Una corte d'appello degli Stati Uniti ha respinto lunedì il tentativo di Uber e della filiale Postmates di rilanciare una sfida a una legge californiana che potrebbe costringere le aziende a trattare gli autisti come dipendenti anziché come contraenti indipendenti, che sono in genere meno costosi.

Un gruppo di 11 giudici en banc della Corte d'Appello del 9° Circuito degli Stati Uniti a San Francisco ha confermato la sentenza di un tribunale di grado inferiore, secondo cui Uber non è riuscita a dimostrare che la legge statale del 2020 individuava ingiustamente le aziende di trasporto basate su app, esentando altri settori.