Login
E-mail
Password
Mostra password
Ricorda
Password dimenticata?
Iscriviti gratuitamente
Registrazione
Registrazione
Parametri
Parametri
Quotazioni dinamiche 
OFFON
  1. Home
  2. Azioni
  3. Stati Uniti
  4. Nasdaq
  5. Tesla, Inc.
  6. Notizie
  7. Riassunto
    TSLA   US88160R1014

TESLA, INC.

(TSLA)
RiassuntoQuotazioniGraficiNotizieRatingAgendaSocietÓFinanzaConsensusRevisioniDerivati 
RiassuntoTutte le notizieRaccomandazione analistiAltre lingueComunicati stampaPubblicazioni ufficialiNotizie del settoreAnalisi MarketScreener

Usa : leader Messico e Canada criticano piano Biden su veicoli elettrici

19-11-2021 | 10:34

MILANO (MF-DJ)--Un vertice con le controparti di Canada e Messico ha messo il presidente Usa, Joe Biden, faccia a faccia con i leader che hanno accusato la sua amministrazione di promuovere la produzione nazionale di veicoli elettrici a scapito dei rapporti commerciali con i Paesi vicini.

Biden ha incontrato ieri alla Casa Bianca il primo ministro canadese, Justin Trudeau, e il presidente messicano, Andres Manuel Lopez Obrador. Nel primo vertice trilaterale dal 2016 i leader hanno affrontato questioni come gli oleodotti gestiti dal Canada, l'immigrazione al confine con il Messico e la pandemia di coronavirus.

I leader avevano già espresso malcontento per l'agenda legislativa di Biden. Il pacchetto di circa 2.000 miliardi di dollari su assistenza sanitaria, istruzione e clima in fase di negoziazione dai Dem di Camera e Senato propone di offrire ai consumatori una detrazione fiscale di ben 12.500 dollari se acquistano veicoli elettrici assemblati da lavoratori sindacali utilizzando batterie di fabbricazione americana. La detrazione per le automobili prodotte in fabbriche non sindacali sarebbe di 4.500 dollari in meno.

Il disegno di legge è in linea con l'obiettivo dell'amministrazione di sostenere i posti di lavoro sindacali e la produzione nazionale. Funzionari canadesi e messicani affermano che le misure proposte potrebbero spingere gli investimenti automobilistici fuori dal Canada e dal Messico e verso gli Stati Uniti.

In una conferenza stampa dopo il vertice, Trudeau ha affermato di aver espresso a Biden le preoccupazioni del Canada in merito alla detrazione fiscale e ha avvertito sulle potenziali ricadute per i lavoratori automobilistici canadesi e statunitensi. "Gli americani sono molto consapevoli della posizione del Canada su questo e, francamente, della minaccia che rappresenta per oltre 50 anni di produzione automobilistica integrata nei nostri due Paesi", ha affermato. Trudeau ha detto che lui e il presidente hanno deciso di parlare e trovare soluzioni.

Le disposizioni, affermano funzionari canadesi e messicani, violano anche il patto commerciale Usa-Messico-Canada, l'aggiornamento dell'accordo di libero scambio nordamericano negoziato sotto l'amministrazione Trump. Dicono che danneggerà i fornitori statunitensi di stabilimenti canadesi o messicani e interromperà le catene di approvvigionamento tra i tre Paesi.

Il credito d'imposta "minerà la natura integrata dell'industria automobilistica nordamericana, causerà danni gravi e irreparabili al settore automobilistico canadese e, per estensione, al settore automobilistico negli Stati Uniti, e in particolare alle aziende e ai lavoratori negli Stati settentrionali degli Usa che costituiscono una parte significativa della catena di approvvigionamento automobilistica canadese", ha affermato la ministra del Commercio canadese, Mary Ng, in una lettera ai leader del Congresso Usa, alla rappresentante commerciale degli Stati Uniti e al dipartimento del commercio.

La ministra dell'Economia messicana, Tatiana Clouthier, in una lettera ai legislatori statunitensi ha chiesto modifiche al disegno di legge per includere incentivi per tutti i materiali nordamericani "in modo coerente con l'Usmca".

"Non è la prima volta che ci sono incentivi e crediti d'imposta per aiutare i consumatori - abbassare i prezzi per i consumatori, aiutare a incentivare il passaggio a un'industria dell'energia pulita - qualcosa che fa bene al nostro clima; certamente va bene per le imprese qui negli Stati Uniti", ha detto la portavoce della Casa Bianca, Jen Psaki.

Un alto funzionario dell'amministrazione ha affermato che Biden ha discusso di interessi condivisi su energia e clima con le sue controparti canadesi e messicane e si aspetta di continuare il dialogo.

Il funzionario ha affermato che gli Stati Uniti stanno "guardando a un futuro in cui dobbiamo essere competitivi sui veicoli elettrici e ovviamente investire in un futuro rispettoso del clima", aggiungendo che sia il Canada che il Messico sono rimasti partner chiave nel raggiungimento di tali obiettivi.

Se la Camera dovesse approvare il credito d'imposta insieme alla legislazione più ampia come previsto già questa settimana, il disegno di legge passerebbe poi al Senato, dove dovrebbe essere sottoposto a revisione.

Sia il Canada che il Messico, nel tentativo di affrontare le preoccupazioni dell'ex amministrazione Trump, hanno concordato di aumentare la quantità di parti e contenuti fabbricati in Nord America utilizzati negli stabilimenti nei loro Paesi - da circa il 62% al 75% - per assemblare automobili in modo che il prodotto finito possa entrare senza dazi negli Stati Uniti.

"Pensiamo che sia assolutamente folle", ha detto Flavio Volpe, capo dell'Associazione dei produttori di componenti automobilistici in Canada. "Forse l'intenzione è nobile, ma non si concilia con il modo in cui funziona il settore automobilistico. Tutto ciò che abbiamo negoziato nell'Usmca rischia di essere violato da questo incentivo", ha spiegato.

Disturbare le reti di distribuzione avrebbe implicazioni al di là dei tre vicini nordamericani. Gli ambasciatori di 25 Paesi hanno scritto in una lettera del 29 ottobre inviata alla leadership del Congresso che milioni di posti di lavoro americani dipendono dalla costruzione e dalla distribuzione di auto di fabbricazione straniera.

"Le società automobilistiche con sede in alcuni dei nostri Paesi hanno investito molto nello sviluppo di produzione avanzata, in formazione della forza lavoro e operazioni di ricerca e sviluppo in tutta l'America", si legge nella lettera. "Questa normativa, se implementata, viola le regole del commercio internazionale, svantaggia gli americani laboriosi impiegati da queste case automobilistiche e mina gli sforzi di queste case automobilistiche per espandere il mercato dei consumatori di veicoli elettrici statunitensi e raggiungere gli obiettivi climatici dell'amministrazione".

Per decenni il Canada ha accolto con favore gli investimenti delle case automobilistiche partendo dal presupposto che i suoi impianti sarebbero stati integrati nelle reti di distribuzione nordamericane. Le auto prodotte in questi stabilimenti sono state progettate per essere vendute nel mercato statunitense.

Nel 2019, l'ultimo anno senza pandemia, il Canada ha spedito circa 53 miliardi di dollari di veicoli a motore assemblati negli Stati Uniti, la sua seconda esportazione verso gli Usa dopo i prodotti energetici, mentre ha importato 23,1 miliardi di dollari di motori e componenti automobilistici prodotti negli Stati Uniti. Circa il 75% delle auto prodotte in Canada sono destinate agli Stati Uniti, affermano i funzionari dell'industria automobilistica. Circa la metà delle parti utilizzate per assemblare le automobili in Canada proviene da fornitori statunitensi.

Trudeau e altri funzionari canadesi mercoledì hanno incontrato i leader della maggioranza e della minoranza alla Camera dei rappresentanti e al Senato per esprimere le loro preoccupazioni. Ford Motor produce il suo modello Mustang Mach-E in uno stabilimento a nord di Città del Messico. General Motors ha dichiarato che prevede di produrre veicoli elettrici nel suo stabilimento nello Stato settentrionale di Coahuila a partire dal 2023, insieme a tre stabilimenti Gm negli Stati Uniti e uno in Canada per veicoli elettrici.

La produzione messicana di automobili e autocarri leggeri è diminuita del 20% nel 2020 dopo che l'industria è stata praticamente chiusa ad aprile e maggio a causa della pandemia di coronavirus. Le aspettative di una crescita a due cifre all'inizio di quest'anno sono state deluse poiché la carenza di semiconduttori e altri problemi della catena di approvvigionamento hanno causato interruzioni tecniche che hanno colpito la maggior parte delle case automobilistiche.

La produzione è aumentata dell'1,9% nei primi 10 mesi dell'anno, ma si prevede che il 2021 terminerà al di sotto del livello dell'anno scorso poiché continuano i problemi di approvvigionamento. Le esportazioni, la maggior parte delle quali destinate agli Stati Uniti, sono aumentate del 5,7% nel periodo gennaio-ottobre.

La disposizione favorevole al lavoro del pacchetto sulla spesa sociale e sul clima ha anche innescato una battaglia di lobby da parte di Tesla, Toyota Motor e altre aziende automobilistiche non sindacali che affermano che Biden sta tradendo l'ambiente per aiutare un alleato politico, i lavoratori automobilistici sindacalizzati. La Casa Bianca ha affermato che Biden ritiene che "i lavori che affrontano la crisi climatica devono essere anche lavori che costruiscono la classe media".

Mercoledì, Biden ha visitato uno stabilimento di assemblaggio di veicoli elettrici Gm a Detroit, dove ha promosso gli investimenti della sua agenda economica in stazioni di ricarica e veicoli puliti. "Ci assicureremo che i lavori del futuro finiscano qui nel Michigan, non dall'altra parte del mondo", ha detto Biden, mentre l'aggiunta di produttori di auto statunitensi "stabilirebbe un nuovo ritmo per i veicoli elettrici". "Finora, la Cina è stata in testa in questa gara. Questo sta per cambiare", ha detto.

cos

(END) Dow Jones Newswires

November 19, 2021 04:33 ET (09:33 GMT)

Tutte le notizie su TESLA, INC.
18/01SOCIAL BUZZ: le azioni di Wallstreetbets seguono il mercato più basso; Activision Blizzar..
MT
18/01BORSA DI WALL STREET: Borsa Usa perde su calo tech, utili sotto attese di Goldman Sachs
RE
18/01TESLA: UBS mantiene la raccomandazione Neutral
MD
18/01Gli investitori di Bitcoin si impegnano per un lungo periodo in un cambiamento "sbalord..
MR
18/01BITPANDA STOCKS: amplia portafoglio di azioni frazionate ed Etf
DJ
18/01TESLA: Credit Suisse Neutral sul caso
MD
18/01SOCIAL BUZZ: le azioni di Wallstreetbets iniziano la settimana in rosso
MT
17/01Gli investitori di Bitcoin si impegnano per un lungo periodo in un cambiamento "sbalord..
MR
16/01Wall St Week Ahead-Earnings per testare i titoli di crescita dopo un inizio d'anno diff..
MR
14/01BUZZ SOCIALE: Wallstreetbets titoli misti; GameStop, Tesla più citato
MT
Pi¨ notizie
Raccomandazione degli analisti su TESLA, INC.
Pi¨ raccomandazioni
Dati finanziari
Fatturato 2021 52 628 M - 46 474 M
Risultato netto 2021 5 295 M - 4 676 M
Liqui. netta 2021 10 366 M - 9 154 M
P/E ratio 2021 220x
Rendimento 2021 -
Capitalizzazione 1 037 Mld 1 037 Mld 916 Mld
VS / Fatturato 2021 19,5x
VS / Fatturato 2022 13,4x
N. di dipendenti 70 757
Flottante 80,1%
Grafico TESLA, INC.
Durata : Periodo :
Tesla, Inc.: grafico analisi tecnica Tesla, Inc. | MarketScreener
Grafico a schermo intero
Trend analisi tecnica TESLA, INC.
Breve TermineMedio TermineLungo Termine
TrendNeutraleRialzistaRialzista
Evoluzione del Conto di Risultati
Consensus
Vendita
Acquisto
Raccomandazione media ACCUMULARE
Numero di analisti 35
Ultimo prezzo di chiusura 1 030,51 $
Prezzo obiettivo medio 947,31 $
Differenza / Target Medio -8,07%
Revisioni EPS
Dirigenti e Amministratori
Elon Reeve Musk Technoking of Tesla
Zachary J. Kirkhorn Master of Coin
Robyn M. Denholm Chairman
Ira M. Ehrenpreis Independent Director
James Rupert Murdoch Independent Director
Settore e Concorrenza
Var. 1genCapi. (M$)
TESLA, INC.-0.68%1 056 348
NIO INC.-2.30%49 228
XPENG INC.-1.27%42 553
LI AUTO INC.-3.02%31 634
FISKER INC.-5.40%4 415
ARRIVAL-9.70%4 406