Tokyo chiude a +2,2% superando il record storico del 1989

(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - Milano, 22 feb - Le borse europee si apprestano ad avviare in territorio positivo la seduta odierna. Ieri Piazza affari ha riconquistato e superato i 32 mila punti; soglia che non si vedeva da giugno 2008. A dare sostegno al listino la buona performance del settore bancario che si è riportato sui livelli del 2016. Così i future sull'Eurostoxx50 sono in rialzo dello 0,8% mentre quelli sul Ftse Mib dello 0,43%, Parigi dello 0,5% e Francoforte dello 0,2%. Sul fronte macro nella serata di ieri dai verbali della Fed è emersa la necessità di "maggiori progressi" sull'inflazione prima di tagliare i tassi d'interesse. I banchieri hanno ribadito che il picco dei tassi e' stato 'probabilmente' raggiunto, ma sono in aumento i rischi sull'inflazione determinati dalla geopolitica e dall'aumento dei salari. I banchieri hanno poi confermato che esistono, secondo loro, dei rischi da un allentamento della politica monetaria 'troppo veloce". Oggi invece è il giorno della Bce che renderà noti i verbali di gennaio. Per quanto riguarda i singoli titoli da monitorare, Tenaris che ha diffuso i conti del 2023 che ha visto un utile netto nel quarto trimestre in crescita del 43% e la proposta di un dividendo di 0,60 dollari/azione per un totale di 700 milioni. A Wall Street terza seduta consecutiva in calo per il Nasdaq Composite, mentre Dow e S&P 500 hanno chiuso sopra la parità grazie a un recupero nei minuti finali. Da segnalare Nvidia che ha riportato ricavi record pari a 22,10 miliardi di dollari, in rialzo del 22% dal terzo trimestre e del 265% rispetto a un anno prima, contro attese per 20,62 miliardi, e un utile per azione di 5,16 dollari, in rialzo del 28% rispetto al trimestre precedente e del 486% rispetto a un anno prima, contro i 4,64 dollari del consensus. Sul fronte asiatico il Nikkei ha chiuso a +2,2% superando il record storico del 1989. Andamento positivo anche per le altre Borse asiatiche. Sul valutario il cambio euro/dollaro è a 1,084(1,08 della vigilia, mentre il cambio euro/yen a 162,89 (162,44 della vigilia) e il dollaro/yen a 150,22 (149,94 ieri alla chiusura). In recupero il prezzo del greggio con il Brent aprile a 83,31 dollari (+0,3%) e il Wti a 78,2 dollari (+0,37%). In calo il gas naturale scambiato ad Amsterdam a 23,84 euro al megawattora (-0,57%).

Lab-

(RADIOCOR) 22-02-24 08:24:50 (0166) 3 NNNN


(END) Dow Jones Newswires

February 22, 2024 02:25 ET (07:25 GMT)