Il Presidente di Toyota Motor, Akio Toyoda, può essere sotto pressione da parte degli investitori globali a causa della governance e degli scandali, ma rimane popolare tra gli investitori privati che hanno partecipato all'assemblea annuale degli azionisti martedì.

È probabile che Toyoda venga rieletto come Presidente della più grande casa automobilistica del mondo, anche se due influenti società di consulenza hanno raccomandato di votare contro di lui, citando preoccupazioni sulla governance e sugli scandali dei test di certificazione.

Nipote del fondatore dell'azienda, Toyoda rimane profondamente popolare tra gli azionisti retail, molti dei quali lo lodano per aver guidato l'azienda verso un altro anno di profitti record e una forte performance azionaria lo scorso anno.

"Ho acquistato azioni Toyota con il mio bonus di pensionamento", ha dichiarato a Reuters l'84enne Hidenori Takahashi, aggiungendo di ritenere che si tratti della "migliore azienda in Giappone" per gli azionisti.

Ha detto che i problemi di certificazione in corso, che hanno fatto vacillare la casa automobilistica, sono "una cosa negativa", ma che Toyoda sembra desideroso di prendere provvedimenti per evitare che gli illeciti si ripetano.

Sebbene Toyoda non corra il rischio di non essere rieletto, un forte calo del suo indice di gradimento potrebbe essere motivo di imbarazzo per un'azienda che per quattro anni consecutivi è stata la casa automobilistica più venduta al mondo.

L'anno scorso, l'indice di gradimento di Toyoda è sceso all'85% dal 96% del 2022.

La casa automobilistica è stata tormentata da una serie di violazioni dei test di sicurezza e di altre certificazioni presso Toyota e le società del suo gruppo, tra cui il produttore di auto piccole Daihatsu. Institutional Shareholder Services (ISS) ha criticato il modo in cui la casa automobilistica ha affrontato il problema.

Il fondo pensionistico dei dipendenti pubblici di New York City è d'accordo e sta votando contro la rielezione di Toyoda. Michael Garland, che supervisiona la governance aziendale per i fondi, ha dichiarato che il voto contro Toyoda è stato guidato da preoccupazioni relative alla sicurezza e alla conformità.

"Stabilire un tono ai vertici è fondamentale", ha detto Garland in una dichiarazione inviata via e-mail.

Glass Lewis, che raccomanda di non rieleggere Toyoda per il secondo anno consecutivo, ha affermato che egli è responsabile della mancanza di indipendenza del Consiglio di Amministrazione e ha citato anche le preoccupazioni relative alla partecipazione strategica e al ritorno sul capitale.

Da quando i consulenti proxy hanno formulato le loro raccomandazioni, sono emerse altre irregolarità di certificazione.

All'inizio di giugno, Toyota ha dichiarato di aver condotto erroneamente sei diversi test di certificazione dei veicoli in passato, compresi tre modelli ancora in vendita.

L'azienda ha dichiarato di aver commesso un errore, tra cui l'aver condotto alcuni dei test in condizioni più severe di quelle stabilite dal governo, invalidando i risultati.

Le azioni di Toyota sono scese del 10% da allora, ma sono ancora in rialzo del 18% per l'anno.

Toyota ha dichiarato in precedenza a Reuters che il bilancio dei suoi errori era da tempo radicato nella sua cultura aziendale e che Toyoda avrebbe preso l'iniziativa di ripristinare tale cultura e di lavorare con le società del gruppo per garantire una governance efficace.

In votazione c'è anche una proposta degli azionisti del fondo pensione danese AkademikerPension che esorta Toyota a migliorare la divulgazione delle sue attività di lobbying sul cambiamento climatico.

Il Consiglio di Amministrazione di Toyota si è opposto alla proposta. (Relazioni di Maki Shiraki a Toyota City e di Daniel Leussink a Tokyo; Redazione di David Dolan e Edwina Gibbs)