La startup di scienza dei materiali Forge Nano è l'ultima azienda a piantare una partecipazione nella fiorente cintura di batterie per veicoli elettrici (EV) della Carolina del Nord, con una fabbrica da 165 milioni di dollari prevista per il 2026, ha detto martedì l'azienda.

Forge Nano, con sede in Colorado e specializzata in nanorivestimenti per diverse applicazioni, ha dichiarato che intende lanciare un'attività di batterie EV vicino a Raleigh con una nuova unità chiamata Forge Battery.

L'operazione di produzione di batterie, sostenuta da Forge Nano e da una serie di investitori senza nome, prevede di produrre celle agli ioni di litio da utilizzare nei mercati della difesa, dell'aerospazio e dei veicoli elettrici speciali.

Gli investitori di Forge Nano includono i Dipartimenti della Difesa e dell'Energia degli Stati Uniti, oltre a grandi investitori aziendali di Giappone, Germania, Francia, Corea del Sud e Tailandia, secondo il sito web degli investitori PitchBook.

L'impianto produrrà celle cilindriche ad alta energia e ad alta potenza nei formati 21700 e 18650 resi popolari da Tesla.

L'azienda ha detto che intende utilizzare "una catena di fornitura di materiali per batterie incentrata sugli Stati Uniti", senza fornire dettagli. Il Governo degli Stati Uniti offre incentivi per le batterie e i materiali delle batterie di provenienza nazionale.

Il North Carolina sta fornendo più di 8 milioni di dollari di incentivi a Forge Battery.

L'impianto, a Morrisville, avrà una capacità iniziale di un gigawattora - relativamente modesta rispetto alle cosiddette "gigafabbriche" gestite da Tesla, General Motors, LG Energy Solution, Panasonic e altri.

La mossa di Forge Nano segue un'ondata di investimenti in nuovi impianti di batterie per veicoli elettrici, molti dei quali in North Carolina, stimolati dall'Inflation Reduction Act degli Stati Uniti. L'IRA e altre leggi statunitensi forniscono incentivi volti a stimolare la produzione nazionale di EV, batterie e materie prime.

Tra gli accordi più recenti c'è stato l'annuncio del 31 ottobre da parte di Toyota Motor che avrebbe aumentato il suo investimento in un impianto di batterie EV della Carolina del Nord di 8 miliardi di dollari, portandolo a quasi 14 miliardi di dollari. (Servizio di Paul Lienert a Detroit; Redazione di David Gregorio)