KIEL (dpa-AFX) - Il ministro-presidente dello Schleswig-Holstein Daniel Günther (CDU) è aperto all'idea che il costruttore navale Thyssenkrupp Marine Systems (TKMS) diventi una società indipendente. "L'interesse di Carlyle per un eventuale ingresso come investitore in Thyssenkrupp Marine Systems è fondamentalmente positivo dal punto di vista del governo statale", ha dichiarato mercoledì Günther in risposta a una richiesta dpa.

"Rendere indipendente la TKMS rafforzerebbe ulteriormente lo Schleswig-Holstein e Kiel come centro navale e sarebbe assolutamente sensato e necessario, soprattutto alla luce della situazione della politica di sicurezza". La cantieristica navale è una tecnologia chiave che deve essere rafforzata. Questo sarebbe il caso se l'unità navale diventasse indipendente. "Ma ora dobbiamo aspettare e vedere quali ulteriori colloqui avranno luogo", ha sottolineato il Ministro Presidente. "È chiaro che, oltre al futuro del sito, è necessario garantire i posti di lavoro a lungo termine".

Secondo l'azienda, thyssenkrupp e la società di investimento statunitense Carlyle hanno concordato di avviare una revisione e una valutazione approfondita della divisione marina di thyssenkrupp. L'oggetto di questa valutazione è una possibile vendita parziale di TKMS a Carlyle. Allo stesso tempo, si stanno valutando anche altre opzioni per uno spin-off sul mercato dei capitali. Allo stesso tempo, sono in corso colloqui con il governo tedesco in merito alla partecipazione dello Stato nelle attività marine di Thyssenkrupp.

TKMS ha attualmente 3.700 dipendenti nel solo sito di Kiel e, secondo l'azienda, circa 7.500 in tutto il mondo, con un fatturato annuo di circa due miliardi di euro. Il cantiere sostiene di essere il leader mondiale nella costruzione di sottomarini convenzionali e navi di superficie. TKMS lavorerà a pieno regime fino al 2030./moe/DP/men