Accedi
Accedi
Oppure accedi con
GoogleGoogle
Twitter Twitter
Facebook Facebook
Apple Apple     
Registrazione
Oppure accedi con
GoogleGoogle
Twitter Twitter
Facebook Facebook
Apple Apple     

NEW ZEALAND DOLLAR / US DOLLAR (NZD/USD)

Tempo differito  -  05:25 26/09/2022
0.5727 USD   -0.23%
03:41L'oro tocca i minimi di 2 anni e mezzo, mentre il dollaro si erge a protagonista
MR
03:35Il petrolio recupera alcune perdite, ma il dollaro forte blocca i guadagni
MR
03:28La sterlina crolla ai minimi storici quando il piano fiscale spinge l'esodo degli investitori
MR
RiassuntoQuotazioniGraficiNotizieDerivati 
RiassuntoTutte le notizieAltre lingueAnalisi MarketScreener

La banca centrale della Nuova Zelanda continuerà con il rialzo di 50 pb ad agosto - sondaggio Reuters

12-08-2022 | 04:03
A security guard stands outside the main entrance to the Reserve Bank of New Zealand located in central Wellington, New Zealand

La Reserve Bank of New Zealand (RBNZ) si atterrà alla sua posizione da falco e mercoledì effettuerà il quarto rialzo consecutivo dei tassi di mezzo punto, nella sua stretta più aggressiva da oltre due decenni a questa parte, per cercare di contenere l'inflazione ostinatamente alta, secondo un sondaggio Reuters.

Tra i suoi colleghi, uno dei primi a ritirare gli stimoli dell'era pandemica, la campagna di rialzo dei tassi della RBNZ per contenere l'inflazione più alta degli ultimi tre decenni, pari al 7,3%, ha già spinto i tassi al rialzo di 225 punti base da ottobre.

Poiché non si prevede che l'inflazione si allenti presto e il mercato del lavoro rimane rigido, è probabile che la RBNZ rimanga concentrata sul contenimento delle pressioni sui prezzi, cercando di non far precipitare l'economia in una recessione.

Tutti i 23 economisti del sondaggio Reuters dell'8-11 agosto prevedevano che i responsabili della fissazione dei tassi della RBNZ avrebbero aumentato il tasso ufficiale di liquidità di altri 50 punti base durante la riunione del 17 agosto, portandolo al 3,00%. Era all'1,00% prima della pandemia COVID-19.

"Pensiamo che i dati siano stati più ostili sul fronte dell'inflazione di quanto si aspettassero, ma non abbastanza da gettarli nel panico. I tassi sono in aumento da un anno, quindi sono ben dentro questo ciclo, e hanno fornito molto", ha detto Sharon Zollner, capo economista di ANZ.

"Non posso escludere che possano arrivare a 75 se decidessero di dare un calcio al mercato. A questo punto, non lo consideriamo particolarmente probabile".

Tutti i 23 economisti intervistati, tranne uno, prevedono che i tassi raggiungeranno il 3,50% o più entro la fine del 2022, in quello che sarebbe l'inasprimento politico più aggressivo da quando il tasso ufficiale di liquidità è stato introdotto nel 1999.

Sebbene la RBNZ abbia segnalato l'intenzione di aumentare il tasso al 4,00% entro la metà del 2023, quasi alla pari con la Federal Reserve statunitense, pochi economisti nel sondaggio hanno affermato che si sarebbe spinta così lontano.

Solo cinque dei 23 economisti hanno previsto che i tassi avrebbero raggiunto il 4,00% entro la fine del 2022, rispetto a uno nel sondaggio precedente.

Un'economia in rallentamento, insieme al primo calo annuale dei prezzi degli immobili in più di un decennio, probabilmente limiterà la banca centrale dall'effettuare aumenti dei tassi più consistenti.

La maggioranza degli economisti che hanno risposto ad un'ulteriore domanda ha previsto che la banca centrale tornerà a incrementi più standard di 25 punti base nelle riunioni di ottobre e novembre.

"Verso la fine del 2022, prevediamo una moderazione delle pressioni economiche e dei prezzi, che consentirà di cessare i rialzi dei tassi di interesse", ha dichiarato Brad Olsen, economista principale di Infometrics.

"Nonostante ciò, siamo fermi nella nostra opinione che la Reserve Bank continuerà, e dovrebbe continuare, ad aumentare i tassi di interesse fino a quando l'inflazione non sarà controllata, indipendentemente dall'evoluzione del contesto economico".

Dodici dei 19 intervistati prevedono che il tasso di liquidità rimarrà fermo al 3,50% o sarà più basso entro la fine del 2023. I restanti sette prevedevano che sarebbe salito al 3,75% o più entro quella data.

Si prevede che l'inflazione rientri nell'intervallo target del 2%-3% nella seconda metà del prossimo anno, come risulta da un sondaggio Reuters separato.


© MarketScreener con Reuters 2022
Tutte le notizie su NEW ZEALAND DOLLAR / US DOLLAR (NZD/USD)
03:41L'oro tocca i minimi di 2 anni e mezzo, mentre il dollaro si erge a protagonista
MR
03:35Il petrolio recupera alcune perdite, ma il dollaro forte blocca i guadagni
MR
03:28La sterlina crolla ai minimi storici quando il piano fiscale spinge l'esodo degli inves..
MR
25/09LA MENTE DEL MERCATO: Gli anelli del destino FX dell'Asia
MR
24/09CAMBI: New York, quotazioni dollaro
AW
23/09Il Dow crolla a un nuovo minimo del 2022, ma evita per poco l'etichetta di mercato orso..
MT
23/09Le azioni statunitensi sono scese venerdì, mentre il Dow è entrato nel territorio del m..
MT
23/09BMO declassa le sue prospettive di crescita del Canada, dicendo che 1,40/US$ "è certame..
MT
23/09Venti di recessione, dall'Europa agli Usa Borse a picco
AW
23/09La chiamata di CIBC per il mercato statunitense della settimana entrante
MT
Altre news
Grafico NEW ZEALAND DOLLAR / US DOLLAR (NZD/USD)
Durata : Periodo :
New Zealand Dollar / US Dollar (NZD/USD): grafico analisi tecnica New Zealand Dollar / US Dollar (NZD/USD) | MarketScreener
Grafico a schermo intero
Trend analisi tecnica NEW ZEALAND DOLLAR / US DOLLAR (NZD/USD)
Breve TermineMedio TermineLungo Termine
TrendRibassistaRibassistaRibassista