Nel caos dell'intelligenza artificiale, è abbastanza semplice individuare i primi vincitori di quella che si preannuncia come una tecnologia rivoluzionaria. Microsoft è uno di questi. Ma la questione diventa più complessa quando si cerca di approfondire, poiché le variabili sono molte e spesso troppo recenti per avere una visione chiara. Ci è sembrato interessante proporre un punto di vista diverso nel dibattito attuale, analizzando il caso di Wolters Kluwer.

Caccia alle streghe

Quando l'agente di conversazione ChatGPT è stato reso disponibile al pubblico, gli investitori hanno cercato di distanziarsi rapidamente dalle aziende quotate che rischiavano di perdere molto. Tra i primi bersagli, vi erano gruppi che offrivano servizi di verifica e riformattazione del testo, come l'americano Chegg, primo capro espiatorio dell'era dell'IA. Ma sono stati colpiti anche editori e fornitori di contenuti professionali europei, come Pearson, Relx e, appunto, Wolters Kluwer. Se un'intelligenza, anche artificiale, può produrre contenuti presumibilmente di qualità, a cosa servono queste aziende, in fondo? Questa reazione impulsiva ha un suo senso. Tuttavia, alcuni hanno fatto notare che la fornitura di informazioni professionali richiede contenuti di alta qualità, di cui gli utenti non possono dubitare. Provate a chiedere a ChatGPT 3.5 cosa pensa delle uova di mucca!

Wolters Kluwer, in quanto piattaforma di conoscenza, potrebbe essere, contro ogni aspettativa, dalla parte giusta. Il suo contenuto, protetto e di alta qualità, è prezioso. Il gruppo utilizza da tempo soluzioni di intelligenza artificiale per migliorare l'attrattività delle sue offerte. Insomma, non è stato colto alla sprovvista dai recenti cambiamenti. Infatti, la direttrice generale Nancy McKinstry ripete spesso che l'uso di nuovi strumenti di IA non farà altro che aumentare il valore dei servizi offerti dalla sua azienda. Ovviamente non ha alcun interesse a dire il contrario, ma Wolters Kluwer ha diversi punti di forza da sfruttare.

Performance finanziarie di alto livello

Dal punto di vista finanziario, Wolters Kluwer è un’impressionante macchina da profitti. I margini di redditività sono in crescita da dieci anni, il bilancio è solido e una grossa fetta dei ricavi (80%) arriva regolarmente grazie agli abbonamenti.

Periodo fiscale: Dicembre 2018 2019 2020 2021 2022 2023 2024 2025
Fatturato 1 4.260 4.612 4.603 4.771 5.453 5.584 5.897 6.247
EBITDA 1 1.200 1.382 1.422 1.514 1.730 1.797 1.909 2.058
Risultato ante oneri finanziari (EBIT) 1 980 1.089 1.124 1.205 1.424 1.476 1.581 1.707
Margine operativo 23% 23,61% 24,42% 25,26% 26,11% 26,43% 26,81% 27,33%
Risultato ante Imposte (EBT) 1 891 858 937 929 1.276 1.197 1.288 1.399
Risultato netto 1 657 669 721 728 1.027 1.007 1.077 1.168
Margine netto 15,42% 14,51% 15,66% 15,26% 18,83% 18,03% 18,26% 18,7%
EPS 2 2,350 2,460 2,700 2,780 4,010 4,090 4,522 5,016
Free Cash Flow 1 720 876 907 1.010 1.220 1.252 1.263 1.359
Margine FCF 16,9% 18,99% 19,7% 21,17% 22,37% 22,39% 21,41% 21,76%
FCF Conversion (EBITDA) 60% 63,39% 63,78% 66,71% 70,52% 69,67% 66,15% 66,06%
FCF Conversion (Risultato netto) 109,59% 130,94% 125,8% 138,74% 118,79% 125,11% 117,28% 116,39%
Dividendo/Azione 2 0,9800 1,180 1,360 1,570 1,810 1,970 2,185 2,410
Data di pubblicazione 20/02/19 26/02/20 24/02/21 23/02/22 22/02/23 21/02/24 - -
1EUR in Milioni2EUR
Dati Stimati

Questa solida base ha permesso all'azienda di potenziare nel tempo l'aspetto tecnologico della sua attività, fornendo nuovi strumenti digitali a clienti esigenti, che operano in settori dove non c'è spazio per l'approssimazione. Infatti, un terzo del fatturato proviene dalle professioni fiscali e contabili. Circa il 27% proviene dal settore sanitario e il 24% dal settore della governance e della compliance. Il settore legale (circa il 17% dei ricavi) completa il quadro. Da quest'anno, si è aggiunta una quinta divisione, o meglio è stata presa in prestito dalle divisioni esistenti per aderire alla domanda attuale: ESG e performance sociale. I margini sono elevati, soprattutto nel settore sanitario e fiscale, la clientela è fedele e in parte vincolata e la diversificazione geografica privilegia il mercato nordamericano, notoriamente dinamico, che genera il 64% dei ricavi.

In parole povere, la sfida per Wolters Kluwer è ora capire se questo meccanismo continuerà a funzionare altrettanto efficacemente nell'era dell'intelligenza artificiale o se qualsiasi modello di robot conversazionale liberamente accessibile sarà in grado di rispondere alle domande del fiscalista o alle esigenze del ricercatore clinico senza spendere nulla o quasi. Dal nostro punto di vista, i custodi della conoscenza ben organizzati e rispettati hanno sicuramente la possibilità di sfruttare l'IA per rafforzare la loro posizione piuttosto che farsi schiacciare dalla macchina.