Il dollaro è sceso a un minimo di oltre due mesi lunedì, estendendo la tendenza al ribasso della scorsa settimana, mentre gli operatori hanno ribadito la loro convinzione che i tassi statunitensi hanno raggiunto il picco e hanno rivolto la loro attenzione a quando la Federal Reserve potrebbe iniziare a tagliare.

L'indice del dollaro ha toccato un minimo di 103,46 negli scambi europei, il suo livello più debole dal 1° settembre, estendendo un calo di quasi il 2% dalla scorsa settimana - il calo settimanale più forte da luglio.

Contro l'indebolimento del biglietto verde, l'euro ha toccato il massimo da agosto a 1,0937 dollari, mentre lo yen ha raggiunto un massimo di 6-1/2 settimane a 148,1 dollari.

I mercati hanno escluso il rischio di ulteriori aumenti dei tassi da parte della Fed dopo una serie di indicatori economici statunitensi più deboli del previsto la scorsa settimana, in particolare dopo una lettura dell'inflazione inferiore alle stime.

L'attenzione si sposta ora su quanto presto potrebbero arrivare i primi tagli dei tassi, con i futures che valutano quasi un 30% di possibilità che la Fed possa iniziare a ridurre i tassi già a marzo, secondo lo strumento FedWatch del CME.

"La debolezza del dollaro ha a che fare con le mosse dei mercati dei tassi, soprattutto dopo la riunione della Fed di novembre e l'IPC della scorsa settimana", ha detto Dane Cekov, stratega senior di FX presso Nordea, anche se ha aggiunto che potrebbe esserci debolezza del dollaro nel brevissimo termine.

"Da una prospettiva tecnica, il dollaro sembra ora ipervenduto rispetto all'euro. Di solito si assiste a una sorta di consolidamento".

I verbali dell'ultima riunione della Fed, pubblicati martedì di questa settimana, potrebbero offrire un'indicazione sul pensiero dei responsabili politici, che hanno mantenuto i tassi fermi per la seconda volta questo mese.

La sterlina è rimasta invariata a 1,2467 dollari, dopo aver flirtato in precedenza con un picco di quasi due mesi.

L'euro ha acquistato per l'ultima volta 1,0926 dollari, in vista delle letture PMI flash della zona euro previste per questa settimana e dopo che Moody's ha inaspettatamente migliorato le prospettive del rating sovrano 'Baa3' dell'Italia a stabile da negativo e ha migliorato il rating del Portogallo di due tacche ad 'A3'.

Cekov di Nordea ha affermato che le mosse di Moody's dovrebbero essere positive per l'area dell'euro, in quanto dovrebbero portare ad una riduzione del premio di rischio per il debito italiano e portoghese.

"In questo senso, elimina un po' di rischio di ribasso per l'euro. Questa è la mia prima impressione", ha detto Cekov.

Lo yen giapponese è rimasto sul lato più forte di 150 per dollaro e l'ultima volta era in rialzo dello 0,8% circa a 148,42.

Altrove in Asia, lo yuan è balzato a un massimo di oltre tre mesi rispetto al dollaro sia nei mercati onshore che offshore, poiché la banca centrale ha guidato l'unità al rialzo e gli esportatori si sono affrettati a convertire le loro entrate in dollari in valuta locale.

Lo yuan onshore e lo yuan offshore sono saliti entrambi a 7,1633 per dollaro, il livello più alto dal 4 agosto.

L'Aussie era in rialzo dello 0,5% a 0,6547 dollari, dopo aver toccato un massimo di tre mesi a 0,6563 dollari all'inizio della sessione, mentre il kiwi ha guadagnato lo 0,5% a 0,6022 dollari.

La Cina lunedì ha lasciato invariati i tassi di prestito di riferimento al fixing mensile, rispettando le aspettative, in quanto uno yuan più debole ha continuato a limitare un ulteriore allentamento monetario e i responsabili politici hanno atteso di vedere gli effetti dello stimolo precedente sulla domanda di credito.

Lo yuan, che quest'anno è sceso di quasi il 4% rispetto al dollaro nel mercato onshore, continua ad essere pressato da una ripresa economica vacillante in Cina e da un sentimento degli investitori ancora fragile.

"Penso che il tema di una ripresa economica cinese debole persisterà per un po'", ha detto Carol Kong, stratega valutario presso la Commonwealth Bank of Australia.

"Finché non avremo una ripresa più significativa dell'economia cinese, penso che questo sarà un vento contrario per lo (yuan), l'Aussie e il kiwi nel breve termine".