Diverse aziende globali hanno temporaneamente chiuso alcune operazioni in Israele e chiesto ai dipendenti di lavorare da casa, dato che il Paese è in assetto di guerra in risposta all'attacco a sorpresa del gruppo islamista palestinese Hamas durante il fine settimana.

Ecco le misure adottate dalle aziende, dalle compagnie aeree alle banche:

VIAGGI

Diverse compagnie aeree asiatiche, europee e statunitensi hanno sospeso i voli diretti a Tel Aviv.

Delta Air Lines:

La compagnia aerea ha deciso di cancellare i voli di Tel Aviv operati da Delta fino al 31 ottobre, per monitorare gli eventi nella regione.

El Al:

La compagnia aerea ha dichiarato che effettuerà più voli per riportare i riservisti in Israele per contribuire alla più grande mobilitazione nella storia del Paese.

Royal Caribbean:

L'operatore di crociere ha detto che sta modificando diversi itinerari nell'area e che gli ospiti colpiti sono stati informati direttamente.

Carnival:

La compagnia di navigazione ha dichiarato di aver modificato i suoi itinerari di crociera e di non effettuare scali nei porti di Israele in questo momento.

Norwegian Cruise Line Holdings:

La compagnia ha dichiarato di aver modificato o reindirizzato le partenze che visitano Israele nel mese di ottobre e valuterà la situazione.

InterContinental Hotels Group:

IHG Hotels & Resorts ha dichiarato di monitorare attentamente la situazione in Israele e di aver aumentato le misure di sicurezza all'interno e nei dintorni dei suoi hotel.

Six Senses Shaharut e Hotel Indigo Tel Aviv - Diamond District sono stati temporaneamente chiusi, ma gli altri hotel in Israele rimangono aperti e operativi, ha dichiarato un portavoce dell'azienda.

I MAGGIORI PRODUTTORI DI OLIO

Chevron:

Il produttore numero 2 di petrolio e gas degli Stati Uniti ha ricevuto istruzioni dal Ministero dell'Energia israeliano di chiudere il giacimento di gas naturale Tamar, al largo della costa settentrionale del Paese, ha dichiarato lunedì un portavoce dell'azienda.

BANCHE

JPMorgan Chase:

La banca di Wall Street ha chiesto a più di 200 dipendenti in Israele di lavorare da casa, ha detto a Reuters una fonte che ha familiarità con la questione.

Goldman Sachs:

Ai dipendenti della banca presso il suo ufficio di Tel Aviv è stato chiesto di lavorare da casa, ha detto un portavoce.

Bank of America:

L'ufficio di Tel Aviv rimarrà chiuso per il momento e la banca continuerà a monitorare da vicino la situazione locale nei prossimi giorni, secondo una nota interna, vista da Reuters.

Morgan Stanley:

Bloomberg News ha riferito che la banca ha un ufficio in Israele e ha anche detto al suo personale di lavorare da casa per il prossimo futuro.

Citigroup

Citigroup, il cui sito web locale afferma di avere la più grande presenza tra le istituzioni finanziarie straniere in Israele, ha offerto al personale del Paese la flessibilità di lavorare da casa o dall'ufficio, ha riferito una fonte a Reuters.

Banca d'America

L'ufficio di Tel Aviv della banca rimarrà chiuso per il momento, ha detto la banca al personale in un promemoria interno visto da Reuters.

LOGISTICA

Porti Adani:

L'Adani Ports del miliardario indiano Gautam Adani, operatore del porto di Haifa nel nord di Israele, ha dichiarato che il porto è operativo, ma ha aggiunto che sta monitorando attentamente la situazione ed è preparata con un piano di continuità aziendale.

FedEx:

L'azienda globale di consegne ha sospeso il suo servizio nel Paese.

UPS:

L'azienda di consegne di pacchi più grande del mondo ha dichiarato di monitorare attentamente la situazione e di aver sospeso temporaneamente i voli in entrata e in uscita da Israele.

Anche se potrebbero verificarsi delle interruzioni del servizio, UPS ha dichiarato di avere dei piani di emergenza per spostare le spedizioni che sono già in Israele verso le loro destinazioni non appena sarà possibile farlo in modo sicuro.

TECNICA

Nvidia:

Il più grande produttore mondiale di chip utilizzati per l'intelligenza artificiale e la grafica computerizzata ha dichiarato di aver cancellato un summit sull'AI previsto a Tel Aviv la prossima settimana. Il CEO Jensen Huang avrebbe dovuto parlare alla conferenza.

CONSUMATORI E VENDITA AL DETTAGLIO

H&M:

L'azienda di abbigliamento ha dichiarato che il suo partner locale in franchising ha chiuso temporaneamente tutti i negozi in Israele.

Inditex SA:

"I nostri negozi rimarranno temporaneamente chiusi e i tempi di restituzione saranno estesi di 30 giorni dalla loro riapertura", si legge in un messaggio sul sito web di Zara in Israele.

Il più grande rivenditore di moda al mondo ha 84 negozi in Israele, tutti gestiti in franchising.

Decathlon:

Un banner sul sito web del rivenditore di articoli sportivi più grande del mondo recitava: "A causa della situazione di sicurezza, potrebbero esserci ritardi nelle consegne. Speriamo in giorni più tranquilli".

FARMACI

Eli Lilly and Co:

L'azienda farmaceutica ha dichiarato che sta monitorando attentamente l'evoluzione della situazione in Israele e che adotterà tutte le misure necessarie per garantire la sicurezza dei colleghi nelle aree colpite e nelle loro vicinanze.

Sta inoltre lavorando per garantire che tutte le operazioni critiche rimangano in funzione per fornire una fornitura ininterrotta di farmaci Lilly ai pazienti della regione.

Bristol-Myers Squibb:

L'azienda biofarmaceutica ha dichiarato di stare monitorando la situazione in Israele e di mantenere una fornitura di farmaci per i pazienti della regione.

Teva Pharmaceutical Industries:

Il più grande produttore di farmaci generici al mondo ha dichiarato che la produzione rimane in gran parte inalterata e che mantiene piani di emergenza con sedi di produzione di riserva per i prodotti chiave.

Teva ha detto che al momento non si aspetta un impatto significativo sulla sua attività o sulla performance finanziaria e operativa. Le vendite dell'azienda in Israele rappresentano solo il 2% del suo fatturato globale, mentre la produzione nel Paese costituisce meno dell'8% del totale della produzione globale in termini di dollari. (Relazioni di Priyamvada C, Mehr Bedi, Ananya Mariam Rajesh, Khushi Mandowara, Jaiveer Singh Shekhawat, Samrhitha Arunasalam a Bengaluru e Helen Reid a Londra; Redazione di Sriraj Kalluvila, Shounak Dasgupta, Shinjini Ganguli, Anil D'Silva e Maju Samuel)