Tesla ha chiesto agli azionisti di riaffermare la loro approvazione per il pacchetto retributivo di Musk, fissato nel 2018. (Relazioni di Harshita Mary Varghese e Niket Nishant)