Wipro potrebbe non concedere aumenti ai "top performer con compensi più elevati" nella sua linea di business più importante nel prossimo ciclo di revisioni salariali di dicembre, secondo un memo interno visionato da Reuters.

La mossa arriva in un momento in cui l'esportatore di servizi software numero 4 in India sta affrontando una pletora di problemi che vanno dalla debolezza della spesa dei clienti alla dura concorrenza dei rivali più grandi.

"Stiamo effettuando un rollout selettivo di MSI (aumenti salariali di merito) in base all'accessibilità del nostro business", ha detto Nagendra Bandaru, managing partner e presidente della linea di business "Enterprise Futuring" ai dipendenti in una e-mail.

Wipro darà la priorità ai dipendenti con una retribuzione più bassa tra quelli idonei a ricevere un aumento, ha sottolineato Bandaru, aggiungendo che "i top performer con una retribuzione più alta potrebbero non essere coperti in questo ciclo".

I dipendenti riceveranno il loro aumento il 1° dicembre.

Wipro Enterprise Futuring, una delle quattro linee di business globali dell'azienda con sede a Bengaluru, creata in aprile nell'ambito di una revisione organizzativa, si occupa della trasformazione digitale e tecnologica su larga scala per le aziende.

Wipro non ha risposto a diverse richieste di commento. Reuters non ha potuto verificare se il piano di aumento degli stipendi fosse applicabile alle altre linee di business.

L'industria indiana della tecnologia dell'informazione da 245 miliardi di dollari, che aveva guadagnato immensamente da un boom di servizi digitali indotto da una pandemia, ha avuto difficoltà negli ultimi trimestri, in quanto i clienti hanno ridotto la spesa per progetti discrezionali, a causa delle pressioni inflazionistiche e dell'incertezza economica globale.

Le spese per gli stipendi sono il maggior contributo alle spese delle aziende del settore IT, con un'incidenza tipica di oltre il 60%.

Secondo Peter Bendor-Samuel, CEO della società di ricerca Everest Group, una mossa di questo tipo potrebbe influire sul morale dei dipendenti e portare a un maggior numero di abbandoni.

"L'aumento del numero di dipendenti contribuirà a riequilibrare i banchi per soddisfare la domanda e a riportare i costi in equilibrio con la domanda", ha aggiunto.

Wipro, che aveva 244.707 dipendenti al 30 settembre, aveva già ritardato il suo ciclo di aumenti salariali.

Alcuni osservatori del settore hanno detto che la mossa fa eco a una tendenza più ampia nel settore tecnologico, che cerca di affrontare le disuguaglianze retributive tra le regioni e di ridurre i costi del libro paga.

Negli ultimi tre trimestri abbiamo assistito a mosse simili in molte aziende tecnologiche di tutto il mondo", ha dichiarato Ray Wang, analista principale e fondatore di Constellation Research.

Anche i colleghi di Wipro hanno trovato il modo di tagliare i costi del personale. Mentre Infosys ha ritardato gli aumenti di due trimestri, HCL ha saltato gli aumenti per i manager. (Relazioni di Sai Ishwarbharath B e Haripriya Suresh; Redazione di Dhanya Skariachan e Janane Venkatraman)