Gli investitori stanno esaminando i modelli di spesa delle carte di credito statunitensi per valutare quali, se ci sono, tendenze potrebbero dare una spinta ai rivenditori specializzati nei mesi estivi.

I recenti risultati trimestrali dei rivenditori mostrano che gli acquirenti stanno acquistando in modo selettivo prodotti non essenziali e piacevoli da avere - rinunciando all'elettronica, ma senza essere timidi nel versare denaro per quei jeans a gamba larga che stanno bramando.

Questo è stato positivo per le vendite di prodotti in voga come le scarpe di Birkenstock, i jeans di Abercrombie and Fitch e l'abbigliamento athleisure di Vuori - e meno per i prodotti di Home Depot e Best Buy.

"I consumatori sono più selettivi su dove e quando spendono. Sembrano disposti a spendere per articoli che non sono economici, che si tratti di un paio di Hoka o di Birkenstock", ha dichiarato Zak Stambor, analista della società di ricerca Emarketer.

La domanda di prodotti di tendenza ha incrementato la crescita delle vendite di abbigliamento del 3,2%, di articoli sportivi dell'1,9% e di calzature dello 0,4% nel primo trimestre del 2024, rispetto all'anno precedente, secondo la società di ricerche di mercato GlobalData.

Ma gli articoli di grande valore, in particolare quelli legati agli spazi abitativi, sono usciti dalla lista degli acquisti dei consumatori. Le vendite di elettronica sono diminuite dell'1,9% nel trimestre, mentre gli acquisti di articoli per la casa sono calati del 4,2% nel primo trimestre, rispetto al periodo dell'anno precedente.

"Griglie da esterno, set da patio... televisori, divani, letti, tutto è stato un po' difficile negli ultimi tempi", ha detto Joseph Feldman, analista di Telsey Advisory Group. "C'è stato un aumento della domanda durante la pandemia e stiamo ancora uscendo da quel picco, quindi si nota ancora una certa debolezza".

Questa divergenza è evidente nei prezzi delle azioni dei rivenditori. Le azioni di Abercrombie & Fitch sono quasi raddoppiate quest'anno, mentre le azioni di Home Depot sono scese del 4,5%.

RILEVANZA DEI RIVENDITORI

La scorsa settimana, i dirigenti di Nordstrom hanno dichiarato che la crescita delle vendite del primo trimestre dell'azienda nel settore dell'abbigliamento e della calzatura attiva è stata guidata da alcuni marchi di tendenza, citando Vuori, Hoka e Adidas. La catena di grandi magazzini ha riservato uno spazio apposito nei suoi negozi per pubblicizzare le sneakers On, sostenute da Roger Federer, i sandali Sam Edelman e le Birkenstock.

Nel panorama del commercio al dettaglio degli Stati Uniti, "alcuni dei rivenditori più forti stanno facendo bene. E poi alcuni dei marchi che stanno lanciando prodotti innovativi stanno andando bene. E altri, come i grandi magazzini, stanno cercando di trovare un modo per essere rilevanti", ha detto David Swartz, analista di Morningstar.

In una teleconferenza con gli investitori, Dick's Sporting Goods ha sottolineato che intende continuare la sua strategia di offrire marchi ricercati come Hoka e le sneakers di On Holding.

La settimana scorsa, il rivenditore di articoli sportivi ha alzato le sue previsioni annuali di profitto e di vendita, grazie alla robusta domanda di calzature e abbigliamento sportivo. Le sue azioni sono in rialzo di quasi il 45% quest'anno.

Altri rivenditori, tra cui VF Corp, Victoria's Secret e Under Armour, non hanno visto rimbalzare la domanda, secondo gli analisti che hanno detto che gli acquirenti potrebbero sentire meno urgenza di fare acquisti nei loro negozi.

Le tre catene di vendita al dettaglio, che hanno registrato un calo delle vendite nell'ultimo trimestre rispetto a un anno fa, stanno modificando la loro merce per attirare meglio gli acquirenti.

Il fondatore di Under Armour, Kevin Plank, che è tornato a ricoprire il ruolo di CEO dell'azienda ad aprile, ha dichiarato: "Non è questo il punto in cui immaginavo che Under Armour si trovasse a questo punto del nostro percorso. Detto questo, useremo questa turbolenza per ricostruire il nostro marchio e la nostra attività".

Dopo un inizio d'anno contrastante per i rivenditori, i dati delle carte di credito stanno offrendo agli investitori indizi su quali prodotti e marchi hanno avuto successo o meno con l'inizio dell'estate.

Consumer Edge, una società di ricerca con sede a New York e clienti di hedge fund e private equity, ha dichiarato di aver analizzato i dati di circa 40 milioni di transazioni con carta di credito negli Stati Uniti per individuare i vincitori e i perdenti nel panorama del retail. Gli acquirenti hanno speso circa il 30% in più per l'abbigliamento attivo Vuori nei sei mesi fino al 28 maggio, rispetto a un anno prima, e il 25% in più per l'intimo Skims, ha dichiarato.

Skims è un'azienda di abbigliamento intimo di proprietà di Kim Kardashian, che dovrebbe essere quotata in borsa alla fine di quest'anno o nel 2025. L'anno scorso, Reuters ha riferito che Skims era in trattative con la società di investimenti Wellington Management per guidare un nuovo round di finanziamento che avrebbe valutato l'azienda a circa 4 miliardi di dollari.

Anche la spesa per i prodotti Abercrombie & Fitch e per le scarpe Hoka e On Holding è aumentata rispetto a un anno fa, secondo Consumer Edge.

Tuttavia, ha dichiarato che la spesa per i prodotti di Victoria's Secret è diminuita di una percentuale a una cifra media, Under Armour ha registrato un calo a una cifra alta e North Face ha subito un calo a due cifre.

Per quanto riguarda l'abbigliamento e le scarpe, "le aziende più nuove e di nicchia stanno facendo meglio e vediamo che stanno sottraendo quote agli attori più affermati", ha detto Michael Gunther, responsabile del settore Insights di Consumer Edge.