Login
E-mail
Password
Mostra password
Ricorda
Password dimenticata?
Iscriviti gratuitamente
Registrazione
Registrazione
Parametri
Parametri
Quotazioni dinamiche 
OFFON
  1. Home
  2. Azioni
  3. Italia
  4. Borsa Italiana
  5. UniCredit S.p.A.
  6. Notizie
  7. Riassunto
    UCG   IT0005239360

UNICREDIT S.P.A.

(UCG)
Prezzo in differita. Tempo differito Borsa Italiana - 03/12 17:35:50
11.13 EUR   +1.09%
03/12L'agenda della prossima settimana
DJ
03/12UNICREDIT: Esercizio di trasparenza su scala europea del 2021
PU
03/12UNICREDIT: prende atto annunci Abe/Bce su Esercizio trasparenza su scala europea 2021
DJ
RiassuntoQuotazioniGraficiNotizieRatingAgendaSocietÓFinanzaConsensusRevisioniDerivati 
RiassuntoTutte le notizieRaccomandazione analistiAltre lingueComunicati stampaPubblicazioni ufficialiNotizie del settoreAnalisi MarketScreener

Italia: Morgan Stanley pi¨ ottimista del Governo

17-09-2021 | 08:45

MILANO (MF-DJ)--Forti prospettive di crescita e rapporto debito/Pil in deciso calo per l'Italia, più di quanto stimato dal Governo.

E' questo, in estrema sintesi, il quadro dipinto dagli analisti di Morgan Stanley in un report di 46 pagine sull'Italia in cui gli esperti ricordano come il Pil del Paese abbia battuto nettamente il consenso nel secondo trimestre.

Per gli esperti "l'Italia si sta riprendendo dalla pandemia a un ritmo veloce, con una crescita più forte ora prevista per l'intero anno e un ritorno ai livelli di produzione pre-pandemia entro il primo trimestre del 2022. Questa forte performance implica che la crescita è ora su un trend convergente con il resto dell'area euro, con un'elevata copertura vaccinale e stabilità politica che eliminano i rischi al ribasso per la ripresa, e con i finanziamenti del Ngeu alla base di una crescita sostenuta nel medio termine".

Il debito poi non sembra un problema e Morgan Stanley è addirittura più ottimista del Governo italiano. "Nonostante il balzo record del livello del debito dovuto al Covid", evidenziano gli esperti di MS, "l'Italia sta entrando in una fase di forte crescita nominale che dovrebbe essere garantita da un uso efficace dei fondi di recovery e da tassi di interesse nominali stabili, grazie all'azione energica della Bce. L'elevata crescita e i tassi bassi implicano che il rapporto debito/Pil italiano avrà un trend decrescente - in calo di oltre 15 punti percentuali nel scenario base nei prossimi cinque anni".

"La nostra visione positiva sulla sostenibilità del debito dipende da una valutazione più rialzista rispetto al consenso sulla crescita italiana e sulla politica della Bce, fattori che dovrebbero innescare un calo più marcato del rapporto debito/Pil rispetto alle previsioni del Governo italiano di aprile". Gli esperti comunque avvertono anche che "permangono ancora rischi al ribasso, derivanti in particolare dal brusco inasprimento" della politica monetaria "della Bce o del ritorno del rischio politico", aggiungono da MS.

Gli analisti di Morgan Stanley comunque non ritengono che "la direzionalità del rapporto debito/Pil, sebbene importante nel lungo termine, sia un fattore trainante per i mercati azionari in una prospettiva di 3-6 mesi. Invece, la nostra visione rialzista sull'azionario italiano riflette il supporto alla crescita derivante dal Recovery Fund dell'Ue, insieme a valutazioni basse e trend resilienti degli utili per azione. Anche la nostra visione rialzista sui titoli finanziari dovrebbe essere di buon auspicio per la regione".

Per quanto riguarda poi il creduto e, in particolare, il comparto bancario, gli analisti di Morgan Stanley continuano "a consigliare l'acquisto dei bond AT1 di Intesa e dei Tier 2 di UniCredit. Sebbene il primo non sia particolarmente economico, la nostra aspettativa su un upgrade da parte di S&P sulle banca e le dinamiche economiche" descritte nel report "dovrebbero significare che continuerà a comprimersi. I titoli UniCredit Tier 2 sono economici di oltre 70 punti base rispetto alle obbligazioni di CaixaBank e Bbva".

Sull'azionario poi "UniCredit è la nostra prima scelta tra le large cap; siamo anche overweight su Bff Bank e Mediobanca", puntualizzano gli analisti di Morgan Stanley.

Tornando allo contesto macro, "nel nostro scenario base prevediamo una forte riduzione del rapporto debito/Pil italiano nei prossimi cinque anni, in gran parte grazie alla forte crescita del Pil reale", concludono gli esperti della banca statunitense.

alb

alberto.chimenti@mfdowjones.it

(END) Dow Jones Newswires

September 17, 2021 02:44 ET (06:44 GMT)

Titoli citati nell'articolo
Variaz.UltimoVar. 1gen
BANCO BILBAO VIZCAYA ARGENTARIA, S.A. 0.37%4.7895 Prezzo in differita.18.27%
BFF BANK S.P.A. -2.69%6.5 Prezzo in differita.35.22%
MEDIOBANCA S.P.A. -0.14%9.806 Prezzo in differita.30.24%
UNICREDIT S.P.A. 1.09%11.13 Prezzo in differita.43.96%
Tutte le notizie su UNICREDIT S.P.A.
03/12L'agenda della prossima settimana
DJ
03/12UNICREDIT: Esercizio di trasparenza su scala europea del 2021
PU
03/12UNICREDIT: prende atto annunci Abe/Bce su Esercizio trasparenza su scala europea 2021
DJ
03/12BORSA: commento di chiusura
DJ
03/12UNICREDIT S P A: Operazione in pool a sostegno di Italpreziosi
PU
03/12INTESA SANPAOLO: con Sace e pool banche per crescita di Italpreziosi
DJ
03/12UNICREDIT: al lavoro su 1 mld di utp (MF)
DJ
02/12UniCredit verso selezione servicer per portafoglio UTP da 1 mld-fonte
RE
02/12BORSA: azionario in calo, bene B.Mps
DJ
02/12UNICREDIT, AI NASTRI DI PARTENZA L'I: le migliori scale-up dell'Impact Innovation si pres..
PU
Pi¨ notizie
Raccomandazione degli analisti su UNICREDIT S.P.A.
Pi¨ raccomandazioni
Dati finanziari
Fatturato 2021 17 782 M 20 109 M -
Risultato netto 2021 3 312 M 3 745 M -
Indebitamento netto 2021 - - -
P/E ratio 2021 7,54x
Rendimento 2021 4,72%
Capitalizzazione 24 777 M 27 968 M -
Capi. / Fatturato 2021 1,39x
Capi. / Fatturato 2022 1,41x
N. di dipendenti 82 107
Flottante 88,7%
Grafico UNICREDIT S.P.A.
Durata : Periodo :
UniCredit S.p.A.: grafico analisi tecnica UniCredit S.p.A. | MarketScreener
Grafico a schermo intero
Trend analisi tecnica UNICREDIT S.P.A.
Breve TermineMedio TermineLungo Termine
TrendNeutraleRialzistaRialzista
Evoluzione del Conto di Risultati
Consensus
Vendita
Acquisto
Raccomandazione media ACCUMULARE
Numero di analisti 26
Ultimo prezzo di chiusura 11,13 €
Prezzo obiettivo medio 13,60 €
Differenza / Target Medio 22,2%
Revisioni EPS
Dirigenti e Amministratori
Andrea Orcel Chief Executive Officer
Stefano Porro Group Chief Financial Officer
Pietro Carlo Padoan Chairman
Ranieri de Marchis Co-COO & General Manager
Carlo Vivaldi Co-Chief Operating Officer
Settore e Concorrenza