Il dollaro si è indebolito nei confronti dell'euro martedì, dopo che i dati sulle vendite al dettaglio hanno indicato segnali di esaurimento dei consumatori statunitensi, rafforzando l'ipotesi di un taglio dei tassi da parte della Federal Reserve nel corso dell'anno.

Le vendite al dettaglio degli Stati Uniti sono aumentate meno del previsto a maggio, poiché i prezzi più bassi della benzina e degli autoveicoli hanno pesato sugli incassi delle stazioni di servizio e dei concessionari di auto.

Il trend di crescita delle vendite è rallentato dall'aumento dei prezzi e dei tassi di interesse, che costringono le famiglie a dare priorità ai beni di prima necessità e a ridurre le spese discrezionali.

"Forse è arrivato più tardi di quanto ci si aspettasse inizialmente, ma le condizioni finanziarie restrittive create dalla Fed sembrano finalmente mettere a dura prova i bilanci delle famiglie quest'anno", ha dichiarato Stuart Cole, capo economista di Equiti Capital.

"Ma un ritmo più lento dei consumi potrebbe essere accolto con favore dalla Fed, in quanto rende molto più facile il compito di riportare l'IPC all'obiettivo, soprattutto in considerazione del ruolo chiave dei consumi interni nel guidare l'attività economica degli Stati Uniti", ha detto Cole.

L'euro era in rialzo dello 0,02% a 1,073625 dollari. La moneta comune è scivolata fino a 1,071 dollari all'inizio della sessione.

Rispetto ad un paniere di valute, il dollaro è rimasto pressoché invariato a 105,30 dollari.

"Il rapporto sulle vendite al dettaglio, più morbido del previsto, aumenta la probabilità che la Fed inizi a tagliare i tassi di interesse tra qualche mese", ha dichiarato Bill Adams, capo economista di Comerica Bank, in una nota.

I futures sui Fed Funds implicano una probabilità del 67% di almeno un taglio dei tassi entro la riunione della Fed di settembre, rispetto al 63% di un giorno fa.

Il Presidente della Fed di Filadelfia, Patrick Harker, ha dichiarato lunedì di essere favorevole ad un solo taglio dei tassi d'interesse quest'anno, ma ha lasciato aperta la possibilità di cambiare la sua opinione in base ai dati in arrivo.

Una lunga lista di funzionari della Fed salirà sul podio in varie sedi nel corso della giornata, tra cui Susan Collins della Fed di Boston e Thomas Barkin della Fed di Richmond.

La scorsa settimana, le lievi letture sull'inflazione statunitense hanno contrastato con la posizione complessivamente falsi dei funzionari della Fed, che hanno ridotto la loro precedente proiezione mediana di tre tagli dei tassi di un quarto di punto quest'anno a uno.

Il rally del dollaro della scorsa settimana è stato guidato principalmente da un brusco calo dell'euro dopo che il Presidente francese Emmanuel Macron ha indetto un'elezione lampo in risposta alla sconfitta del suo partito centrista al governo da parte dell'euroscettico National Rally di Marine Le Pen alle elezioni del Parlamento europeo.

Da allora l'euro si è stabilizzato.

"Nel fine settimana, la Le Pen francese ha dichiarato di essere pronta a collaborare con il Presidente Macron e di non cercarlo", ha detto Mohit Kumar, capo economista per l'Europa di Jefferies.

"Una parte dei recenti movimenti di risk off è stata guidata dai timori di una 'Frexit' e di una rottura dell'area euro", ha aggiunto. "Questi timori sono esagerati".

Il dollaro è rimasto invariato rispetto allo yen, a 157,81 yen, mantenendosi al di sotto del massimo di sei settimane di venerdì, a 158,26 yen.

La sterlina è rimasta piatta in giornata a 1,2705 dollari, mentre gli investitori attendono i dati sull'inflazione di mercoledì e la decisione sui tassi di interesse della Banca d'Inghilterra il giorno successivo.

Nel frattempo, il dollaro australiano è salito dello 0,6% dopo che la Reserve Bank of Australia ha mantenuto i tassi fermi martedì. "La posizione della RBA era ben delineata: sono in modalità di attesa fino a quando non riceveranno altri dati sull'inflazione", ha detto Catril di NAB.

Nelle criptovalute, il bitcoin è sceso di circa il 3% a 64.475 dollari, il minimo di un mese.