(Per un blog in diretta di Reuters sui mercati azionari di Stati Uniti, Regno Unito ed Europa, cliccare o digitare LIVE/ in una finestra di notizie).

* L'indice delle banche scende ai minimi di sette settimane

* I titoli di criptovaluta scendono mentre il bitcoin tocca il minimo di una settimana

* GM approva un piano di riacquisto di azioni da 6 miliardi di dollari.

* Indici in calo: Dow 0.62%, S&P 0.29%, Nasdaq 0.02%

11 giugno (Reuters) -

I principali indici di Wall Street sono scivolati martedì, in quanto gli investitori sono diventati cauti in vista di una lettura cruciale dell'inflazione e di un annuncio politico da parte della Federal Reserve previsto per questa settimana, anche se una ripresa delle azioni di Apple ha contribuito a contenere le perdite.

Le azioni di Apple sono rimbalzate del 5,5%, superando la soglia dei 200 dollari e toccando un massimo storico. Nella sessione precedente erano diminuite in seguito al rilascio della tanto attesa strategia AI del produttore di iPhone durante una conferenza per gli sviluppatori.

Ciò ha contribuito a limitare le perdite sul Nasdaq e sull'S&P 500. Tuttavia, il calo è stato ampio, con il Nasdaq e l'S&P 500 in calo. Tuttavia, le azioni hanno subito un calo generale, con 10 degli 11 principali settori dell'S&P 500 in rosso, mentre i mercati si preparavano alla pubblicazione del rapporto sull'indice dei prezzi al consumo di maggio, prevista per mercoledì, e alla conclusione della riunione politica di due giorni della Fed.

"Credo che gli investitori, in particolare quelli a breve termine, si stiano spostando un po' in disparte per evitare il potenziale di una dichiarazione avversa della Fed", ha detto Rick Meckler, partner di Cherry Lane Investments.

Non si prevede che la banca centrale modifichi i tassi, ma rilascerà le sue proiezioni economiche aggiornate e il "dot plot", che mostra dove i responsabili politici si aspettano che i tassi di interesse si posizionino quest'anno e a lungo termine.

I numeri dell'IPC e le proiezioni della Fed saranno esaminati dopo che i recenti rapporti hanno inviato segnali contrastanti sulla salute di fondo dell'economia.

I mercati hanno ridimensionato le aspettative per il primo taglio dei tassi della Fed a settembre, valutando ora circa il 50% di possibilità, secondo lo strumento FedWatch del CME. Inoltre, i futures sui tassi implicano un solo taglio quest'anno, rispetto ai due precedenti ai dati sui Nonfarm Payrolls di venerdì.

"Forse domani la Fed cambierà le indicazioni nel suo linguaggio? I mercati si trovano in una sorta di tira e molla con la Fed perché si aspettano che accada qualcosa", ha detto Richard Christopher Whalen, presidente di Whalen Global Advisors.

Le principali banche, tra cui JPMorgan Chase & Co, Citigroup e Bank of America, sono scese di oltre il 2%, mandando l'indice bancario più ampio ai minimi di sette settimane.

Altri titoli di crescita sensibili ai tassi sono scivolati, con Microsoft , Meta Platforms e Amazon.com in calo tra lo 0,5% e l'1%, mentre Tesla è scivolata del 3,2%.

Alle 12:10 p.m. ET, il Dow Jones Industrial Average era in calo di 241,30 punti, o 0,62%, a 38.626,74, lo S&P 500 era in calo di 15,65 punti, o 0,29%, a 5.345,14, e il Nasdaq Composite era in calo di 4,07 punti, o 0,02%, a 17.188,46.

L'indice Russell 2000 a piccola capitalizzazione è sceso

0.8

%.

Gli operatori carcerari CoreCivic e Target Hospitality sono crollati rispettivamente del 20,3% e del 35,1%, dopo che la U.S. Immigration and Customs Enforcement ha dichiarato che chiuderà un centro di detenzione in Texas.

I titoli legati alle criptovalute sono scivolati a causa del calo del bitcoin, con i minatori di bitcoin Riot Platforms e Marathon Digital e la borsa di criptovalute Coinbase in calo tra il 4% e il 5%.

General Motors ha guadagnato quasi il 2,1% dopo che la casa automobilistica ha annunciato un piano di riacquisto di azioni da 6 miliardi di dollari.

Cleveland-Cliffs è scesa del 4,8% dopo che il broker J.P.Morgan ha declassato il titolo dell'acciaio a "neutrale" da "sovrappesato".

I titoli in ribasso hanno superato quelli in rialzo con un rapporto di 2,40 a 1 sul NYSE e di 1,97 a 1 sul Nasdaq.

L'indice S&P ha registrato 14 nuovi massimi di 52 settimane e quattro nuovi minimi, mentre il Nasdaq ha registrato 28 nuovi massimi e 102 nuovi minimi.