Disney e il Governatore della Florida Ron DeSantis hanno messo fine alla loro faida con un accordo che consente al gigante dell'intrattenimento di sviluppare il Walt Disney World Resort vicino a Orlando per i prossimi 15 anni.

DeSantis e Disney, uno dei maggiori datori di lavoro della Florida, sono stati coinvolti in una disputa dal 2022, quando l'ex CEO di Disney Bob Chapek ha criticato uno sforzo legislativo statale per limitare la discussione in classe delle questioni di sessualità e di genere per gli studenti più giovani. I critici l'hanno descritta come la legge "Non dire gay".

In base all'accordo con il Central Florida Tourism Oversight District, Disney ha dichiarato che spenderà almeno 8 miliardi di dollari nel resort nell'arco di un decennio, per un totale di 17 miliardi di dollari investiti nell'arco di 10-20 anni.

Inoltre, amplierà un'iniziativa di alloggi a prezzi accessibili e garantirà che almeno il 50% della sua spesa totale nell'espansione vada alle imprese della Florida, secondo il Central Florida Tourism Oversight District.

L'accordo dà inoltre a Disney la possibilità di costruire un quinto parco a tema, di ampliare gli spazi per la vendita al dettaglio e gli uffici e di aggiungere circa 14.000 camere d'albergo per un totale di quasi 54.000 camere.

Il Presidente della Disney, Jeff Vahle, ha dichiarato in un comunicato che il nuovo accordo "spiana la strada per investire miliardi di dollari nel Walt Disney World Resort".

L'accordo arriva dopo che Disney e gli incaricati di Ron DeSantis hanno raggiunto un accordo a marzo per porre fine a una causa di alto profilo in tribunale per il controllo del distretto speciale che comprende i parchi a tema di Walt Disney World.