Uno sguardo alla giornata in corso sui mercati europei e globali da Ankur Banerjee

Gli investitori si dirigono verso il fine settimana tenendo i loro cappelli di rischio, mentre le borse di tutto il mondo si gonfiano ai massimi storici dopo che i guadagni da urlo di Nvidia, il beniamino dell'AI, hanno ravvivato un rally infuocato nelle azioni tecnologiche che potrebbe ancora infiammarsi.

Venerdì dovranno riflettere su una serie di dati economici provenienti dalla Germania, con le borse europee che dovrebbero aprire in rialzo, come indicano i futures.

Giovedì Nvidia ha aggiunto al suo valore di mercato una cifra da capogiro: 277 miliardi di dollari, pari a mezza TSMC, mentre l'ottimismo intorno all'AI ha portato il Nikkei, lo STOXX 600 e l'S&P 500 a picchi record nello stesso giorno.

La giornata di venerdì si sta trasformando in un'ulteriore conferma, con le azioni asiatiche ai massimi di sei mesi, guidate dalle azioni tecnologiche. I mercati giapponesi sono chiusi per una festività.

Le azioni tecnologiche in Europa hanno avuto un'impennata, salendo del 12,5% quest'anno, ma con gli indicatori tecnici che segnalano un surriscaldamento, potremmo assistere a qualche presa di profitto da parte degli investitori nel breve termine.

L'indice di forza relativa dello STOXX 600 paneuropeo si trova appena sotto la soglia di 70 che segnala un mercato ipercomprato.

Nel mercato valutario, lo yen è sotto i riflettori, scivolando a nuovi minimi su euro, sterlina e altri cross questa settimana. Lo yen è la valuta del G10 che ha registrato la performance peggiore quest'anno, con un calo del 6,4% rispetto al dollaro.

L'indice del dollaro, che misura la valuta statunitense rispetto a sei rivali, è in rialzo del 2,5%, in quanto i trader si sono resi conto che la Fed forse non stava bluffando quando si è opposta alle prime e forti aspettative di tagli dei tassi di interesse.

Goldman Sachs è stata l'ultima a posticipare il punto di partenza del ciclo di allentamento della Fed a giugno da maggio. I mercati stanno anche valutando giugno come il momento in cui la banca centrale statunitense taglierà per la prima volta i tassi.

I trader hanno anche stimato 78 punti base di tagli nel corso dell'anno, in calo rispetto ai 150 punti base di allentamento all'inizio dell'anno e più vicini alla proiezione della stessa Fed di 75 punti base di tagli.

Tra le notizie societarie, Standard Chartered sarà al centro dell'attenzione all'apertura dopo che la banca focalizzata sull'Asia ha annunciato un riacquisto di azioni per 1 miliardo di dollari e un aumento del dividendo, riportando un aumento del 18% dell'utile ante imposte per il 2023.

Sviluppi chiave che potrebbero influenzare i mercati venerdì:

Eventi economici: Germania: dati dettagliati sul PIL del quarto trimestre; Germania: dati IFO di febbraio.

Guadagni: BASF