L'azienda tedesca Uniper si concentrerà sui colloqui con un grande cliente e sui primi passi per sviluppare strutture di stoccaggio dell'idrogeno quest'anno, dopo aver ottenuto il sostegno dell'Unione Europea per due progetti di energia pulita nel porto di Wilhelmshaven, nel Mare del Nord.

L'azienda statale vuole trasformare il porto di acque profonde in un punto di ricezione per l'ammoniaca che trasporta l'idrogeno importato, e immagazzinare e trasportare l'idrogeno come parte della sua strategia di decarbonizzazione.

"Quest'anno vogliamo fare progressi concreti con (l'acciaieria) Salzgitter e... portare avanti in modo intensivo i nostri progetti di stoccaggio dell'idrogeno", ha dichiarato il Direttore operativo Holger Kreetz in un'intervista alla conferenza Handelsblatt pubblicata venerdì.

Il terminale di ammoniaca di Uniper e un piano per un impianto di elettrolisi da 1 gigawatt (GW) per produrre idrogeno da energia rinnovabile locale sono stati selezionati dalla Commissione Europea come Progetti di Interesse Comune (PCI) il mese scorso.

"Essere nell'elenco dei PCI comporta vantaggi per la pianificazione e la velocità dei nostri progetti", ha detto Kreetz.

La strategia a lungo termine di Uniper prevede la conversione di tutte le sue attività di gas naturale in idrogeno, per raggiungere gli obiettivi climatici e rifornire i clienti. Il suo precedente obiettivo, il gas russo, si è esaurito nel 2022 e l'azienda ha dovuto essere salvata dal governo tedesco.

Cercando di ridurre le emissioni della produzione di acciaio, Salzgitter e Uniper ad aprile hanno dichiarato che avrebbero collaborato per consegnare fino a 20.000 tonnellate metriche di idrogeno verde all'anno all'impianto di Salzgitter, per il quale deve ancora essere costruito un gasdotto da Wilhelmshaven. L'idrogeno verde viene prodotto utilizzando energia rinnovabile.

L'idrogeno di Salzgitter proverrà dall'impianto di elettrolisi di Uniper, una cui sezione da 200 megawatt dovrebbe essere messa in funzione nel 2028, ha detto Kreetz.

La strategia di stoccaggio dell'idrogeno di Uniper mira ad offrire 600 gigawattora (GWh) di capacità entro la fine del 2030, con il riutilizzo di alcune delle sue caverne di stoccaggio del gas e la costruzione di nuovi siti. (Relazioni di Vera Eckert e Tom Kaeckenhoff; Redazione di Friederike Heine e Mark Potter)